Glossa interlineare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In linguistica, una glossa interlineare consiste in una serie di descrizioni, complete o parziali, di una parola, un testo o di una frase, corredate dalla traduzione degli stessi. Queste descrizioni sono effettuate mediante l'uso di un metalinguaggio e mostrano le caratteristiche morfologiche e sintattiche della parola, frase o testo in questione. [1]

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Esempio di glossa interlineare di una frase in lingua lesga.[2]

Gila abur-u-n ferma hamišaluǧ güǧüna amuq’-da-č.
ora loro-obl-gen fattoria per.sempre dietro stare-fut-neg
"Ora la loro fattoria non rimarrà per sempre."

La prima riga contiene il testo della lingua glossata: ogni morfema è separato da un trattino "-". La seconda riga consiste nella glossa vera e propria dove per ogni morfema individuato nella prima riga viene dato il significato nel metalinguaggio (in questo caso, l'italiano). Generalmente, i morfemi grammaticali sono segnalati mediante l'uso di abbreviazioni scritte in maiuscoletto. La terza riga presenta invece la traduzione nel metalinguaggio.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Matthews, P.H. 2007. Gloss in The Concise Oxford Dictionary of Linguistics. Oxford: Oxford University Press.
  2. ^ Haspelmath, Martin. 1993. A grammar of Lezgian. (Mouton Grammar Library, 9). Berlin - New York: Mouton de Gruyter. 207
  3. ^ Leipzig glossing rules

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica