Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Mahmud I

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mahmud I
Il Gobbo
Mahmud1.jpg
Sultano dell'Impero Ottomano
Califfo dell’Islam
Amir al-Mu'minin
Custode delle due Sacre Moschee
Qaysar-ı Rum (Cesare dei Romei)
Stemma
In carica 30 settembre 1730 –
13 dicembre 1754
Incoronazione 30 settembre 1730
Predecessore Ahmed III
Successore Osman III
Trattamento Padiscià
Nascita Edirne, 2 agosto 1696
Morte Palazzo Topkapı, 13 dicembre 1754
Sepoltura Yeni Cami
Luogo di sepoltura Eminönü, Fatih
Dinastia Ottomana
Padre Mustafa II
Madre Saliha Sultan
Consorte Ayşe Sultan
Verd-i Naz Sultan
Religione Islam
Firma Tughra of Mahmud I.JPG

Mahmud I (محمود الأول in arabo; 2 agosto 169613 dicembre 1754) fu sultano dell'Impero ottomano dal 1730 alla sua morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Mahmud era figlio di Mustafa II e salì al trono il luogo dello zio Ahmed III durante la rivolta diretta dal giannizzero albanese Patrona Halil. Dopo la repressione della rivolta militare, la guerra contro la Persia proseguì e terminò nel 1736 con un trattato di pace, che ristabilì lo status quo ante.

L'avversario successivo dell'Impero ottomano fu nel 1735 la Russia, alla quale si aggiunse due anni dopo l'Austria di Carlo VI, legata alla Russia da un accordo stipulato nel 1726. La guerra durò quattro anni ed a fronte delle vittorie russe vi furono parecchie sconfitte austriache culminate con la disfatta dell'esercito austriaco, al comando del Feldmaresciallo Wallis (1673 – 1744)[1], presso Grocka (Serbia) il 23 luglio 1739. Il successivo trattato di Belgrado (18 settembre 1739) fu un trionfo della diplomazia turca.
Con questo trattato i turchi si ripresero tutto ciò che avevano dovuto cedere all'Austria con il precedente trattato di Passarowitz, fatta eccezione per il Banato. Al trattato di Belgrado si aggiunse quello di Nyssa (3 ottobre 1739) con la Russia. Quest'ultima, nonostante i successi militari conseguiti dalle sue truppe comandate dal maresciallo Burkhard Christoph von Münnich (1683 – 1767) contro i turchi, preoccupata della sconfitta dell'alleato austriaco, si affrettò a concludere la pace rinunciando alle pretese sulla Crimea e sulla Moldavia ed ottenendo l'apertura di un porto ad Azov, ma con la limitazione di non poterlo fortificare né di tenere una flotta nel Mar Nero.

Mahmud morì di un infarto mentre usciva dalla moschea dopo la preghiera del venerdì.

Durante il suo governo fu introdotto il criterio di inviare in Moldavia e in Valacchia i fanarioti come amministratori.

Relazioni con l'impero Mughal[modifica | modifica wikitesto]

La devastante campagna di Nadir Shah contro l'Impero Mughal, creò un vuoto di potere nelle frontiere occidentali della Persia, che venne coperto effettivamente dall'opera del sultano Mahmud I che iniziò al guerra ottomano-persiana (1743–1746), nella quale l'imperatore mughal, Muhammad Shah, cooperò con gli ottomani e l'ambasciatore Haji Yusuf Agha, perseguendo ottime relazioni diplomatiche sino alla morte di Mahmud nel 1748.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Mahmud I sposò Haja 'Ali-Janab, dalla quale però non ebbe figli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Wallis proveniva da una famiglia di nobili irlandesi. Già il padre aveva servito con il grado di colonnello nell'esercito austriaco.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Sultano ottomano Successore Ottoman flag.svg
Ahmed III 17301754 Osman III
Predecessore Califfo dell'Islam Successore Fictitious Ottoman flag 12.svg
Ahmed III 17301754 Osman III
Controllo di autoritàVIAF: (EN298233086 · LCCN: (ENno2014135909 · GND: (DE1033536903