Angelo Carrano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Angelo Carrano
Nazionalità Italia Italia
Altezza 165 cm
Peso 60 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex mediano)
Ritirato 1976 - giocatore
2011 - allenatore
Carriera
Squadre di club1
1958-1959Pro Gorizia? (?)
1959-1960Bari1 (0)
1960-1961Parma38 (1)
1961-1967Bari148 (2)
1967Mantova2 (0)
1967-1968Palermo4 (0)
1968-1971Pescara48 (?)
1971-1973Martina29+ (?)
1973-1975Juventus Stabia26+ (?)
1975-1976Potenza8 (0)
Carriera da allenatore
1974-1975Juventus Stabia
1975-1976Potenza
1978-1979Squinzano
1979-1981Virtus Casarano
1981-1982Taranto
1982-1983Virtus Casarano
1983-1984Pro Italia Galatina
1984-1985Martina
1985-1986Fasano
1986-1987Juventus Stabia
1988-1989Fasano
1989-1990Matera
1990-1991Francavilla
1991-1992Campania Puteolana[1]
1992-1993Fasano
1993-1994Castrovillari
1994-1995Fasano
1997-1998Latina
1998-1999Fasano
1999-2000Taranto
2002-2003Latina
2003-2004Manfredonia
2004-2006Ostuni
2007-2008Castrovillari
2009-2010600px pentasection vertical HEX-DF0728 HEX-FAF428.svg Massafra
2010-2011Francavilla
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Angelo Carrano (Taranto, 2 maggio 1940) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo mediano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Dopo gli esordi in IV Serie con la Pro Gorizia, debutta in Serie A con il Bari nella stagione 1959-1960, e l'anno successivo passa al Parma dove disputa un campionato di Serie B. In seguito torna al Bari dove si ferma per sei stagioni (una in Serie A, tre in Serie B e due in Serie C), ottenendo con i pugliesi una promozione in Serie A nel campionato 1962-1963, una doppia retrocessione in Serie B ed in Serie C nei due anni successivi, ed infine una nuova promozione in Serie B nel 1966-1967.

Nel 1967 si trasferisce prima al Mantova, dove disputa altre due gare nella massima serie, e poi al Palermo che vince il campionato di Serie B 1967-1968, con cui colleziona 4 presenze. Nei tre anni successivi è in Serie C con il Pescara, ed infine termina la carriera tra Serie C e Serie D con il Martina, la Juve Stabia[2] ed il Potenza; in queste ultime due squadre ricopre il doppio incarico di giocatore e allenatore[3].

In carriera ha totalizzato 13 presenze in massima serie con Bari e Mantova, e 121 presenze con 3 gol segnati in 5 campionati di Serie B giocati con Parma, Bari e Palermo.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

La carriera da allenatore si svolge prevalentemente tra Serie C e Serie D; in totale ottiene una promozione in Serie C1 e cinque promozioni in Serie C2[4][5].

I primi successi arrivano con lo Squinzano, dove vince il campionato di Serie D 1978-1979, e con la Virtus Casarano, dove dal 1979 al 1981 ottiene due promozioni consecutive dalla Serie D alla Serie C1. In seguito allena il Taranto e nuovamente il Casarano in Serie C1, ed il Galatina, il Martina e la Juve Stabia[2] in Serie C2; nel 1985 è nel campionato Interregionale con il Fasano, squadra che in seguito allenerà a più riprese per quattro volte, e con cui otterrà due promozioni in Serie C2 nel 1992-1993 e nel 1998-1999[4].

Nel 1989-1990 è al Matera in Interregionale, dove viene sostituito a stagione in corso[6] e l'anno successivo al Francavilla con cui retrocede in Eccellenza. Nel 1993-1994 ottiene un'altra promozione in Serie C2 con il Castrovillari[4], e successivamente allena il Latina nel 1996-97 (subentrato) e 1997-98 (esonerato) nel CND e nel 2002-2003 in Serie C2 (esonerato)[7].

Nel 1999-2000 allena nuovamente il Taranto, che termina il campionato di Serie D al secondo posto e viene ripescato in Serie C2[8]. Gli ultimi anni della sua carriera sono a Manfredonia in Serie D dove viene esonerato, Ostuni in Eccellenza pugliese[5], Castrovillari nel 2008 dove ottiene una salvezza ai play-out di Serie D contro la Casertana[9]; infine con il Massafra in Eccellenza pugliese viene esonerato, e con il Francavilla in Serie D[5][9] si dimette a stagione in corso. Nel gennaio 2016 (a 76 anni) lascia un incarico ricoperto nel Taranto Calcio (serie D), per subentrare nella panchina dell'Hellas Taranto (Eccellenza pugliese). Dopo una settimana è però demansionato a supervisore tecnico, mentre ritorna De Falco come allenatore dell'Hellas Taranto. Lascia così il record ad una vecchia conoscenza dello stesso Carrano: si tratta di Angelo Busetta (anche lui settantaseienne), il quale porta regolarmente a termine il campionato nel Città di Paternò (promozione siciliana girone C).

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Calciatore[modifica | modifica wikitesto]

Palermo: 1967-1968
Bari: 1966-1967

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Squinzano: 1978-1979
Virtus Casarano: 1979-1980
Fasano: 1992-1993; 1998-1999
Castrovillari: 1993-1994

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Almanacco illustrato del calcio 1992, edizioni Panini, p.361
  2. ^ a b La storia della Juve Stabia Archiviato il 24 febbraio 2015 in Internet Archive. Juvestabia.info
  3. ^ La storia del Potenza Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive. 11leoni.com
  4. ^ a b c Carrano, Insanguine e un attacco d'oro La Gazzetta dello Sport, 13-10-1998
  5. ^ a b c L'ultima scommessa di Carrano Parolevirtuali.blogspot.com
  6. ^ Formazioni-tipo FC Matera Sassilive.it
  7. ^ Gli allenatori del Latina Archiviato il 30 ottobre 2011 in Internet Archive. Uslatinacalcio.it
  8. ^ Arsenal Taranto 1999-00 Xoomer.virgilio.it
  9. ^ a b Ufficiale: Carrano nuovo allenatore[collegamento interrotto] Asdfrancavillacalcio.com

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]