Carabiniere (F 593)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carabiniere
Nave Carabiniere (F 593).jpg
Descrizione generale
Naval Ensign of Italy.svg
TipoFregata missilistica antisommergibile
ClasseBergamini
ProprietàNaval Ensign of Italy.svg Marina Militare
IdentificazioneF 593
CostruttoriFincantieri
CantiereRiva Trigoso (GE)
Varo29 marzo 2014
Caratteristiche generali
Dislocamento6.900 t
Lunghezzafuori tutto 144,7 m
Larghezzafuori ossatura 19,70 m
Altezzaponte principale 11,30 m
Pescaggiom
PropulsioneCODLAG:
  • 1 Avio-GE LM 2500+G4 32,00 MW
  • 2 motori elettrici propulsivi 2x2,5 MW
  • 4 gruppi 4x2,1 MW
  • 2 eliche a passo variabile
  • 1 motore elettrico con elica prodiera azimutale retrattile
  • Autonomia 45 giorni
  • Velocità ≥ 27 nodi
  • Autonomia 6.000 miglia a 15 nodi
Equipaggio145 + 20 di supplemento di personale
Equipaggiamento
Guerra elettronica

ESM:

ECM:

Sistema antisiluro SLAT:

  • 2 lanciatori per 12 decoy acustici ciascuno
Armamento
Artiglieria2 Cannoni OTO Melara da 76/62 mm SR (con kit DAVIDE e STRALES)
2 Mitragliere da 25/80 mm OTO Melara/Oerlikon GBM-AO1
Siluri2 Lanciatori trinati B515 da 324 mm per siluro MU-90 Impact
Missili4 Teseo Mk2/A ASuW e 4 Milas ASW e ASuW
16 celle VLS Sylver A50 per missili superficie-aria e anti-missile MBDA Aster 15 e 30 (predisposizione per ulteriori 16 celle VLS Sylver)
Mezzi aerei2 elicotteri NH90 o 1 EH101 + 1 NH90 dotati di due siluri leggeri MU 90 o due missili antinave Marte Mk 2/S
Note
MottoNei secoli fedele

fonti citate nel corpo del testo

voci di navi presenti su Wikipedia

Il Carabiniere è una fregata missilistica della Marina Militare Italiana specializzata nella lotta antisom. L'unità è intitolata all'Arma dei Carabinieri, quarta delle Forze Armate Italiane ed è stata varata il 29 marzo 2014 in virtù dell'approssimarsi del bicentenario di fondazione dell'Arma dei Carabinieri, 1814-2014. La nave appartiene al gruppo ASW della Classe Bergamini, insieme alle altre unità Virginio Fasan, Carlo Margottini e Alpino[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il varo[modifica | modifica wikitesto]

La madrina della cerimonia è stata Liliana D'Acquisto, nipote del vicebrigadiere dei Carabinieri eroe Medaglia d'oro al valore militare Salvo d'Acquisto[2]. Al varo hanno presenziato il Ministro della Difesa Roberta Pinotti, il Capo di Stato Maggiore della Difesa ammiraglio Luigi Binelli Mantelli, il Capo di Stato Maggiore della Marina Militare ammiraglio di Squadra Giuseppe De Giorgi, il Comandante Generale dell'Arma dei Carabinieri generale di corpo d'armata Leonardo Gallitelli, e il presidente della regione Liguria Claudio Burlando[3]. La Gli interventi in occasione del varo sono stati tenuti tanto da dirigenti aziendali (il rappresentante delle maestranze, l'amministratore delegato di Fincantieri Giuseppe Bono e l'amministratore delegato di Cassa Depositi e Prestiti, che attraverso Fintecna controlla il gruppo cantieristico), quanto dai rappresentanti istituzionali e dai vertici militari interessati[4]. Il varo è avvenuto con il sistema Road Away, metodo che consiste nell'immissione in un bacino galleggiante tramite l'impiego di carrelli autopropulsi.

Come gli altri vascelli della classe Bergamini, il Carabiniere ha la possibilità di impiego in diversi contesti operativi: unità inserita nell'ambito di una task force, unità con funzioni di Comando e Controllo o in attività isolata[5].

La nave può raggiungere una velocità superiore ai ventisette nodi grazie ad una turbina da 32 MW e ha una capacità massima di personale trasportato pari a duecento persone[6].

La consegna[modifica | modifica wikitesto]

La nave è stata consegnata alla Marina Militare a La Spezia il 28 aprile 2015 presso gli stabilimenti Fincantieri di Muggiano.[7]

Nave Carabiniere[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale Carabiniere è la quarta unità a portare questo nome:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina