Che ho fatto io per meritare questo?

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Che ho fatto io per meritare questo?
Chfipmq.png
Scena del film
Titolo originale¿Qué he hecho yo para merecer esto!
Paese di produzioneSpagna
Anno1984
Durata101 min
Generecommedia, drammatico
RegiaPedro Almodóvar
SoggettoPedro Almodóvar
SceneggiaturaPedro Almodóvar
FotografiaÁngel Luis Fernández
MontaggioJosé Salcedo
Effetti specialiCarlo di Malti, José María López Sáez, Francisco Prósper
MusicheBernardo Bonezzi
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Che ho fatto io per meritare questo? (¿Qué he hecho yo para merecer esto!) è un film del 1984 scritto e diretto da Pedro Almodóvar che riprende parzialmente il breve racconto di Roald Dahl "Cosciotto d'agnello" (Lamb to the Slaughter) del 1953.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Gloria vive in un piccolo appartamento alla periferia di Madrid con il marito Antonio e i due figli, Toni e Miguel. Antonio è un tassista ossessionato dal ricordo di una storia d'amore avuta anni prima con Ingrid, una cantante tedesca. Toni, quattordicenne, si droga e spaccia, mentre il più piccolo, Miguel, si prostituisce ai padri dei suoi compagni di scuola. Insieme alla famiglia di Gloria vive anche la madre di Antonio, che non fa altro che bere acqua gassata e mangiare madeleines, di cui è golosissima, nonostante sia diabetica.

Gloria è divisa tra una deprimente vita casalinga ed il lavoro da donna delle pulizie in una scuola di kendo, ma fatica a guadagnare abbastanza per mantenere sé stessa e i due figli. Antonio non riesce infatti a guadagnare abbastanza col lavoro da tassista e appare inoltre distaccato dai destini della famiglia. Pur di avere una bocca in meno da sfamare, Gloria decide di affidare Miguel ad un ricco dentista pederasta.

A causa delle difficoltà economiche e familiari, Gloria soffre diverse crisi nervose e cura i suoi stati depressivi assumendo massicce dosi di anfetamine. Nonostante tutto, Gloria riesce ad andare avanti anche grazie all'appoggio di Cristal e Juana, la prima una squillo prodiga di consigli che abita nel suo stesso pianerottolo, mentre la seconda è un'altra vicina di casa che ha una figlia, che odia, con poteri telecinetici.

Antonio è capace di imitare qualunque tipo di calligrafia. Un giorno carica sul proprio taxi Lucas Villalba, uno scrittore fallito, il quale, venendo a conoscenza dell'abilità di Antonio, chiede a quest'ultimo di falsificare la firma di Hitler su un memoriale del dittatore. Per convincere Antonio, Villalba si rivolge ad Ingrid, chiedendole di portare il memoriale dalla Germania ed organizzando così un incontro tra i due.

Il piano di Villalba va però in fumo quando, in seguito ad una furiosa lite, Gloria uccide accidentalmente Antonio. Cristal decide ancora una volta di aiutare Gloria, fornendole un alibi. Gloria tuttavia confessa l'omicidio all'ispettore incaricato delle indagini, anche se quest'ultimo non le crede.

Dopo la morte di Antonio, l'appartamento di Gloria piano piano si svuota. La madre di Antonio decide infatti di tornare al proprio paese natìo insieme a Toni.

Gloria, rimasta sola, si affaccia dal balcone con intenzioni suicide, ma l'improvviso ritorno di Miguel le farà cambiare idea.

Tematiche[modifica | modifica wikitesto]

Il film presenta, seppur in maniera acerba, alcune delle tematiche ricorrenti nella filmografia del grande regista spagnolo.

In questo Che ho fatto io per meritare questo?, Almodóvar introduce ad esempio il tema dell'omosessualità, argomento sviluppato però in maniera più compiuta in pellicole successive, come La legge del desiderio del 1987 e Tutto su mia madre del 1999.

Gloria rappresenta l'eroina moderna, personaggio spesso centrale nei film di Almodóvar, ovvero una donna comune e dalla personalità apparentemente semplice, capace però di qualsiasi cosa. La protagonista di Volver, Ramunda, interpretata da Penelope Cruz, ricalca ad esempio tali caratteristiche.

Come nel successivo e ben più apprezzato Donne sull'orlo di una crisi di nervi del 1988, Carmen Maura viene chiamata a vestire i panni di una donna afflitta da problemi di natura essenzialmente emotiva ma in grado nel finale di risollevarsi, seppure attraverso un percorso sofferto e costellato da risvolti psicologici amari.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato insignito del Premio Sant Jordi al miglior film spagnolo nel 1985.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1987 i Pet Shop Boys compongono un brano omonimo (What Have I Done to Deserve This?, in inglese) che però non ha nessun legame con il film di Almodóvar.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema