Abdülmecid II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Abdülmecid II
AbdulmecidII.jpg
Ritratto fotografico anonimo di Abdülmecid II, prima del 1945
Califfo dell'Islam
(Califfato ottomano)
Stemma
In carica 24 novembre 1922 –
3 marzo 1924
Investitura 19 novembre 1922
Predecessore Mehmet VI
Successore carica abolita
Nascita Istanbul, 29 maggio 1868
Morte Parigi, 23 agosto 1944
Padre Abdul Aziz
Madre Hayranidil Kadın
Consorte Şehsuvar Başkadınefendi
Hayrünnisa Kadınefendi
Atiye Mehisti Kadınefendi
Bihruz Kadınefendi
Figli Ömer Faruk Effendi
Hatice Hayriye Ayşe Dürrühşehvar
Religione Islam sunnita

Abdülmecid II (in turco ottomano: عبد المجید ثانی `Abdü’l-Mecîd-i-sânî; in turco moderno: II. Abdülmecid; Istanbul, 29 maggio 1868Parigi, 23 agosto 1944) è stato l'ultimo Califfo della dinastia ottomana, il 101° dopo Abū Bakr, ed il 37° capo della casa imperiale ottomana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 maggio 1868 nacque nel Palazzo Dolmabahçe di Istanbul (altrimenti detta Costantinopoli) dal sultano regnante Abdul Aziz. Fu educato privatamente. Il 4 luglio 1918 il suo cugino di primo grado Mehmed VI divenne sultano e Abdul Megid fu nominato Principe ereditario. A seguito della deposizione del cugino il 1º novembre 1922 il Sultanato fu abolito. Ma il 19 novembre 1922 il Principe ereditario fu eletto Califfo dall'Assemblea Nazionale Turca ad Ankara. Si stabilì definitivamente a Istanbul il 24 novembre 1922.

Il 3 marzo 1924 fu deposto ed espulso dai confini turchi col resto della sua famiglia. Gli fu attribuito il grado di Generale dell'Esercito ottomano e servì come Presidente della Società Ottomana degli Artisti. È considerato uno dei più importanti pittori dell'ultimo periodo dell'arte ottomana e suoi quadri furono esposti alla mostra di pittura ottomana tenutasi a Vienna nel 1918. Un suo autoritratto si trova al Museo dell'Istanbul moderna.

Abdülmecid II e sua figlia Dürrüşehvar

Il 23 dicembre 1896 si sposò una prima volta nel Palazzo Ortaköy con Şehsuvar Başkadınefendi (Istanbul 2 maggio 1881Parigi 1945). Ebbero un figlio, il Principe Shehzade Ömer Faruk Effendi (27 febbraio 1898 – 29 marzo 1969). Il 18 giugno 1902 si sposò una seconda volta nel Palazzo Ortaköy con Hayrünnisa Kadınefendi (Panderma, 2 marzo 1876Nizza, 3 settembre 1936). Ebbero una figlia, la Principessa Hatice Hayriye Ayşe Dürrühşehvar (26 gennaio 1914 – 7 febbraio 2006) che si sposò poi con Azam Jah, figlio di Osman Ali Khan, Asif Jah VII, ultimo Nizam di Hyderabad.

Il 16 aprile 1912 si sposò una terza volta nel Palazzo Çamlıca con Atiye Mehisti Kadınefendi (Adapazarı, 27 gennaio 1892Londra, 1964), sorella di Kamil Bey. Il 21 marzo 1921 si sposò una quarta volta nel Palazzo Çamlıca con Bihruz Kadınefendi (İzmir, 24 maggio 1903). Il 23 agosto 1944 Abdul Megid II morì nella sua abitazione in Boulevard Suchet, a Parigi (Paris XVIe), Francia. Fu sepolto a Medina, in Arabia Saudita.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze ottomane[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine del Crescente - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del Crescente
Gran Maestro dell'Ordine di Nişan-i Imtiyaz - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Nişan-i Imtiyaz
Gran Maestro dell'Ordine della Gloria - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Gloria
Gran Maestro dell'Ordine di Nichan Iftikar - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Nichan Iftikar
Gran Maestro dell'Ordine di Medjidiyye - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Medjidiyye
Gran Maestro dell'Ordine di Osmanie - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Osmanie

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Califfo dell'Islam Successore Caliphate standard of Abdulmejid II (1922–1924).svg
Mehmet VI 19 novembre 1922- 3 marzo 1924 titolo abolito
Controllo di autoritàVIAF (EN32832963 · ISNI (EN0000 0000 4879 519X · Europeana agent/base/57077 · LCCN (ENno2006102408 · GND (DE120660229 · BNF (FRcb15104408v (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2006102408