Hunger Games (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da The Hunger Games)
Hunger Games
Hunger Games.png
Titolo originale The Hunger Games
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 2012
Durata 142 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere fantascienza, avventura
Regia Gary Ross
Soggetto Suzanne Collins
Sceneggiatura Gary Ross, Suzanne Collins, Billy Ray
Produttore Nina Jacobson, Jon Kilik
Produttore esecutivo Robin Bissell, Suzanne Collins, Louise Rosner
Casa di produzione Lionsgate Color Force
Distribuzione (Italia) Warner Bros
Fotografia Tom Stern
Montaggio Stephen Mirrione, Juliette Welfling
Musiche James Newton Howard
Scenografia Philip Messina
Costumi Judianna Makovsky
Interpreti e personaggi

Doppiatori italiani

Premi
« E possa la fortuna sempre essere a vostro favore. »
(Effie Trinket, durante la mietitura)

Hunger Games (The Hunger Games) è un film del 2012 diretto da Gary Ross. La pellicola è la trasposizione cinematografica dell'omonimo romanzo di fantascienza scritto da Suzanne Collins, con una storia ambientata in un futuro distopico post apocalittico.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La nazione di Panem, subentrata ad un'America post-apocalittica, è formata dalla ricca Capitol City e da tredici grandi distretti circostanti, di cui dodici ancora abitati ed un tredicesimo che fu distrutto tempo addietro da Capitol City durante un tentativo di ribellione. Ogni anno, come punizione per aver scatenato la ribellione anni prima, in ogni distretto vengono scelti un ragazzo e una ragazza di età compresa tra i dodici e i diciotto anni per partecipare agli Hunger Games, un evento nel quale i partecipanti (detti anche "tributi") devono combattere in un luogo detto "arena", che viene controllata dagli Strateghi per mezzo di computer molto sofisticati, finché uno solo rimane vivo. La selezione avviene tramite una cerimonia chiamata "mietitura", che consiste nel pescare da un'ampolla un biglietto tra i tanti nomi dei candidati.

Nel Distretto 12, il più povero di tutti gli altri, vive una ragazza di nome Katniss Everdeen, molto abile nella caccia e nel tiro con l'arco. Katniss trascorre la maggior parte del tempo nei boschi con il suo migliore amico, Gale Hawthorne, in cerca di cibo per poter sfamare le loro famiglie, cadute in miseria dopo la morte dei due padri avvenuta a causa di un'esplosione in una miniera di carbone. Durante il sorteggio della settantaquattresima edizione dei giochi, Effie Trinket, l'incaricata mandata da Capitol City a celebrare la mietitura, sorteggia Primrose Everdeen, la sorella minore di Katniss, ma questa, pur di salvarle la vita, si offre volontaria al suo posto.

Insieme a Katniss viene scelto anche il figlio del fornaio, Peeta Mellark. La cosa sconvolge Katniss, in quanto Peeta le aveva dato del pane tempo addietro per sfamarsi nel periodo successivo alla morte del padre. Era riuscito infatti, con questo gesto, a darle la speranza per sopravvivere. Katniss e Peeta vengono quindi portati a Capitol City: ogni distretto ha un team di allenatori, con la funzione di preparare i "tributi", sia fisicamente che psicologicamente, alla partecipazione ai giochi. Il loro mentore, Haymitch Abernathy, unico vincitore del Distretto 12, svela ciò che potrebbe salvargli la vita: gli Sponsor, ossia il favore del pubblico, che può inviare ai tributi medicine e cibo utili per la sopravvivenza. Per questo, all'ingresso in scena della coppia nella cerimonia di presentazione al cospetto del presidente Snow, il capo politico dell'intera Panem, lo stilista Cinna sceglie di far indossare degli abiti particolari che si riempiono di fiamme per attirare l'attenzione in modo da non farli passare inosservati e far loro guadagnare degli sponsor.

Nella preparazione ai giochi, i vari tributi seguono dei corsi di allenamento e resistenza. Alla fine di essi ognuno di loro riceve un punteggio che rappresenta le probabilità di vittoria del ragazzo. Katniss riceve il voto più alto della sessione: 11 su 12. Mentre Peeta riceve 8 su 12. La sera prima dell'inizio dei giochi, i tributi vengono intervistati dal conduttore televisivo Caesar Flickerman, e Peeta rivela inaspettatamente i suoi sentimenti romantici per Katniss. Katniss si sente oltraggiata, convinta che questo sia solo un metodo per ottenere il supporto del pubblico.

I giochi iniziano e metà dei tributi muore nelle prime otto ore. Peeta stringe un'alleanza con i favoriti, quelli provenienti dai distretti più ricchi e di conseguenza più allenati: Marvel e Glimmer (provenienti dal Distretto 1), Cato e Clove (dal Distretto 2). Questi sono intenzionati ad uccidere Katniss, ma Peeta fornisce loro indicazioni sbagliate, dando modo alla ragazza di restare lontana dai nemici. Katniss continua ad allontanarsi dal campo di battaglia, ma, dopo essersi ferita in un incendio, appiccato dagli stessi strateghi per spingerla alla morte, viene vista dai favoriti. Tuttavia riesce a trarsi in salvo arrampicandosi su un albero e inoltre quella stessa notte riceve un dono dagli sponsor per aiutarla a guarire la sua ferita. Il giorno successivo, Katniss stringe un'alleanza con Rue, del Distretto 11, che le indica un nido di vespe geneticamente modificate, che viene sfruttato dalla ragazza per uccidere una dei favoriti, Glimmer, in modo da rubarle l'arco e le frecce. Katniss viene però punta da alcune vespe e rimane priva di sensi per due giorni, sotto la completa vigilanza di Rue. Quando la ragazza si riprende, le due studiano un diversivo per distruggere le scorte dei favoriti. Per riuscire nell'intento, Katniss coglie l'occasione, usando il suo arco per lacerare con le frecce un sacchetto pieno di mele, facendole cadere su delle mine poste intorno alle scorte, in modo da farle esplodere. Qualche ora dopo Rue viene uccisa da Marvel, ucciso a sua volta da Katniss. Su richiesta di Rue, Katniss le canta una canzone mentre questa muore e infine alza la mano in segno di saluto al Distretto 11, e ciò scatena una rivolta popolare in questo stesso distretto.

Per evitare altre rivolte, il capo degli Strateghi, Seneca Crane, cambia le regole del gioco sotto consiglio di Haymitch: i vincitori possono essere due purché siano dello stesso distretto, dando al popolo qualcosa per cui tifare, ovvero gli "sfortunati amanti" del distretto 12, Katniss e Peeta. Sentendo questo Katniss cerca Peeta e lo trova mimetizzato vicino al fiume ferito da un colpo di spada. Quest'ultimo le fa capire che è davvero innamorato di lei, non solo per guadagnarsi le attenzioni degli sponsor. La mattina dopo, Katniss decide di dirigersi sulla cornucopia, ovvero il punto in cui hanno avuto inizio i giochi, per recuperare delle medicine affinché Peeta guarisca. Viene però presa d'assalto da Clove, che l'attacca cercando di farla morire dolorosamente. Tresh, tributo del Distretto 11, uccide Clove e risparmia Katniss in memoria di Rue. Un altro tributo, Faccia di Volpe, muore consumando delle bacche velenose rubate a Peeta. Nel frattempo dei mostri geneticamente modificati, gli ibridi, vengono rilasciati dagli Strateghi nel campo di gioco ed uccidono Tresh, lasciando Katniss e Peeta in lotta con il solo tributo nemico rimasto, Cato. Lo scontro finale si svolge sulla cornucopia, alla base della quale gli ibridi attendono che qualcuno muoia per poterlo poi divorare. Cato blocca Peeta, ma Katniss colpisce Cato alla mano con una freccia. Peeta approfitta della situazione per lanciare Cato giù dalla cornucopia, dove viene ferito mortalmente dagli ibridi. Per risparmiargli le sofferenze, Katniss scaglia una freccia contro Cato, uccidendolo definitivamente. Così Peeta e Katniss, vincono gli Hunger Games; ma gli Strateghi invertono nuovamente il regolamento, dichiarando che soltanto uno potrà vincere. Peeta chiede a Katniss di ucciderlo, ma lei prende le bacche velenose e ne dà una porzione a Peeta, tenendone una per sé. Realizzando che Katniss e Peeta intendono suicidarsi, gli Strateghi annunciano che entrambi sono vincitori.

Tornando a Capitol City, Katniss viene avvisata da Haymitch del fatto che adesso lei è un bersaglio politico, per aver sfidato pubblicamente i leader della società. Nel frattempo, il capo degli Strateghi, Seneca Crane, viene rinchiuso in una stanza e costretto a suicidarsi con delle bacche velenose per non aver portato a termine la sua missione di procurare un solo vincitore. Mentre Katniss e Peeta ritornano alla loro casa, il presidente Snow pondera su cosa fare riguardo ai due vincitori e alla rivolta a cui hanno inconsapevolmente dato inizio.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Tributi[modifica | modifica wikitesto]

  • Katniss Everdeen: 16 anni. È la protagonista del film. È una ragazza coraggiosa e decisa, oltre che sveglia. Vive nel Distretto 12 insieme a sua madre (di cui si ignora il nome) e la sorella minore Primrose, a cui vuole molto bene. È molto brava nell'uso dell'arco e caccia nel bosco accanto al suo distretto per guadagnare abbastanza da badare alla famiglia. Quando sua sorella verrà scelta per partecipare agli Hunger Games, i terribili giochi organizzati ogni anno da Capitol City, decide di offrirsi al posto suo e di diventare ella stessa uno dei tributi. Lei uccide Glimmer, Marvel e Cato.
  • Peeta Mellark: 16 anni. È il secondo personaggio principale del film. È un ragazzo coraggioso, gentile e sincero. Vive nel Distretto 12 e lavora al forno. Grazie a questo, è molto forte ed è abile nel combattimento corpo a corpo. Ha diversi fratelli, ma nessuno di essi viene mostrato nel film. Viene scelto insieme a Primrose per partecipare agli Hunger Games, ma dato che al posto di Primrose va Katniss, ci andrà con lei. È innamorato di Katniss. Nel film non uccide nessun tributo, ma nel libro uccide, anche se come atto di pietà, la ragazza del Distretto 8.
  • Rue: 12 anni. È il tributo femmina del Distretto 11. Durante l'addestramento farà amicizia con Max, un ragazzo di 12 anni del Distretto 4, che però morirà al bagno di sangue iniziale. È una ragazzina molto dolce e sveglia. Nell'arena diventerà amica e alleata di Katniss, verso la quale nutrirà una sincera ammirazione e un profondo affetto. Ha la stessa età della sorellina di Katniss. Verrà uccisa da Marvel, uno dei favoriti (i tributi più forti) sotto gli occhi di Katniss.
  • Cato: 18 anni. È tributo maschile del distretto 2 e colui che capeggia il gruppo dei favoriti. È un ragazzo presuntuoso, egoista e crudele. È molto bravo nell'uso delle spade e delle lance. Sfrutterà alcuni dei tributi più deboli per arrivare alla vittoria. Sarà responsabile della morte della maggior parte dei tributi: lui ucciderà il ragazzo del Distretto 6 (Jason), entrambi i tributi del 4 (Max e Marina) e il ragazzo del 10. Verrà ferito gravemente dagli ibridi, e ucciso da Katniss.
  • Faccia di Volpe: 15 anni. Il tributo femminile del Distretto 5 è stata descritta con le caratteristiche di una volpe, capelli rossi e occhi color ambra (azzurri nel film) e per questo viene soprannominata da Katniss "Faccia di Volpe". Anche se lei non utilizzava armi, poteva superare tutti in astuzia nell'arena. Muore mangiando le bacche velenose "Morsi della Notte", salvando così Peeta e rendendosi un elemento indispensabile per la rivolta. È l'unico tributo arrivato nella Top 5 a non aver ucciso nessuno. Probabilmente il suo vero nome è Finch.
  • Clove: 15 anni. Il tributo femminile del Distretto 2, molto abile con i coltelli. Durante il festino ha tentato di uccidere Katniss, ma è stata uccisa da Thresh, che la riteneva l'assassino di Rue. Ha ucciso il ragazzo del Distretto 9 e la ragazza del Distretto 10.
  • Thresh: 18 anni. È il tributo maschio del Distretto 11. È un ragazzo coraggioso e caparbio. Anche lui, come Cato, è bravo a usare le spade, ma non altrettanto nell'uso delle lance. Rimarrà solo per tutto il film. Fin dall'inizio mostra un profondo affetto per Rue, e per questo ucciderà Clove, credendola responsabile della morte di Rue. Mostrerà pietà per Katniss, in nome dell'amicizia tra lei e Rue. Verrà ucciso dagli ibridi. Oltre Clove ha ucciso anche il ragazzo del Distretto 7, salvando così la vita del ragazzo del Distretto 5, che però verrà ucciso in seguito da Cato.
  • Glimmer (Lux nel libro): 17 anni. La ragazza del Distretto 1 è bella, con fluenti capelli biondi e occhi azzurri. Utilizzava l'arco e nonostante fosse una favorita non era molto abile con esso. Muore quando Katniss fa cadere il nido di Aghi Inseguitori. Ha ucciso solo tributi disarmati: la ragazza del 6, il ragazzo del 5 (che si era distratto per un istante) e la ragazza dell'8 (quest'ultima nel libro è stata uccisa da Peeta).
  • Marvel: 17 anni. Il ragazzo del Distretto 1, molto abile con le lance, tributo favorito, ha ucciso Rue e, Katniss l'ha vendicata uccidendolo a sua volta. Oltre Rue, Marvel ha ucciso il ragazzo del Distretto 8, la ragazza del Distretto 7 e la ragazza del Distretto 9.
  • Max: 12 anni. Il ragazzo del Distretto 4 con gli occhi chiari e i capelli rossi. Durante l'addestramento ha fatto amicizia con Rue che aveva la sua stessa età. Nell'arena era arrivato per primo dentro la Cornucopia e si era nascosto dietro una cassa. Dopo la fine dei combattimenti era uscito dal suo nascondiglio, ma Cato lo ha individuato e ucciso, quindi fu l'ultimo tributo ucciso nel bagno di sangue.

Altri[modifica | modifica wikitesto]

  • Primrose Everdeen: È la sorella minore di Katniss. È una bambina molto dolce, ma timida e insicura. Vuole molto bene a Katniss, ma a differenza di lei non va nella foresta a cacciare. Viene scelta, al suo primo anno (12 anni), per partecipare agli Hunger Games, ma Katniss si offre al posto suo, salvandole la vita.
  • Gale Hawthorne: È il migliore amico di Katniss. È un ragazzo coraggioso e altruista. Va sempre a cacciare nel bosco insieme a Katniss, guadagnando anch'egli abbastanza per la propria famiglia, composta dai genitori e da alcuni fratelli più piccoli (che però non appaiono). Fin dall'inizio mostra un enorme affetto per Katniss (se è innamorato o no di lei, non viene chiarito), e dice chiaramente di odiare gli Hunger Games, proponendo a Katniss di fuggire nel bosco con lei e con le loro famiglie.
  • Cinna: È lo stilista del Distretto 12. È un uomo gentile ed educato. Fin dall'inizio nutre un grande affetto per Katniss, ammirando la sua tenacia e il suo coraggio. Grazie a questo, i due diventeranno grandi amici molto in fretta. Si occuperà lui di tutti i vestiti che Katniss indosserà, diventando di fatto l'artefice della sua iniziale popolarità.
  • Haymitch Abernathy: È il mentore del Distretto 12. Ha vinto gli Hunger Games da ragazzo. È un uomo cinico e presuntuoso, ma non davvero malvagio. Ha l'abitudine di bere molto e mostra in generale una scarsa autodisciplina. Inizialmente lui e Katniss non andranno d'accordo, ma poi diventeranno amici e l'aiuterà negli Hunger Games.
  • Effie Trinket: È la presentatrice degli Hunger Games assegnata al Distretto 12. Ha il compito di estrarre i nomi dei partecipanti degli Hunger Games. È una donna vanitosa e spigliata. Sarà molto severa con Katniss, visto quanto lei sembrerà maleducata agli occhi della gente, ma alla fine tiferà per lei e diventerà sua amica.
  • Caesar Flickerman: È il presentatore dei tributi e delle notizie sugli Hunger Games. È un uomo presuntuoso e cinico, oltre che egoista. Sebbene sembri gentile con i tributi, in particolare con Katniss, in realtà non gli interessa minimamente di nessuno di loro. Apparirà solo per dare notizie e non interverrà mai direttamente.
  • Presidente Snow: È il principale antagonista del film (sebbene non appaia sempre). È un uomo vanitoso, crudele ed egoista. È convinto di essere il padrone di ogni persona che abita a Panem (la nazione in cui si svolge la storia) ed è lui a comandare i Pacificatori (coloro che fanno rispettare la legge nei distretti). Tenterà in ogni modo di obbligare Katniss a non ribellarsi alle regole degli Hunger Games, senza riuscirci.
  • Seneca Crane: È il primo stratega degli Hunger Games (colui che li organizza). Appare vanitoso ed egoista, ma in realtà non è cattivo. Per tutto il film ostacolerà Katniss, ma solo perché glielo ordina Snow. Verrà condannato a morte per aver ceduto al "ricatto" di Katniss e Peeta consentendo la sopravvivenza di due vincitori.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio di settembre 2011 la casa di produzione ha aperto un sito web, www.TheCapitol.pn, collegato alla campagna virale del film. Il sito utilizza l'indirizzo .pn che nella finzione del film appartiene a Panem e nella realtà alle Isole Pitcairn. Poiché nelle settimane successive il sito si è rivelato poco attivo, alcuni fan hanno deciso di lanciare un proprio sito web, panemoctober.com, nel quale gli utenti iscritti venivano assegnati ad uno dei 12 distretti che compongono lo Stato di Panem e possono interagire tra loro come i personaggi del film.[1]

Il primo full trailer del film è stato distribuito il 14 novembre 2011.[2]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi The Hunger Games: Songs from District 12 and Beyond.

L'album dal titolo The Hunger Games: Songs from District 12 and Beyond contiene 16 tracce. Prodotto da T-Bone Burnett, vede la partecipazione di un nutrito gruppo di artisti. Le canzoni, tutte inedite, scritte ed ispirate alla serie di Hunger Games, saranno interpretate, tra gli altri, da Taylor Swift, dagli Arcade Fire, dai Maroon 5 e dai The Decemberists.[3]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito nelle sale cinematografiche statunitensi il 23 marzo 2012. In Italia l'uscita è avvenuta il 1º maggio 2012.[4]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Il film, costato 78 milioni di dollari, ha stabilito il record per il miglior esordio negli USA di un film non-sequel con 152,5 milioni di dollari, registrando il terzo miglior dato di sempre dopo Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 2 (169 Milioni di dollari) e Il cavaliere oscuro (158 milioni di dollari). In tutto il mondo ha incassato oltre 214 milioni di dollari in un fine settimana.[5]

In totale, Hunger Games ha incassato 408 010 692 dollari negli USA e 278.522.598 dollari nel resto del mondo, per un totale mondiale pari a 691 247 768 dollari.[6]

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Hunger Games - La ragazza di fuoco.

