Volpe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Volpe (disambigua).
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Volpe
Fuzzy Freddy.jpg
Vulpes vulpes
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Carnivora
Sottordine Caniformia
Famiglia Canidae
Genere Alopex
Atelocynus
Cerdocyon
Dusicyon
Otocyon
Pseudalopex
Urocyon
Vulpes
Il fennec è la più piccola specie di volpe.
Volpe polare ben nascosta tra la neve.
Scheletro di volpe.
Una volpe grigia sudamericana nel Parco Nazionale di Pan de Azúcar, sulle coste del deserto di Atacama.
Volpe rossa davanti a un'abitazione a Evergreen (Colorado).

Con il nome comune di volpe vengono indicate 24 specie di mammiferi carnivori appartenenti alla famiglia dei Canidi, diffusi in America, Europa, Asia e Africa, dalla tundra artica al centro delle città. Il più vasto dei generi di volpe, Vulpes, è anche il genere di Canidi con la più ampia distribuzione e uno dei suoi membri, la volpe rossa, è il più diffuso e con ogni probabilità il più adattabile Carnivoro.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Volpe deriva dal latino vulpēs[1] o volpēs, dalla radice indoeuropea *wlpé- [2], con esiti[3] in greco attico ἀλώπηξ (alṓpēx), greco eolico ϝἀλώπηξ (valopex), gotico vulfo. Il Pott, non seguito dal Curtius, connette la stessa radice con il sanscrito lopacas per *vlopacas, da cui il lituano làpe per *vlape. Da confrontare con il gotico volfas, da cui il tedesco wolf, l'inglese wolf.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Le volpi sono piccoli Canidi con il muso appuntito, cranio leggero e piuttosto appiattito, orecchie larghe e coda molto pelosa. La loro taglia varia da una lunghezza totale del corpo di 60-80 cm, la lunghezza della coda è di circa 30-49 cm e un peso di 8-10 kg nel fennec a una lunghezza totale del corpo di 72-100 cm, una lunghezza della coda di 25-35 cm e un peso di 9 kg nella volpe dalle orecchie corte. Il mantello è perlopiù grigio o arancio-rossiccio, ma anche bianco, grigio, giallo cuoio e nero, a seconda della specie.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Tutte le specie mostrano una grande adattabilità rispetto al cibo, e usano tecniche di caccia che possono variare dall'appostamento furtivo fino all'attacco improvviso. Tranne l'otocione che si nutre di termiti, non esistono grandi differenze nella dieta delle varie specie, tranne quelle costituite dal tipo di prede a disposizione in natura. Le volpi polari si nutrono di uccelli marini, pernici bianche, invertebrati marini, frutti e bacche e delle carcasse che trovano nelle loro metodiche esplorazioni delle spiagge. Le puntate sulle spiagge coincidono con la bassa marea, che lascia allo scoperto cibo fresco.

Anche le volpi rosse hanno una dieta altrettanto varia che consiste di piccoli ungulati, conigli, lepri, roditori e uccelli, ma anche di invertebrati come scarafaggi, cavallette e lombrichi. Sono state anche viste volpi rosse intente a pescare sguazzando in stagni poco profondi. Quando è la stagione, il 90% della dieta può essere costituito da more, mele e dai frutti della rosa canina[4].

Tutte le vere volpi catturano i roditori saltando a un metro da terra e ricadendo in picchiata sulla preda con le zampe anteriori, e ciò con ogni probabilità per neutralizzare il balzo verticale con cui alcuni ratti cercano di sfuggire ai predatori. Le volpi rosse catturano i lombrichi che abbandonano le loro gallerie nelle notti calde e umide, e per far ciò camminano lentamente avanti e indietro cercando di captare il rumore prodotto dalle setole dei lombrichi contro l'erba. Una volta localizzato il verme, la volpe lo punta prima di afferrarlo: i vermi ancora parzialmente ancorati alla galleria non vengono rotti, ma sono tesi e tirati con delicatezza dopo una pausa momentanea, una tecnica che le volpi condividono con i pescatori in cerca di esche.

