Traduzione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Traduttore)
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Traduzione (disambigua).

La traduzione è un'attività che comprende l'interpretazione del significato di un testo ("sorgente", "di origine", "di partenza" o "prototesto") e la successiva produzione di un nuovo testo, equivalente a quello di origine, in un'altra lingua (lingua "di destinazione", "di arrivo" o "metatesto"). Il termine "traduzione" tuttavia non indica solamente l'atto del tradurre, ma anche il testo tradotto, risultante da questa attività; per questi motivi, spesso alcuni studiosi e teorici hanno preferito evitare l'ambiguità usando un termine diverso e più specifico: ad esempio, il sostantivo "il tradurre" (Henri Meschonnic) oppure le locuzioni "attività traducente" (activité traduisante), "operazione traducente" (opération traduisante) (Georges Mounin) o altre ancora.

Il traduttore[modifica | modifica wikitesto]

Lo scopo del traduttore è quello di cercare di portare il testo dalla lingua di origine alla lingua di destinazione in maniera tale da mantenere il più possibile inalterato il significato e lo stile del testo, ricorrendo, se e quando necessario, anche a processi di adattamento. A causa delle differenze tra le lingue, spesso è difficile (se non impossibile: parecchi sono i sostenitori dell'intraducibilità delle lingue) conservare tanto il senso esatto quanto lo stile della scrittura - il ritmo, il registro, il suono, la metrica - e il traduttore si trova costretto a operare scelte che cambiano in funzione della natura del testo stesso e degli scopi che la traduzione si prefigge.

Se, per esempio, nel caso di una legge o di un testo tecnico deve essere privilegiata la maggiore aderenza possibile al significato del testo originale, la traduzione letteraria (narrativa, poesia...) può in certa misura scostarsi dall'esatto significato per mantenere invece lo stile e la metrica del testo originale[1], anzi il tutto della sua forma.

Vi sono poi situazioni in cui può essere necessario fare ricorso a note esplicative o a perifrasi; è il caso dei giochi di parole, di parole che rimano o si somigliano nella lingua originale ma non in quella di destinazione, dei proverbi oppure di concetti tipici della lingua e della cultura d'origine che non hanno equivalenti diretti nella lingua di destinazione.

È importante, anche dal punto di vista etico, che la traduzione venga condotta basandosi sul testo nella sua lingua originale, anche se non è infrequente il caso di "traduzioni di traduzioni", da lingue più diffuse di quella originale. Negli ultimi decenni è infatti invalsa la prassi, soprattutto per le lingue meno diffuse, della traduzione del testo originale in inglese con poi una seconda traduzione dall'inglese nella lingua di destinazione.

Problemi della traduzione, ruoli e funzioni[modifica | modifica wikitesto]

Nella rappresentazione contemporanea della figura traduttiva, è stata fortemente voluta (anche dagli organi istituzionali con la creazione di cattedre universitarie apposite) l'introduzione della codifica di mediatore. Con questo appellativo la figura professionale può differenziarsi sia in mediatore culturale sia in mediatore linguistico. Proprio quest'ultimo caso rappresenta il talento traduttivo linguistico. Il problema base risiede già nell'etimologia delle due diverse parole, infatti "traduttore" determina un pensiero vicino alla matematica trasposizione di due testi, una traslazione scientifica e precisa di un complesso sintattico ad un altro, senza perdita di senso o di strutture semantiche. Ciò in realtà è stato più volte smentito e valutato come poco realistico, mettendo in dubbio il processo traduttivo come un semplice input - output. Al contrario una mediazione è la via che l'uomo ha percorso fin dalla nascita dei linguaggi, cioè il trasporto e l'adeguamento di un messaggio segnico da un contesto ad un altro, da un codice all'altro, da un paradigma all'altro. Lo stesso schema linguistico di Roman Jakobson prevede una minima parte delle diverse caratterizzazioni che negli ultimi 60 anni sono state prese in causa per la buona riuscita di un processo traduttivo.

Non sempre una parola nella lingua di partenza potrebbe essere sostituita 1:1 con una parola nella lingua d'arrivo, come riportato alla voce teoria della traduzione le dinamiche identificative delle componenti testuali diventano prioritarie.

Teorie sulla traduzione[modifica | modifica wikitesto]

Lo spazio intertestuale[modifica | modifica wikitesto]

Le teorie sulla traduzione sono molteplici. Una di queste, sostenuta da Peeter Torop, è quella dello spazio intertestuale. Lo studioso estone sostiene che «la cultura... provoca immancabilmente il confronto e la giustapposizione» e quindi nella traduzione di un testo è naturale che il traduttore faccia riferimento ad informazioni che già conosce alterandone in parte il significato. Michail Bachtin afferma: «Qualsiasi comprensione è una correlazione del testo dato con altri testi e il ripensamento nel nuovo contesto». Viene così definito il concetto astratto di spazio intertestuale come luogo in cui si crea la letteratura e la si recepisce ed interpreta.

Questa teoria amplia anche la definizione di traduzione stessa, che da mero passaggio da una lingua a un'altra diventa interpretazione del discorso altrui. Nel suo saggio Origini della terminologia filosofica moderna (2006), Tullio Gregory insiste sull'importanza sostanziale dell'opera dei traduttori, spesso e ingiustamente relegati in secondo piano per un inveterato pregiudizio sulla non originalità del loro lavoro. Se, da un lato, la traduzione si esercita su un patrimonio culturale e linguistico diverso, proponendo sempre un'interpretazione totale e originale, dall'altro, di fronte a dimensioni speculative ignote, impone “in maniera cogente” la creazione di strutture lessicali idonee a trascrivere l'originale.

Punto di vista semiotico[modifica | modifica wikitesto]

Per traduzione si intende la trasposizione di un testo in una lingua, o codice naturale, diversa da quella in cui il testo è stato inizialmente concepito e scritto[2]. Normalmente quando si parla di traduzione si utilizzano metafore di carattere agonistico e si parla quindi di "testo di partenza" e "testo di arrivo", per delineare lo spazio in cui questo processo prende forma. La traduzione però non possiede solo una dimensione spaziale, bensì una dimensione temporale e culturale che è necessario tenere in considerazione. Volendo quindi utilizzare termini più precisi, si potrebbe chiamare il primo testo, quello da cui si traduce, "originale" o "prototesto" e il secondo, vale a dire il frutto del processo traduttivo, "traduzione" o "metatesto". Tradurre è necessario per comunicare, è necessario per avvicinare un concetto a persone che provengono da realtà culturali differenti. Un elemento importante nel processo traduttivo è la presa di coscienza che ogni atto comunicativo comporta un "residuo comunicativo", un concetto, una parola o anche solo un'espressione davanti alla quale sembra bloccarsi la nostra traduzione, davanti alla quale sembra impossibile procedere con la traduzione. Questo comporta una particolare attenzione nel vedere quali parti del messaggio hanno o potrebbero avere elevate probabilità di non essere comprese appieno e in modo immediato e quali strumenti metatestuali si possono mettere in azione per gestire tale residuo comunicativo. La strategia comunicativa viene così a coincidere in buona parte con la strategia traduttiva, che deve tenere conto della dominante del testo e del lettore modello del metatesto. Qualsiasi discorso facciamo, infatti, scritto o orale, verbale o no, è inserito in un contesto che influenza il senso del discorso. E la traduzione non può non tenere in considerazione l'ambito culturale che la caratterizza. Il semiotico estone Jurij Lotman nel suo saggio intitolato La semiosfera (1985)[3] analizza questo importante rapporto di influenza tra "prototesto" e "metatesto" e quindi tra autore e ambiente culturale. L'universo della cultura è paragonato a un organismo, le cui cellule, rappresentate dalle singole culture, interagiscono, arricchendosi tra loro. Concetto chiave di questa teoria è quello di "confine" che è permeabile proprio come la membrana di una cellula. Questo confine unisce due diverse culture ma nello stesso tempo le divide mostrandone le varie diversità. Ed è proprio in questo confine che prende forma la traduzione. È nella semiosfera che due culture interagiscono tra loro. Lotman vede il rapporto tra cultura propria e cultura altrui come una benefica possibilità di arricchimento, di crescita per le due culture che possono così fecondarsi ed evolversi. Questa dinamica proprio/altrui, che è lontana dal voler creare uniformità e omogeneità, sviluppa le singole culture, tenendo in considerazione anche quelle minoritarie, che prendono coscienza della propria differenza e identità proprio attraverso il confronto con l'altro. Ed è all'interno del confronto tra noi e l'altro che prende forma la traduzione.

Traduzione simultanea[modifica | modifica wikitesto]

Con l'espressione traduzione simultanea, più esattamente chiamata interpretazione simultanea, viene invece inteso il lavoro di traduzione immediata di un discorso da una lingua a un'altra nel suo svolgersi; è un tipo di traduzione normalmente usato in assemblee e convegni internazionali per permettere a un uditorio composto di persone parlanti lingue diverse di seguire lo svolgersi dei lavori, ciascuno nella propria lingua.

Strumenti per i traduttori[modifica | modifica wikitesto]

CAT (computer-assisted translation)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Computer Assisted Translation.

Ben diversa dalla traduzione automatica (in cui l'intervento umano si limita all'introduzione del testo nel processo automatizzato) è la cosiddetta CAT, acronimo di Computer-Assisted Translation o Computer-Aided Translation, ovvero traduzione assistita. Nella CAT il software di traduzione si basa sulla costruzione progressiva di una banca dati di termini specialistici, in continua espansione, e sulla comparazione di corpora di testi. Questo meccanismo gioca soprattutto sull'elevata ricorrenza della terminologia settoriale che caratterizza i testi tecnici, di conseguenza la CAT ottiene ottimi risultati nel settore della traduzione tecnica.

Comunità di pratica[modifica | modifica wikitesto]

Le comunità di pratica per traduttori, che in genere sono comunità virtuali, sono luoghi in cui si condividono conoscenze riguardo alla traduzione. Professionisti della traduzione, specializzati in diversi settori, condividono la loro esperienza e il loro lavoro con altri professionisti, studenti e tutti coloro che hanno bisogno del parere di qualcuno che ha maturato una certa esperienza in un determinato campo. Queste comunità virtuali, che nella maggior parte dei casi sono strutturate come forum o mailing list di professionisti, sono il posto in cui i traduttori possono confrontarsi, chiedere pareri a proposito di testi specifici o traduzioni particolarmente ostiche. Per il mestiere di traduttore la possibilità di chiedere a un esperto quale sia il traducente migliore in un determinato contesto è molto importante e forse proprio per questo le comunità si sono moltiplicate sul web, a volte anche dietro la spinta di enti istituzionali. (Ne è l’esempio la comunità di pratica del sito canadese LinguisTech, creato dal centro di ricerca per le tecnologie linguistiche (CRTL), un centro istituito dal governo Canadese nel quadro del Piano d’azione per le lingue ufficiali.)

Per quanto riguarda le mailing list, l’iscrizione è necessaria, ma i forum spesso sono consultabili anche senza iscrizione, indispensabile solo per scrivere nuovi interventi o per rispondere a quelli già presenti. In questo modo, anche chi arriva su queste pagine web per caso (magari attraverso un motore di ricerca) può apprezzare i lati positivi della condivisione delle conoscenze.

Diamo alcuni esempio di comunità per traduttori:

Giornata mondiale della traduzione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Giornata mondiale della traduzione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Per la traduzione di poesia si veda Fausto Cercignani, Creazione poetica e traduzione, in Vincenzo Errante. La traduzione di poesia ieri e oggi, a cura di F. Cercignani ed E. Mariano, Milano, Cisalpino, 1993, pp. 89-103.
  2. ^ Bruno Osimo, Propedeutica della traduzione, Hoepli, 2001, ISBN 88-203-2935-2.
  3. ^ Jurij Lotman, La semiosfera, Marsilio, 1985.