È stato girato un sequel del film dal titolo Hunger Games - La ragazza di fuoco con uscita il 27 novembre 2013. Le riprese hanno avuto inizio ufficialmente il 10 settembre 2012 con il termine fissato per dicembre 2012.[7] Le riprese si sono svolte ad Atlanta e alle Hawaii.[8] Alla regia non è tornato Gary Ross, bensì Francis Lawrence.[9]. Il 22 febbraio 2013 è iniziata ufficialmente la campagna promozionale del film, con il lancio del primo poster del Tour della Vittoria che Katniss e Peeta dovranno intraprendere nei 12 distretti di Panem,[10] mentre il 4 marzo è uscito il primo Character Poster raffigurante Effie, seguito nei giorni successivi da quelli degli altri protagonisti del secondo capitolo.[11]

Differenze con il romanzo[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel libro Katniss ha la pelle olivastra e gli occhi grigi , mentre nel film ha la pelle chiara e gli occhi azzurri.
  • Nel film, durante la mietitura, la storia di Panem è presentata con un filmato di Capitol City, mentre nel libro è narrata dal sindaco del Distretto 12, il Sig. Undersee.
  • Nel libro il mentore di Katniss e Peeta, Haymitch Abernathy, lancia una sorta di velata protesta nei confronti di Capitol City durante la mietitura, prima di svenire e cadere dal palco, mentre nel film non è presente all'evento.
  • Nel libro Haymitch Abernathy viene aiutato da Peeta a recuperare i sensi e a lavarsi dopo essersi vomitato addosso e aver perso conoscenza a causa di una sbornia prima che i corsi di preparazione ai giochi tributi avesse luogo.
  • Nel libro durante il viaggio in treno, Haymitch ha un battibecco con Peeta, in cui quest'ultimo rimedia un pugno sulla mascella, che gli lascia un segno sul viso. Katniss, irritata dalla reazione del mentore, conficca un coltello nel tavolo proprio dirimpetto ad Haymitch, mentre nel film è Katniss a conficcare il coltello nel tavolo e non si ha tracce dell'episodio del pugno.
  • La spilla portafortuna con la ghiandaia imitatrice viene regalata a Katniss da Madge, figlia del sindaco, personaggio non presente nel film. Inoltre, la spilla è di enorme valore essendo d'oro, mentre nel film essa viene regalata come fosse un semplice bottone.
  • Nel libro il padre di Peeta fa visita a Katniss e le regala dei biscotti, mentre nel film vanno a trovarla solo sua madre, Prim e Gale.
  • Nel libro nei giorni successivi al Bagno di Sangue iniziale alla Cornucopia, Katniss rischia di morire per disidratazione, scena omessa nel film.
  • Nel libro è Claudius Templesmith, il conduttore della trasmissione, a commentare ciò che succede nell'arena, mentre nel film Caesar Flickermann, l'intervistatore, interviene quasi sempre per dare la propria interpretazione. Inoltre, nel film è Seneca Crane ad annunciare gli avvisi nell'arena, mentre nel libro è sempre Templesmith.
  • Nel libro tradotto in italiano, Glimmer, il Tributo femmina del Distretto 1, è stata chiamata Lux. Nel doppiaggio italiano del film, invece, il personaggio ha mantenuto il nome originale.
  • Nel libro la Cornucopia è dorata, nel film è di metallo bianco.
  • Nel film Katniss, in seguito all'incendio provocato dagli Strateghi, riporta una bruciatura alla coscia, mentre nel libro è il polpaccio a rimanere ustionato; inoltre la giacca di Katniss non riporta danni, a differenza del libro dove la parte inferiore rimane bruciata.
  • Il Tributo femmina del Distretto 4 non viene uccisa nel bagno di sangue iniziale alla Cornucopia, ma viene uccisa insieme a Lux (Glimmer) dal nido di Aghi Inseguitori.
  • Nel film, quando Katniss si risveglia dopo l'incidente con gli Aghi Inseguitori, Rue le rivela che i tributi morti durante il suo "letargo" sono Lux (Glimmer) - Distretto 1 - e il ragazzo del Distretto 10; nel libro, invece, il Ragazzo del 10 muore il mattino successivo, infatti nel libro è la ragazza del Distretto 4 a morire con Lux (Glimmer) (vedi citazione al punto precedente).
  • Nel libro, quando Katniss scende a terra e recupera arco e frecce dal cadavere di Lux (Glimmer), viene raggiunta da Peeta e, nonostante lei creda che voglia ucciderla, Peeta le urla di correre e quando lo fa le sembra di vedere Cato sopraggiungere dopo Peeta. Da quel momento Katniss rimane tormentata dal pensiero che Peeta le abbia salvato la vita, mentre lei lo credeva un nemico. Nel film non viene fatto intendere l'arrivo di Cato, il fatto che Peeta sia gravemente ferito si comprende solo dal racconto del ragazzo quando viene rintracciato nel fiume, inoltre non viene messo in risalto il fatto che Katniss si senta enormemente in debito nei suoi confronti per questo gesto.
  • Nel libro, in seguito alla morte del tributo Rue, Katniss non le sfila la lancia dallo stomaco affinché l'hovercratf, che porta via il cadavere di Rue, porti via con sé anche la lancia, cosicché non possa più essere utilizzata; inoltre riceve da parte del suo distretto (l'Undicesimo) una pagnotta in segno di riconoscimento, nonostante questo rappresenti un atto mal visto da Capitol City, in quanto, gli aiuti da parte di un distretto sono sempre rivolti a tributi dello stesso e mai verso altri.
  • La ribellione non inizia nel Distretto 11, ma nel Distretto 8, e non viene citata che nel secondo libro.
  • Katniss, nel libro, viene a conoscenza da Peeta che Thresh (il ragazzo del Distretto 11) è stato ucciso (probabilmente da Cato, il ragazzo del Distretto 2). Non sente il cannone ma vede l'icona di Thresh in cielo. Nel film non si vede la sua morte ma si sentono le sue grida quando viene ucciso dagli ibridi, seguito dal colpo di cannone e dalla sua immagine in cielo.
  • Nel film Katniss bacia Peeta solo una volta in tutti gli Hunger Games, tutto questo rende inspiegabile per chi guardi la trasposizione cinematografica che la popolazione di Capitol City la creda "pazzamente innamorata" di Peeta. Infatti nel libro Katniss bacia Peeta centinaia di volte dopo averlo ritrovato ferito alla gamba, proprio per convincere il pubblico e farsi mandare provviste dagli sponsor. Per forza di cose è stata anche omessa la scena del libro in cui Katniss bacia Peeta di sua spontanea volontà, non per le telecamere.
  • Nel film Peeta fa capire a Katniss di essersi preso una cotta per lei dal primo giorno di scuola, quasi fosse stato un colpo di fulmine. Invece nel libro Peeta le spiega che dopo averla sentita cantare rimase totalmente rapito dalla sua voce e che questo gli lasciò un segno indelebile, che nessun'altra ragazza a cui si fosse interessato in seguito gli avrebbe lasciato.
  • Nel libro Peeta spiega a Katniss che suo padre era innamorato della madre di Katniss, ma che lei poi scelse il signor Everdeen, un uomo del Giacimento. Katniss è incredula quando Peeta le fa sapere che suo padre glielo disse il primo giorno di scuola, infatti fu lui ad indicarle Katniss quando avevano entrambi 5 anni. Inoltre suo padre gli disse che la madre di Katniss scelse un povero minatore invece di un panettiere perché quando cantava anche gli uccelli si fermavano ad ascoltare. Questo fatto è molto rilevante, in quanto quello stesso giorno Peeta ascolta Katniss cantare a lezione di musica e le rivela che provò ad ascoltare fuori, come succedeva con suo padre, gli uccelli si erano zittiti di colpo per sentirla. Da quel momento Peeta comprese che gli era accaduto la stessa cosa capitata alla madre di Katniss, quando si innamorò di suo marito. Nel film tutto questo non viene neanche menzionato.
