Mehmet V

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mehmed V
Sultan Mehmed V of the Ottoman Empire cropped.jpg
Mehmed V fotografato nel 1913
Sultano dell'Impero ottomano
Stemma
Stemma
In carica 27 aprile 1909 –
3 luglio 1918
Incoronazione 10 maggio 1909
Predecessore Abdul Hamid II
Successore Mehmed VI
Nome completo Mehemd Reşad
Trattamento Padiscià
Altri titoli Califfo dell’Islam
Amir al-Mu'minin
Custode delle due Sacre Moschee
Qaysar-ı Rum (Cesare dei Romei)
Nascita Palazzo Çırağan, Beşiktaş, Istanbul, 2 novembre 1844
Morte Palazzo di Yıldız, Beşiktaş, 3 luglio 1918
Luogo di sepoltura Cimitero di Eyüp, Istanbul
Dinastia Ottomana
Padre Abdülmecid I
Madre Naturale
Gülcemal Kadin
Adottiva
Servetseza Kadin
Consorte Kamures Kadın
Dürriaden Kadın
Mihrengiz Kadın
Nazperver Kadın
Dilfirib Kadın
Figli Şehzade Mehmed Ziyaeddin
Şehzade Mahmud Necmeddin
Şehzade Ömer Hilmi
Refia Sultan
Religione Islam sunnita
Firma Tughra of Mehmed V.svg

Mehmed V (محمد الخامس in arabo, detto Reşad o Reşat o Reshid Effendi; Istanbul, 2 novembre 1844Istanbul, 3 luglio 1918) fu il trentacinquesimo sultano dell'Impero ottomano e il novantanovesimo califfo dell'Islam. Fratellastro di Murad V, Abdul Hamid II e Mehmed VI, regnò dal 1909 alla sua morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Mehmed era figlio del sultano Abd-ul-Mejid I e, come tutti gli altri potenziali eredi al trono, fu tenuto segregato dai successori del padre nell'harem del Palazzo Topkapı per 30 anni, nove dei quali passati in completa solitudine. Durante questo periodo si dedicò allo studio dell'antica poesia persiana: fu anche autore di versi.

Ascese al trono il 27 aprile 1909, ma il suo ruolo era privo di potere effettivo: le decisioni venivano in realtà prese da vari membri del governo ottomano e, durante la prima guerra mondiale, dai cosiddetti "Tre Pascià", Ismail Enver, Mehmed Talat e Ahmed Djemal.

L'unico atto significativo compiuto da Mehmed V fu dichiarare formalmente lo Jihād[senza fonte] contro la Triplice intesa nel novembre 1914, entrando in guerra a fianco di Germania e Austria: questa fu, in effetti, l'ultima proclamazione della guerra santa "legale", poiché il califfato venne abolito poco tempo dopo la morte di Mehmed (ciò nonostante, molti leader islamici hanno proclamato lo jihād da allora). La dichiarazione non ebbe effetti pratici sull'andamento della guerra, ma fu sfruttata dalla propaganda tedesca, che la fece stampare in più copie e distribuire.

Mehmed V ospitò il Kaiser Guglielmo II di Germania, suo alleato nel primo conflitto mondiale, a Costantinopoli il 15 ottobre 1917. Da questi, il sultano venne nominato Generalfeldmarschall del Regno di Prussia il 28 gennaio 1916 e dell'Impero di Germania il 1º febbraio 1916.

Mehmed V morì nel 1918 all'età di 73 anni: trascorse tutta la vita nel Palazzo di Yıldız ad Istanbul. La sua tomba si trova nel distretto di Eyup della metropoli turca. Ebbe due figli: i principi Mehmed Ziyaeddin (1873-1938) ed Omer Hilmi (1888-1935).

Famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Mehmed V aveva un harem poco numeroso, così come pochi figli. Fu anche l'unico sultano a non prendere nuove consorti dopo la sua salita al trono.

Consorti[modifica | modifica wikitesto]

Mehmed V aveva cinque consorti:[1][2]

  • Kamures Kadın (5 marzo 1855 - 30 aprile 1921). BaşKadin. È chiamata anche Gamres, Kamres o Kamus. Di origini caucasiche, sposò Mehmed quando era ancora Şehzade. Aveva un figlio.
  • Dürriaden Kadın (16 maggio 1860 - 17 ottobre 1909). Seconda Kadın. Nata Hatice Hanim, sposò Mehmed quando era ancora Şehzade. Era zia di Inşirah Hanim, che fu consorte di Mehmed VI. Aveva un figlio.
  • Mihrengiz Kadın (15 ottobre 1869 - 12 dicembre 1938). Seconda Kadın dopo la morte di Dürriaden. Circassa, nata Fatma Hanım, sposò Mehmed quando era ancora Şehzade. Aveva un figlio.
  • Nazperver Kadın (12 giugno 1870 - 9 marzo 1929). Terza Kadın dopo la morte di Dürriaden. Nata Rukiye Hanim, era una principessa abcasa della famiglia Çikotua e nipote di Dürrinev Kadın, consorte del sultano Abdülaziz (zio di Mehmed V) che si occupò di educarla. Sposò Mehmed quando era ancora Şehzade. Aveva una figlia.
  • Dilfirib Kadın (1890 - 1952). Quarta Kadın dopo la morte di Dürriaden. Circassa, sposò Mehmed quando era ancora Şehzade. Era amica intima di Safiye Ünüvar, insegnante a Palazzo. Non ebbe figli da Mehmed, ma dopo la sua morte si risposò ed ebbe un figlio.

Figli[modifica | modifica wikitesto]

Mehmed V aveva tre figli:[1][2]

  • Şehzade Mehmed Ziyaeddin (26 agosto 1873 - 30 gennaio 1938) - con Kamures Kadın. Ebbe cinque consorti, due figli e sei figlie.
  • Şehzade Mahmud Necmeddin (23 giugno 1878 - 27 giugno 1913) - con Dürriaden Kadın. Nato affetto da cifosi, non si sposò né ebbe figli.
  • Şehzade Ömer Hilmi (2 marzo 1886 - 6 aprile 1935) - con Mihrengiz Kadın. Ebbe cinque consorti, un figlio e una figlia. La sua pronipote Ayşe Gülnev Osmanoğlu è diventata autrice di romanzi storici sulla dinastia ottomana.

Figlie[modifica | modifica wikitesto]

Mehmed V aveva una figlia:[3]

  • Refia Sultan (1888 - 1888) - con Nazperver Kadın. Le fonti divergono: secondo alcune morì il giorno stesso della nascita, secondo altre annegò a pochi mesi.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze ottomane[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine del Crescente - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del Crescente
Gran Maestro dell'Ordine di Nichan Iftikar - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Nichan Iftikar
Gran Maestro dell'Ordine di Nişan-i Imtiyaz - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Nişan-i Imtiyaz
Gran Maestro dell'Ordine dell'Eccelso Ritratto - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine dell'Eccelso Ritratto
Gran Maestro dell'Ordine della Gloria - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Gloria
Gran Maestro dell'Ordine di Medjidié - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Medjidié
Gran Maestro dell'Ordine di Osmanie - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Osmanie
Gran Maestro dell'Ordine dell'Alto Onore - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine dell'Alto Onore
Gran Maestro dell'Ordine della Casa di Osman - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Casa di Osman
Gran Maestro dell'Ordine dell'Educazione - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine dell'Educazione

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine Militare di Massimiliano Giuseppe - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Militare di Massimiliano Giuseppe

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Brookes 2010, p. 284-291
  2. ^ a b Uluçay 2011, p. 260-261
  3. ^ Brookes 2010, p. 284.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Sultano ottomano Successore Ottoman flag.svg
Abdul Hamid II 1909-1918 Mehmet VI
Predecessore Califfo dell'Islam Successore Fictitious Ottoman flag 12.svg
Abdul Hamid II 1909-1918 Mehmet VI
Controllo di autoritàVIAF (EN23084823 · ISNI (EN0000 0000 4846 5588 · LCCN (ENnr98031746 · GND (DE124832946 · BNF (FRcb16950123h (data) · J9U (ENHE987007290859005171 · WorldCat Identities (ENlccn-nr98031746