Bibliografia in lingua italiana[modifica | modifica wikitesto]

  • Susan Bassnett, La traduzione. Teorie e pratica, Milano, Bompiani, 1993.
  • Fausto Cercignani ed Emilio Mariano (curatori), Vincenzo Errante. La traduzione di poesia ieri e oggi, Milano, Cisalpino, 1993.
  • Bruna Di Sabato, Per tradurre. Teoria e pratica della traduzione, Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 1993.
  • George Steiner, Dopo Babele - Aspetti del linguaggio e della traduzione, Milano, Garzanti, 1994.
  • Jean-Charles Vegliante, D'écrire la traduction, Paris, PSN, 1996 (bilingue).
  • Caterina Falbo, Mariachiara Russo e Francesco Straniero Sergio (a cura di), "Interpretazione simultanea e consecutiva. Problemi teorici e metodologie didattiche", Milano, Hoepli, 1999. ISBN 88-203-2606-X.
  • Antoine Berman, La traduzione e la lettera, o L'albergo nella lontananza (a cura di Gino Giometti), Macerata, Quodlibet, 2003. ISBN 88-86570-45-7.
  • Antonio Lavieri (a cura di), La traduzione fra filosofia e letteratura, L'Harmattan, Torino-Parigi 2004
  • Antonio Lavieri, Esthétique et poétiques du traduire, Mucchi, Modena 2005
  • Antonio Lavieri, Translatio in fabula. La letteratura come pratica teorica del tradurre, pref. di J.-R. Ladmiral, Editori Riuniti, Roma 2007
  • Jean-René Ladmiral, Della traduzione. Dall'estetica all'epistemologia, a cura di A. Lavieri, Mucchi, Modena 2009.
  • Viviana Agostini-Ouafi, Poetiche della traduzione. Proust e Debenedetti", pref. di M. T. Giaveri, Mucchi, Modena 2009.
  • Sabina Fontana, Tradurre lingue dei segni. Un'analisi multidimensionale", Mucchi, Modena 2013.
  • Theo Hermans, Tre saggi sul tradurre", a cura di A. Savona, Mucchi, Modena 2013.
  • Umberto Eco, Dire quasi la stessa cosa - Esperienze di traduzione, Milano, Bompiani, 2003.
  • Bruno Osimo, Manuale del traduttore, Milano, Hoepli, 2003.
  • Stefano Arduini, Ubaldo Stecconi, Manuale di traduzione. Teorie e figure professionali, Roma, Carocci, 2006. ISBN 978-88-430-3968-5.
  • Matteo Tuveri, "Kermani: microcosmi linguistici e subtilitas applicandi", in Navid Kermani, Dinamite dello spirito: martirio, Islam e nichilismo (a cura di Andrea Duranti e Matteo Tuveri), Milano, Aquilegia, 2007.
  • Laurent Carsana, Manuale di traduttologia Comunicativa, Uni-service, Trento, 2010 ISBN 978-88-617-8601-1
  • Paola Faini, Tradurre. Dalla teoria alla pratica, Roma, Carocci, 2004.
  • Patrizia Mazzotta, Laura Salmon, Tradurre le microlingue scientifico-professionali. Riflessioni teoriche e proposte didattiche, Torino, UTET, 2007.
  • Paola Faini, Tradurre. Manuale teorico e pratico, Roma, Carocci, 2008.
  • Lorenzo Flabbi, Dettare versi a Socrate. Il traduttore di poesia come imitatore, Firenze, Le Lettere, 2008.
  • Oriana Palusci (curatore), Traduttrici. Questioni di gender nelle letterature in lingua inglese, Napoli, Liguori, 2010.
  • Bruna Di Sabato, Flora De Giovanni (curatori), Tradurre in pratica, riflessioni, esperienze, testimonianze, Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane 2010.
  • Emilia Di Martino, Bruna Di Sabato, Testi in viaggio. Incontri fra lingue e culture attraversamenti di generi e di senso traduzione, Torino, UTET, 2011.
  • Emilia Di Martino, Bruna Di Sabato, Patrizia Mazzotta, Ruggero Pergola, Apprendere a tradurre. Tradurre per apprendere. La traduzione come obiettivo e strumento di apprendimento in ambito microlinguistico, Lecce, Pensa Multimedia, 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]