Carlo Caione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carlo Caione
Carlo Caione.jpg
Carlo Caione con la maglia dell'Aquila Rugby, 2004
Dati biografici
Paese Italia Italia
Altezza 187 cm
Peso 97 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Terza linea
Ritirato 2005
Carriera
Attività di club¹
1991-1998 L’Aquila 129 (165)
1998-2003 Rugby Roma 82 (65)
2003-2005 L’Aquila 21 (15)
Attività da giocatore internazionale
1995-2001 Italia Italia 25 (20)

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito

Statistiche aggiornate al 22 novembre 2012

Carlo Caione (L'Aquila, 18 febbraio 1973) è un ex rugbista a 15 e dirigente sportivo italiano, terza linea flanker di Aquila e Rugby Roma, e già consigliere federale della Federazione Italiana Rugby fino al 2008.


Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Caione iniziò a giocare a rugby nel CUS L'Aquila, con cui vinse nel 1987 il campionato italiano U-15; successivamente, nel 1990, fu ingaggiato dall'Aquila Rugby, esordendo in serie A1 il 27 gennaio 1991 contro il Livorno.

Fu tra i protagonisti della conquista dello scudetto al termine della stagione 1993-94, vinto sconfiggendo nella finale di Padova il Milan, più quotato e favorito dal pronostico[1].

Già proveniente da tutta la trafila internazionale a livello giovanile e sempre come capitano (Italia U-15 U-17, U-19, U-21, Seven e “A”), nel 1995 giunse alla Nazionale maggiore chiamato dall'allora C.T. Georges Coste, che lo fece esordire a Buenos Aires contro la Romania in un incontro valido sia per la Coppa Latina che per la Coppa FIRA 1995-97; prese parte anche alla Coppa del Mondo di rugby 1999 in Galles e alle prime edizioni del Sei Nazioni disputate dall'Italia.

Passato alla Rugby Roma nel 1998, vinse con la squadra della Capitale la Coppa Italia 1998-99 e, l'anno successivo, divenutone il capitano, il campionato 1999-2000, ottenuto sconfiggendo in finale proprio L'Aquila[2].

Tornato all'Aquila nel 2003, terminò la carriera nel 2005 a soli 32 anni, dopo una lunga serie di infortuni; e da allora è dedito alla sua professione di odontoiatra[3].

Dal 2004 al 2008 fu consigliere federale della Federazione Italiana Rugby, eletto in quota atleti, come rappresentante degli stessi.

Dopo il terremoto dell'Aquila del 2009 Caione si è fatto promotore di un'associazione, Forza l'Aquila, per il recupero della zona cittadina di Piazza d'Armi, danneggiata dal sisma[4].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stefano Edel, L'Aquila vola sul cielo del rugby, in Corriere della Sera, 24 aprile 2004. URL consultato il 9 novembre 2009 (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2012).
  2. ^ Eduardo Lubrano, Nella Capitale tricolore anche il rugby campione, in la Repubblica, 18 giugno 2000. URL consultato il 22 novembre 2000.
  3. ^ Katia Visca, Caione: rugbista e gentiluomo, "perché molti sono laureati", in Abruzzo Web, 17 novembre 2011. URL consultato il 22 novembre 2012.
  4. ^ Piazza d'Armi. Forza L'Aquila contro il Comune: "Un pasticcio", in L'Aquila TV, 16 novembre 2011. URL consultato il 22 novembre 2012 (archiviato dall'url originale l'11 marzo 2016).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]