Poche specie di volpi sono state studiate in differenti habitat, e quelle che lo sono state mostrano di nutrirsi di ogni tipo di cibo a disposizione. Tuttavia hanno alcune preferenze. Le volpi rosse, per esempio, preferiscono i roditori della famiglia dei Cricetidi, come l'arvicola, a membri della famiglia dei Muridi, come il topo selvatico.

Ecologia[modifica | modifica sorgente]

Le abitudini alimentari simili delle varie specie possono influenzarne la distribuzione geografica, a causa della competizione per il cibo. Un tempo si pensava che la volpe polare e quella rossa fossero separate a causa della notevole capacità delle volpi polari di resistere alle basse temperature: il loro metabolismo non inizia a crescere fino a -50 °C, mentre quello delle volpi rosse aumenta a partire da -13 °C[4]. Tuttavia le volpi rosse sono state a volte trovate in regioni perfino più fredde di quelle abitate dalle volpi polari, così che sembra logico dedurne che le due specie siano separate dalla competizione alimentare: la volpe rossa pesa oltre il doppio di quella polare e necessita di conseguenza di una maggior quantità di cibo; pertanto nelle regioni più settentrionali, dove scarseggiano le prede, non può controbilanciare adeguatamente i consumi energetici come invece fa la volpe polare.

Tuttavia nelle aree dove entrambe le specie potrebbero vivere, la maggior taglia della volpe rossa le permette di sovrastare la volpe polare, costituendo così un limite alla diffusione meridionale delle volpi polari. Il limite fra gli areali delle due specie ha subito delle fluttuazioni durante le varie epoche glaciali.

La competizione diretta può aver influenzato anche la distribuzione e la taglia delle varie specie di Pseudalopex. Nel Cile centrale e meridionale sia la volpe delle Ande sia la volpe grigia sudamericana si nutrono di quantità all'incirca eguali di roditori, uccelli, uova e serpenti. All'interno del loro areale, però, la taglia delle due specie varia secondo la latitudine.

Da 34° S a 54° S la lunghezza del corpo della volpe delle Ande aumenta da 70 a 90 cm, mentre quella della volpe grigia sudamericana diminuisce da 68 a 42 cm[4]. A 34° S, dove le due specie sono della medesima taglia, la volpe delle Ande popola le regioni più elevate delle Ande, riducendo così la competizione[4]. Più a sud, dove l'altitudine delle Ande diminuisce portando così apparentemente le due specie in competizione diretta, la minor taglia della volpe grigia sudamericana la predispone a cacciare prede più piccole di quelle della volpe delle Ande, riducendo così le possibilità di una competizione diretta.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Le volpi si riproducono una volta all'anno. Il numero dei cuccioli è normalmente da 1 a 6 per cucciolata; a seconda dell'ambiente, la media dei cuccioli di volpe rossa varia da 4 a 8: il numero massimo di feti trovati in una femmina di volpe rossa è 12[4].

Le femmine hanno 6 mammelle[4]. I periodi di gestazione noti sono di 60-63 giorni per la volpe rossa e di 51 per il fennec[4]. I cuccioli sono in genere messi alla luce in gallerie (scavate dalle stesse femmine o strappate ad altre specie) o in fenditure delle rocce. Piccoli di volpe rossa sono stati trovati anche in alberi cavi, presso i muri delle case o nell'erba alta.

Le volpi sono state di solito considerate animali monogami, ma sono state scoperte tane comuni fra le volpi del Bengala e le volpi rosse; nelle tane di queste ultime come anche in quelle delle volpi polari si possono trovare anche degli «aiutanti».

Fra le volpi rosse la percentuale delle femmine che si riproducono varia a seconda delle zone dal 30% al 100% circa[4].

Struttura sociale[modifica | modifica sorgente]

Le volpi sono state descritte come carnivori solitari che cacciano individualmente piccole prede per le quali una caccia in cooperativa sarebbe più di impedimento che di vantaggio. Il loro comportamento sociale è stato pertanto ritenuto contrapposto a quello dei canidi che cacciano in branco, come i lupi.

Con le moderne tecniche di studio, che si avvalgono dei radiocollari e delle attrezzature per la visione notturna, è divenuto chiaro che la società delle volpi è invece complessa. In alcune zone esse sono monogame, in altre, come accade per la volpe rossa e quella polare, possono vivere in gruppi composti solitamente da un maschio adulto e da parecchie femmine.

