Ave Verum Corpus (testo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Ave Verum Corpus, o semplicemente Ave Verum, è un testo eucaristico che viene fatto risalire a una poesia del XIV secolo. L'inno riguarda il credo cattolico della presenza del corpo di Gesù Cristo nel sacramento dell'eucaristia; il significato italiano del titolo è Salve, Vero Corpo.

Testo dell'inno[modifica | modifica wikitesto]

(LA)

« Ave Verum Corpus natum de Maria Virgine,[1]
Vere passum, immolatum in cruce pro homine,
Cuius latus perforatum fluxit aqua et sanguine,[2]
Esto nobis praegustatum in mortis examine.
O Iesu dulcis, O Iesu pie, O Iesu, fili Mariae,
Miserere mei. Amen. »

(IT)

« Ave, o vero corpo, nato da Maria Vergine,
che veramente patì e fu immolato sulla croce per l'uomo,
dal cui fianco squarciato sgorgarono acqua e sangue:
fa' che noi possiamo gustarti nella prova suprema della morte.
O Gesù dolce, o Gesù pio, o Gesù figlio di Maria.
Pietà di me. Amen. »

Versioni in musica[modifica | modifica wikitesto]

Questo testo è stato musicato da numerosi compositori; fra le numerose versioni, quella più celebre è l'opera K.618 di Wolfgang Amadeus Mozart. Il testo è, inoltre, inserito all'interno della canzone "Don Salvató" di Enzo Avitabile.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Variante: natum ex Maria Virgine.
  2. ^ Variante: Cuius latus perforatum unda fluxit et sanguine.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo