West London Line

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: London Overground.

Treni della linea West London Line alla stazione di Kensington (Olympia)

La West London Line è una breve linea ferroviaria che collega Clapham Junction a sud con Willesden Junction a nord. Essa venne costruita per evitare l'attraversamento del centro di Londra.

Servizi[modifica | modifica sorgente]

I treni locali hanno una frequenza di due per ora e sono operati da London Overground. Con frquenza oraria treni della Southern vanno da East Croydon (prima Brighton) e Milton Keynes (prima Watford Junction) a Willesden Junction senza fermate intermedie. Due corse giornaliere del Crosscountry da Brighton a Birmingham New Street via Reading sono state sospese nel dicembre 2008. La linea è stata usata da treni Eurostar fra Waterloo International ed il deposito di North Pole Junction prima del novembre 2007.

Storia della linea[modifica | modifica sorgente]

La ferrovia fra Wormwood Scrubs e Shepherds Bush aprì nel 1844. Essa nacque per evitare l'attraversamento di Londra nelle rotte verso ovest, specialmente per il trasporto delle merci e venne operata da:

  • West London Joint Railway (WLJR) di proprietà di Great Western Railway (GWR) e London and North Western Railway (L&NWR)
  • West London Extension Joint Railway: GWR/L&NWR/London, Brighton and South Coast Railway (LB&SCR)/London and South Western Railway (L&SWR)
Treno alla stazione di Imperial Wharf.

La West London Railway venne originariamente chiamata Birmingham, Bristol & Thames Junction Railway, autorizzata nel 1836 alla tratta da London and Birmingham Railway al Kensington Canal Basin. Sui suoi binari vennero realizzate prove per dimostrare l'applicabilità della trazione ad aria compressa ai treni. Queste vennero realizzate dal 1840 al 1843 su di una sezione parallela alla linea, della lunghezza di 400, nei pressi di Wormwood Scrubs[1]; nel frattempo i treni usarono la trazione convenzionale. La costruzione venne ritardata a causa di diversi motivi, sia tecnici che finanziari, ma il 27 maggio 1844 la linea entrò in funzione. Essa non ebbe un successo commerciale e dovette chiudere soltanto dopo pochi mesi il 30 novembre dello stesso anno. Una legge del 1845 autorizzò la Great Western e la London and Birmingham ad operare in affitto sulla West London line ma il servizio passeggeri non venne ristabilito e la linea venne usata soltanto per il trasporto del carbone. Una successiva legge del 1859 autorizzò le compagnie a realizzare un riempimento del canale esistente fra il Kensington basin fino al ponte sotto Kings Road, per costruire la West London Extension Joint Railway per collegare la linea a sud del Tamigi a Clapham Junction[2]. La linea riaprì il 2 marzo 1863 con una nuova stazione a Kensington ed ebbe un buon sviluppo rimanendo in servizio fino alla fine del XIX secolo.

La sezione nord della linea, da Willesden Junction a Earls Court via Kensington Olympia, venne elettrificata dalla Suburban electrification of the London, Midland and Scottish Railway LNWR nel 1915, ma l'utilizzo della linea andò diminuendo con l'entrata in servizio della Metropolitana di Londra|metropolitana ed i servizi passeggeri vennero chiusi dopo i danneggiamento della guerra nel 1940[3] La linea rimase in servizio come importante linea merci ed il servizio passeggeri venne ripreso soltanto nel 1999, con nuovi marciapiedi a West Brompton.

Il tragitto[modifica | modifica sorgente]

Westlondon.png

Stazioni da nord a sud:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Samuda, J. D'A (1841), A Treatise on the Adaptation of Atmospheric Pressure to the Purposes of Locomotion on Railways. London: John Weale, 59 High Holburn.
  2. ^ The Kensington Canal, railways and related developments, Survey of London: volume 42: Kensington Square to Earl's Court (1986), pp. 322-338. accesso: 2 settembre 2008.
  3. ^ LNWR Electrification, Suburban Electric Railway Association, 2007. URL consultato il 01-02-2007.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]