¡Ay, Carmela!

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
¡Ay Carmela!
Titolo originale ¡Ay Carmela!
Paese di produzione Spagna, Italia
Anno 1990
Durata 102 min
Genere drammatico
Regia Carlos Saura
Soggetto José Sanchís Sinisterra
Sceneggiatura Rafael Azcona e Carlos Saura
Fotografia José Luis Alcaine
Montaggio Pablo González del Amo
Musiche Alejandro Massó
Scenografia Rafael Palmero
Interpreti e personaggi

¡Ay Carmela! è un film del 1990 diretto da Carlos Saura, tratto dall'omonima pièce teatrale di José Sanchiz Sinisterra. Appartiene al filone delle opere postfranchiste che vogliono ritrarre il regime in chiave tragicomica.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film narra la storia di due teatranti, Carmela e Paulino, e di un muto che, durante la guerra civile spagnola, si trovano per sbaglio a passare in territorio franchista, vengono catturati e costretti a recitare sotto la regia di un luogotenente italiano fascista (Amedeo Giovanni di Ripamonte) in una farsa con canzonette fasciste e avanspettacolo di regime davanti a ufficiali e ad un pubblico di condannati a morte. Il pensiero di questi condannati provoca la ribellione di Carmela che viene uccisa sul palco mentre interpreta la Repubblica vilipesa.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema