Antonio Puerta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antonio Puerta
Antonio Puerta Perez.jpg
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 183 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Carriera
Giovanili
2002-2004 Siviglia
Squadre di club1
2002-2004Siviglia Atlético40 (4)
2003-2007Siviglia54 (5)
Nazionale
2004-2005 Spagna Spagna U-21 5 (0)
2005-2006 Spagna Spagna U-23 5 (2)
2006-2007 Spagna Spagna 1 (0)
Palmarès
Gold medal mediterranean.svg Giochi del Mediterraneo
Oro Almeria 2005
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Antonio José Puerta Pérez (Siviglia, 26 novembre 1984Siviglia, 28 agosto 2007) è stato un calciatore spagnolo, di ruolo centrocampista.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Centrocampista esterno, occasionalmente giocava anche come terzino sinistro.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nel settore giovanile del Siviglia, ha giocato dapprima nel Siviglia Atlético, dal 2002 al 2004, e successivamente in prima squadra. Il Real Madrid nella stessa estate della sua morte fece più offerte; la prima, il 17 agosto, quando furono offerti al club andaluso 39 milioni di euro più il cartellino di Cicinho per avere Antonio insieme al compagno di squadra Daniel Alves. Successivamente il Real fece un'offerta specifica solo per Puerta, arrivando a offrire 15 milioni, ma lui, nato e cresciuto nella sua città, Siviglia, voleva diventare bandiera della squadra, e per questo rifiutò il trasferimento.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Con la Nazionale spagnola Puerta vanta una sola presenza. Prima della morte prematura giocava nella Nazionale spagnola Under 21.

La morte[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 agosto 2007 Puerta perde conoscenza in campo durante la partita Siviglia-Getafe, prima giornata della Liga, colpito da un arresto cardiaco. I suoi compagni e i medici intervengono immediatamente (Ivica Dragutinović e il portiere Andrés Palop gli impediscono di soffocare con la lingua) e Puerta riesce a dirigersi verso gli spogliatoi per il cambio, ma lì viene colpito da altri arresti cardiaci. Condotto all'ospedale più vicino da un'ambulanza, è sottoposto a rianimazione cardiopolmonare. Le sue condizioni rimangono critiche e alla fine, a causa di un peggioramento dovuto a un'encefalopatia post anossica, Puerta muore alle ore 14:32 del 28 agosto nell'ospedale Virgen del Rocío di Siviglia, all'età di 22 anni.[1][2]

La malattia alla base dei suoi problemi cardiaci è la displasia ventricolare destra aritmogena, causa di morte improvvisa tra i giovani e, visti i malori che avevano colpito in precedenza Puerta, avrebbe potuto essere diagnosticata con esami medici più approfonditi.

Al suo funerale, il 29 agosto a Siviglia, partecipano molti club europei, tra i quali anche il Milan, squadra contro la quale il venerdì successivo (31 agosto) il Siviglia disputa la Supercoppa Europea.

Il 21 ottobre 2007 la vedova di Antonio Puerta dà alla luce Aitor Antonio, primogenito di Puerta. Il nome Aitor era stato scelto dai due genitori, mentre Antonio è stato aggiunto in memoria del padre.

Il 10 ottobre 2008, a un anno di distanza dalla sua morte, i genitori del giovane calciatore chiedono giustizia perché, sostengono, i medici del Siviglia erano a conoscenza dei suoi problemi di salute, ma non gli hanno impedito di continuare a giocare.

Omaggi alla memoria[modifica | modifica wikitesto]

Nella finale di Supercoppa Europea, disputata il 31 agosto 2007 tra Siviglia e Milan, molti omaggi furono tributati a Puerta.

Entrambe le formazioni sono scese in campo con il lutto al braccio e con la scritta "Puerta" sotto il numero di ogni giocatore in onore al giovane talento spagnolo, e il minuto di silenzio a lui tributato fu davvero tale. Al gol di Renato la squadra andalusa indicò con le braccia in alto il giocatore. All'intervallo alcuni tifosi rossoneri ottennero dall'UEFA il permesso di consegnare a quelli del Siviglia lo striscione "Onore a Puerta". La curva andalusa replicò intonando un coro "Milan Milan".

Quando Seedorf fu sostituito in quella partita, si tolse la maglietta e mostrò il nome di Puerta a tutto lo stadio che lo applaudì, la stessa cosa aveva fatto in precedenza Kakà dopo il terzo gol. La finale fu vinta per 3 reti a 1 dai rossoneri, che dedicarono la vittoria al giocatore scomparso[3], e che per rispetto si limitarono al ritiro del trofeo, alla foto di gruppo e al saluto delle due tifoserie.

Quando la Spagna festeggiò la conquista dell'Europeo 2008, il Mondiale 2010 e l'Europeo 2012, Sergio Ramos, ex compagno di Puerta, indossò una maglietta con una sua foto.

Enzo Maresca, ex centrocampista dell'Hellas Verona che ha giocato molti anni nel Siviglia, porta tatuato sul braccio il numero 16 e la scritta "para siempre" in memoria dell'amico e compagno di squadra.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Spagna
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
7-10-2006 Solna Svezia Svezia 2 – 0 Spagna Spagna Qual. Euro 2008 - Ingresso al 52’ 52’
Totale Presenze 1 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Siviglia: 2005-2006, 2006-2007
Siviglia: 2006
Siviglia: 2006-2007
Siviglia: 2007

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Spagna U-23: 2005

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Fallece el sevillista Antonio Puerta tras más de dos días en la UCI, elmundo.es, 28 agosto 2007. URL consultato il 14 maggio 2014.
  2. ^ (EN) Sevilla's Puerta dies three days after collapse, espnfc.com, 28 agosto 2007. URL consultato il 14 maggio 2014.
  3. ^ Dedica speciale, acmilan.com, 31 agosto 2007. URL consultato il 14 maggio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN57812010 · GND (DE133742903