Blu Volley Verona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da API Pallavolo Verona)
Blu Volley Verona
Pallavolo Volleyball (indoor) pictogram.svg
Detentore della Challenge Cup Detentore della Challenge Cup
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Nome sponsorizzato Calzedonia Verona
Colori sociali 600px bisection vertical HEX-FFFF00 HEX-00008B.svg Blu e giallo
Dati societari
Città Verona
Paese Italia Italia
Confederazione CEV
Federazione FIPAV
Campionato Serie A1
Fondazione 2001
Presidente Italia Nereo Destri
Allenatore Serbia Nikola Grbić
Palazzetto PalaOlimpia
(5.350 posti)
Sito web www.bluvolleyverona.it
Palmarès
Challenge Cup trophy.svg
Trofei internazionali 1 Coppa CEV/Challenge Cup
Altri titoli 2 Coppa Italia di Serie A2
Volleyball current event.svg Stagione in corso
Si invita a seguire le direttive del Progetto Pallavolo

Il Blu Volley Verona è una società pallavolistica maschile italiana con sede a Verona: milita nel campionato di Serie A1.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'API Pallavolo Verona è stata fondata il 12 giugno 2001[1] e nasce dall'unione della Pallavolo Verona, che aveva militato per diverse stagioni nel campionato cadetto, e dell'API Volley Isola della Scala, da cui acquista il titolo sportivo, ottenendo così il diritto di partecipazione al campionato di Serie A2: nella sua prima stagione la squadra scaligera arriva al quarto posto, qualificandosi per i play-off promozione, dove però viene sconfitta in finale, in tre gare, dal Perugia Volley. Tuttavia, durante il periodo estivo, a causa della mancata iscrizione della Pallavolo Parma[2], l'API Verona viene ripescata in Serie A1: il primo campionato nella massima categoria è abbastanza fallimentare e la squadra retrocede, complice il penultimo posto in classifica, in Serie A2[1].

Nella stagione 2003-04, oltre alla vittoria della Coppa Italia di Serie A2, la formazione veronese, vince il campionato, senza perdere neppure una delle trenta partita della regular season[2], ottenendo la promozione in massima divisione: per tre annate consecutive resta in Serie A1, raggiungendo i quarti di finale play-off scudetto nella stagione 2004-05 e 2005-06, in entrambi i casi eliminata dalla Sisley Volley di Treviso; nel 2006 la società cambia denominazione adottando il nome di Blu Volley Verona. L'ultimo posto in classifica al termine della stagione 2006-07, condanna il club ad una nuova retrocessione[1].

Nell'annata 2007-08, nonostante la seconda vittoria della Coppa Italia di Serie A2, non viene centrato l'obiettivo promozione, a causa della sconfitta nella serie finale play-off ad opera del Volley Forlì: tuttavia viene nuovamente ripescata in Serie A1 per la mancata iscrizione della M. Roma Volley[2]. Nelle stagioni 2009-10 e 2010-11 il Blu Volley riesce nuovamente a qualificarsi per i play-off scudetto ma venendo sempre eliminato ai quarti rispettivamente dal Trentino Volley di Trento e dal Piemonte Volley di Cuneo[1].

Nella stagione 2014-15 dopo il quinto posto in regular season e l'uscita ai quarti di finale nei play-off scudetto, riesce per la prima volta a qualificarsi per una competizione europea, ossia la Challenge Cup 2015-16: riesce a vincere il torneo battendo in finale sia nella gara di andata che in quella di ritorno per 3-2 i russi del Volejbol'nyj Klub Fakel[3].

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del Blu Volley Verona
  • 2001: Fondazione dell'API Pallavolo Verona con sede a Verona.
Acquisto del titolo sportivo dall'API Volley Isola della Scala.
Ammessa in Serie A2.
Ottavi di finale in Coppa Italia di Serie A2.
Coccarda Italia.svg Vincitrice della Coppa Italia di Serie A2.
Semifinali in Coppa Italia.
  • 2005-06: 7ª in Serie A1; quarti di finale play-off scudetto.
  • 2006: Cambiamento di denominazione in Blu Volley Verona.
  • 2006-07: 14ª in Serie A1. Red Arrow Down.svg Retrocessa in Serie A2.
  • 2007-08: 2ª in Serie A2; finale play-off promozione.
Coccarda Italia.svg Vincitrice della Coppa Italia di Serie A2.
Quarti di finale in Coppa Italia.

Quarti di finale in Coppa Italia.
Quarti di finale in Coppa Italia.
  • 2015-16: 4ª in Serie A1; quarti di finale play-off scudetto; semifinali play-off 5º posto.
Quarti di finale in Coppa Italia.
Challenge Cup trophy.svg Vincitrice della Challenge Cup.
Ottavi di finale in Coppa Italia.

Rosa 2016-2017[modifica | modifica wikitesto]

Nome Ruolo Data di nascita Nazionalità sportiva
1 Aidan Zingel C 19 novembre 1990 Australia Australia
2 Uroš Kovačević S 6 maggio 1993 Serbia Serbia
3 Adriano Paolucci P 11 febbraio 1979 Italia Italia
5 François Lecat S 19 aprile 1993 Belgio Belgio
6 Alexandre Ferreira S 13 novembre 1991 Portogallo Portogallo
7 Andrea Giovi L 19 agosto 1983 Italia Italia
8 Michele Baranowicz P 5 agosto 1989 Italia Italia
9 Samuel Holt S 20 giugno 1993 Stati Uniti Stati Uniti
10 Thomas Frigo L 19 maggio 1997 Italia Italia
11 Stefano Mengozzi C 6 maggio 1985 Italia Italia
12 Mitar Đurić S/O 25 aprile 1989 Grecia Grecia
14 Tonček Stern S/O 14 novembre 1995 Slovenia Slovenia
17 Simone Anzani C 24 febbraio 1992 Italia Italia
Luigi Randazzo S 30 aprile 1994 Italia Italia

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

2015-16
2003-04, 2007-08

Pallavolisti[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Pallavolisti del Blu Volley Verona

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Storia della società, bluvolleyverona.it. URL consultato il 7 aprile 2013.
  2. ^ a b c Cenni sul Blu Volley Verona, legavolley.it. URL consultato il 7 aprile 2013.
  3. ^ Challenge Cup: Verona, la coppa è tua, volleyball.it. URL consultato il 4 aprile 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]