Finora il gruppo più numeroso di volpi polari sin qui osservato è di 3 individui, mentre è di 6 per la volpe rossa[4].

Non vi sono prove di una immigrazione di femmine in tali gruppi, e pertanto i membri femminili sono probabilmente imparentati fra loro, mentre tutti i discendenti maschi emigrano. Le distanze entro le quali si disperdono variano secondo gli ambienti: ne sono state registrate di superiori a 200 km, con i maschi che si allontanano più delle femmine[4].

Territorio[modifica | modifica sorgente]

Sebbene le loro strade si possano incrociare più volte ogni notte, le volpi di ogni gruppo possono cacciare perlopiù in zone differenti del loro territorio, e il maschio dominante monopolizza la zona migliore. L'area del territorio delle volpi rosse può variare da 10 a 2000 e più ettari, quella delle volpi polari fra 860 e 6000 ettari; non c'è collegamento fra area del territorio e dimensioni del gruppo[4].

Feci e urine sono abbandonate su punti di riferimento opportuni, come i ciuffi d'erba; questi segnali olfattivi sono distribuiti per tutto il territorio, ma in particolare nei luoghi più visitati dalle volpi stesse. Gli animali dominanti emettono urina più di quanto facciano i subordinati, e ogni individuo è in grado di distinguere le proprie urine da quelle di estranei. Le volpi possiedono un paio di ghiandole anali su ciascun lato dell'ano; le loro secrezioni possono essere emesse spontaneamente o con le feci. Inoltre sono dotate di una ghiandola cutanea lunga 2 cm sulla superficie dorsale della coda, in prossimità della sua base[4]. Questa «ghiandola supracaudale» o «ghiandola viola» è coperta di setole e appare come una macchia scura sulla coda di tutte le vere volpi; altre ghiandole sono inoltre presenti fra le dita.

Come altri Canidi, le volpi comunicano per mezzo di suoni e di segnali olfattivi e comportamentali.

La volpe polare emette spesso richiami, per esempio all'approssimarsi di un nemico o durante la stagione degli amori. Il repertorio vocale della volpe rossa comprende uggiolii di aggressione e un sonoro ululato usato dalle giovani volpi d'inverno e più spesso nella stagione degli amori. Del repertorio della volpe rossa fanno parte anche latrati, leggeri uggiolii (fra le femmine e i cuccioli) e strilli.

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

A dispetto della loro leggendaria astuzia, anche tra le volpi vi sono specie minacciate. La volpe di Darwin e la volpe grigia delle isole sono a un passo dall'estinzione, e abbastanza rare sono anche la volpe dalle orecchie corte e la volpe di Sechura; la volpe delle Falkland, invece, è ormai estinta: l'ultimo esemplare venne abbattuto nel 1876.

La gestione e la conservazione delle volpi ruotano attorno a tre principali questioni: la caccia per hobby, la caccia per le pellicce e il controllo della rabbia. Gli anni '70 hanno conosciuto un ritorno della moda anteguerra delle pellicce di volpe, e ne è conseguita un'enorme caccia.

Tutti i generi di volpi sono soggetti a soffrire di rabbia, malattia da virus che può causare nell'uomo l'idrofobia. Milioni di volpi sono state abbattute nel vano tentativo di controllare la malattia, ma le volpi hanno tali capacità di ripresa che le loro popolazioni possono sopportare una mortalità di circa il 75% senza subire ulteriori cali[4]. La migliore speranza per eliminare la rabbia viene riposta nella vaccinazione orale realizzata mediante lanci aerei di esche contenenti vaccino antirabbico. Prove preliminari in Svizzera e Canada hanno dimostrato che circa il 74% delle volpi mangia le esche[4]. Comunque, non è ancora stato realizzato un vaccino orale che sia altamente efficace.

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Le 24 specie di volpi appartengono a otto generi della famiglia dei Canidi:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Volpe1, treccani.it. URL consultato il 27 dicembre 2012.
  2. ^ Vulpecula
  3. ^ Etimologia : volpe
  4. ^ a b c d e f g h i j k l m n Dubost, G., The Encyclopedia of Mammals, a cura di Macdonald, D., New York, Facts on File, 1984, pp. 68–73, ISBN 0-87196-871-1.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]