Alan Marangoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alan Marangoni
Antwerpen - Scheldeprijs, 8 april 2015, vertrek (B152).JPG
Nazionalità Italia Italia
Altezza 185 cm
Peso 74 kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada, pista
Ritirato 2018
Carriera
Squadre di club
2003-2005 CT Eternedile
2006-2008 Coppi-Gazzera Videa
2009 CSF Group
2010 Colnago
2011-2012 Liquigas
2013-2014 Cannondale
2015-2016Cannondale
2017-2018Nippo-Vini Fantini
Statistiche aggiornate al maggio 2019

Alan Marangoni (Lugo, 16 luglio 1984) è un ex ciclista su strada e pistard italiano. Campione nazionale di inseguimento su pista nel 2005 e a cronometro su strada tra gli Under-23 nel 2006, è stato professionista su strada dal 2009 al 2018, partecipando più volte al Giro d'Italia.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Originario di Cotignola, in provincia di Ravenna, nel 2005 fu campione italiano dell'inseguimento individuale, mentre l'anno successivo, sempre con i colori della Fausto Coppi Gazzera, vinse i campionati italiani su strada nella prova a cronometro riservata agli under-23, ottenendo così la convocazione per la prova di categoria dei campionati del mondo di Salisburgo. Da dilettante ottenne anche un successo al Memorial Davide Fardelli nel 2006 e una vittoria di tappa al Giro della Regione Friuli Venezia Giulia nel 2008.

Passò professionista nel 2009 nella CSF Group-Navigare di Bruno Reverberi, ottenendo un quarto posto ai campionati italiani a cronometro nel 2010 e partecipando al Giro d'Italia 2010. Nel 2011 passò alla Liquigas, squadra World Tour diretta da Roberto Amadio: con i nuovi colori colse il terzo posto nei campionati italiani a cronometro, prendendo inoltre parte al Giro d'Italia e alla Vuelta a España.

Prese parte alla "Corsa Rosa" anche nelle edizioni 2013 e 2014, vestendo la maglia della Cannondale, squadra diretta sempre da Amadio; nel 2013 fece anche il suo debutto al Tour de France, svolgendo ruoli di gregariato. Nel 2014 ottenne ancora la terza piazza nella cronometro dei campionati nazionali, preceduto da Adriano Malori e Dario Cataldo.

Nell'ottobre 2018 annuncia il ritiro dalle corse; il 10 novembre ottiene, alla sua ultima gara, la prima vittoria da professionista, al Tour de Okinawa.[1]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Pista[modifica | modifica wikitesto]

Campionati italiani, Inseguimento individuale
Campionati italiani, Scratch
Campionati italiani, Derny

Strada[modifica | modifica wikitesto]

Campionati italiani, Cronometro Under-23
Trofeo Gandolfi
Memorial Carlo Valentini
Memorial Davide Fardelli (cronometro)
Giro della Valcavasia
Memorial Umberto Drei
5ª tappa Giro della Regione Friuli Venezia Giulia (Alesso > Pontebba)
Trofeo Rigoberto Lamonica
Giro della Provincia di Padova
  • 2018 (Nippo-Vini Fantini, una vittoria)
Tour de Okinawa

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

  • 2016 (Cannondale-Drapac Pro Cycling Team)
1ª tappa Czech Cycling Tour (Frydek > Mistek, cronosquadre)

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

2010: 107º
2011: 142º
2013: 114º
2014: 137º
2015: 131º

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

2010: 116º
2011: ritirato
2014: ritirato
2016: 152º
2017: 155º
2011: ritirato
2012: ritirato
2013: ritirato
2014: 83º
2015: 93º
2016: 76º
2011: 100º
2012: ritirato
2013: ritirato
2014: 101º
2015: ritirato
2016: 62º
2010: ritirato
2015: ritirato

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Salisburgo 2006 - Cronometro Under-23: 21º

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Okinawa: Marangoni chiude la carriera con una vittoria, tuttobiciweb.it. URL consultato l'11 novembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]