Mustafa IV

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mustafa IV
IV. Mustafa (cropped).jpg
Sultano dell'Impero ottomano
In carica29 maggio 1807 –
28 luglio 1808
PredecessoreSelim III
SuccessoreMahmud II
TrattamentoPadiscià
Altri titoliCaliffo dell’Islam
Amir al-Mu'minin
Custode delle due Sacre Moschee
Qaysar-ı Rum (Cesare dei Romei)
NascitaCostantinopoli, 8 settembre 1779
MorteIstanbul, 17 novembre 1808
Luogo di sepolturaMausoleo di Abdül Hamid I, Istanbul
DinastiaOttomana
PadreAbdül Hamid I
MadreAyşe Sineperver Sultan
ConsorteŞevkinür Kadın
Peykidil Kadın
Dilpezir Kadın
Seyare Kadın
FigliŞehzade Ahmed
Emine Sultan
ReligioneIslam sunnita
FirmaTughra of Mustafa IV.JPG

Mustafa IV (مصطفى الرابع in arabo; Costantinopoli, 8 settembre 1779Istanbul, 17 novembre 1808) fu sultano dell'Impero ottomano dal 1807 al 1808, durante i torbidi dei Colpi di stato ottomani del 1807-1808.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del sultano Abdül Hamid I (1774-1789) e di una delle sue consorti, Sineperver Kadin, Mustafa nacque a Costantinopoli. Sua madre divenne responsabile della sua educazione ma Mustafa preferì trascorrere una vita tra i piaceri mondani anziché focalizzarsi sui suoi studi.

Il regno[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Colpi di stato ottomani del 1807-1808.

Durante il regno del cugino, il riformista Selim III (1789-1807), Mustafa godeva dei favori del sultano. Tuttavia, quando i giannizzeri si ribellarono contro Selim III, Mustafa lo tradì e appoggiò questi ultimi che deposero Selim e lo dichiararono nuovo sovrano. Ma il sostegno per Selim III non scomparve, e nel 1808 un esercito, sotto la guida di Mustafa Bayrakdar, si mise in marcia alla volta di Istanbul per riportare questi sul trono. Per risposta, Mustafa IV ordinò l'esecuzione di Selim III e del suo proprio fratello, Mahmud: questo avrebbe reso Mustafa IV l'unico maschio superstite della linea di discendenza reale e pertanto, sperava, avrebbe neutralizzato la ribellione eliminando ogni altro legittimo candidato al trono. Selim III venne ucciso e il suo corpo gettato per scherno contro l'esercito dei ribelli ma Mustafa IV venne comunque deposto e rimpiazzato dal fratello Mahmud II (1808-1839), sfuggito all'esecuzione nascondendosi[1], che lo fece mettere a morte il 17 novembre.

Famiglia[modifica | modifica wikitesto]

A causa del suo breve regno, Mustafa IV non ebbe una grande famiglia. Aveva quattro consorti note, un figlio e una figlia, entrambi morti infanti.

Consorti[modifica | modifica wikitesto]

Mustafa IV aveva quattro consorti note:[2][3][4]

  • Şevkinür Kadın. BaşKadin (prima consorte). Morì nel 1812 e fu sepolta nel mausoleo di Abdülhamid I.
  • Peykidil Kadın. Venne giustiziata nel 1808 da Mahmud II, con l'accusa di aver complottato contro di lui insieme a Mustafa.
  • Dilpezir Kadın. Morì nel 1809 e fu sepolta nel mausoleo di Abdülhamid I.
  • Seyare Kadın. Morì nel 1817 e fu sepolta nel mausoleo di Abdülhamid I.

Figli[modifica | modifica wikitesto]

Mustafa IV aveva un solo figlio:[5]

  • Şehzade Ahmed (1808/1809 - 1809).

Figlie[modifica | modifica wikitesto]

Mustafa IV aveva una sola figlia:[6][7]

  • Emine Sultan (6 maggio 1809 - ottobre 1809). Sepolta con suo padre nel mausoleo Hamidiye.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine del Crescente - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del Crescente
Gran Maestro dell'Ordine di Nişan-i Imtiyaz - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Nişan-i Imtiyaz

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fanny Davis, The Palace of Topkapi in Istanbul, New York, Charles Scribner's Sons, 1970, pp. 214–217, ASIN B000NP64Z2.
  2. ^ Ziya, Mehmet (2004). Istanbul ve Boğaziçi: Bizans ve Osmanlı medeniyetlerinin Ölümsüz Mirası, Volume 1 . BIKA.
  3. ^ Haskan, Mehmet Nermi (1 gennaio 2018). Hamîd-i Evvel Külliyesi ve Çevresi . Istanbul Ticaret Borsasi. ISBN 978-6-051-37663-9. p. 94
  4. ^ Danacı-Yıldız, Aysel (2008). Osmanlı Araştırmaları – Volume 31: III. Selim'in Katilleri . Istanbul 29 Mayis University. p. 81 e n. 150.
  5. ^ Kinross, Lord (1977). The Ottoman Centuries: The Rise and Fall of the Turkish Empire. Perennial. p. 437. ISBN 0-688-03093-9.
  6. ^ Danacı-Yıldız, Aysel (2008). Osmanlı Araştırmaları – Volume 31: III. Selim'in Katilleri. İstanbul 29 Mayıs University. p. 81 and n. 150.
  7. ^ Haskan, Mehmet Nermi (1 January 2018). Hamîd-i Evvel Külliyesi ve Çevresi. Istanbul Ticaret Borsasi. ISBN 978-6-051-37663-9. p. 87

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Danişmend, IH (1971), Osmanlı Devlet Erkânı, Istanbul, Türkiye Yayınevi.
  • Ekrem, R (1969), KOÇU: Kabakçi Mustafa, Istanbul, Koçu yayınları.
  • Shaw, SJ [e] EZ (1997), History of the Ottoman Empire, Volume 2, Cambridge University Press.
  • Sicker, Martin (2001), The Islamic World in Decline : From the Treaty of Karlowitz to the Disintegration of the Ottoman Empire, Praeger Publishers, ISBN 978-0275968915.
  • Ortayli, I (1983), İmparatorluğun En Uzun Yüzyılı, Hil Yayinlari.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Sultano ottomano Successore Ottoman flag.svg
Selim III 1807-1808 Mahmud II
Predecessore Califfo dell'Islam Successore Fictitious Ottoman flag 12.svg
Selim III 1807-1808 Mahmud II
Controllo di autoritàVIAF (EN63671496 · ISNI (EN0000 0000 4186 1617 · CERL cnp02109439 · LCCN (ENno2002017767 · GND (DE1056032464 · WorldCat Identities (ENlccn-no2002017767