  • Nel film quando Tresh uccide Clove lei muore all'istante, invece nel libro resta a terra a morire lentamente. Inoltre nel libro Cato cerca di accorrere in suo soccorso, cosa che nel film non è presente.
  • Nel libro, per riuscire ad andare al banchetto organizzato intorno alla Cornucopia senza che Peeta glielo impedisca, Katniss riceve da Haymitch la bevanda che viene usata nel Distretto 12 per riuscire a dormire, una specie di sonnifero molto forte. Nel film, Katniss si limita ad uscire non appena Peeta si addormenta spontaneamente.
  • Nel libro il banchetto organizzato alla cornucopia presenta pacchetti di diverse dimensioni, a seconda del dono necessario ai tributi, mentre nel film i contenitori sono identici salvo per il numero impresso sopra.
  • Nel libro, al festino organizzato, Thresh (Distretto 11) uccide Clove sfondandole il cranio con una pietra, invece nel film la sbatte con forza contro la Cornucopia.
  • Nel libro Katniss si trova costretta a far togliere i vestiti a Peeta per poterli lavare in un corso d'acqua e per medicare meglio la gamba ferita dell'amico. Nel film invece, la scena non è presente.
  • Nel libro la medicina che Katniss riesce a ottenere dal banchetto organizzato, è una siringa e non una pomata, in quanto Peeta, sempre nel libro, non riesce a svegliarsi perché preda di una bruttissima febbre causata dall'infezione.
  • Nel libro la gamba di Peeta viene nuovamente ferita nello scontro con gli ibridi e quindi amputata e rimpiazzata con una protesi metallica. Nel film invece la gamba guarisce completamente e non ha bisogno di amputazione.
  • Il tributo del Distretto 3 non rimane a sorvegliare la cornucopia e non si mette a seguire Faccia di Volpe come accade nel film, ma nel libro segue Cato e Clove convinto che nessuno si sia accorto delle mine-trappola e pensando che quindi non ci sia rischio a lasciare le provviste incustodite.
  • Nel libro Katniss non sente più dall'orecchio sinistro in seguito all'esplosione da lei stessa provocata con la caduta delle mele, cosa che nel film è stata omessa.
  • Nel film, dopo la morte della ragazza del Distretto 8, Katniss sente subito il colpo di cannone; nel libro la ragazza in realtà non muore subito: dopo essere stata pugnalata, Cato e gli altri si rendono conto che non è morta e dunque è Peeta a tornare indietro e ucciderla per farla smettere di soffrire.
  • Nel libro Faccia di Volpe muore il giorno dopo l'uccisione di Thresh, classificandosi quindi al quarto posto nei giochi. Nel film le due morti sono invertite.
  • Nel libro, nella sequenza finale dei Giochi, Cato non rinnega mai la sua natura omicida e la sua morte ha un'agonia straziante che dura tutta la notte, sebbene, come nel film, sia poi Katniss a finirlo.
  • Nel libro, le vicende sono raccontate in prima persona da Katniss stessa, mentre nel film la storia si narra da sé: in questo modo ricordi e pensieri di Katniss vengono eliminati, cancellando una parte fondamentale della storia.
  • Nel libro Peeta non dice mai ai Favoriti di saper riconoscere le trappole di Katniss, sebbene si unisca a loro proprio per sviarli dall'amata.
  • Nel libro, durante l'intervista a Capitol City dopo la vittoria, Katniss e Peeta rivedono un estratto degli Hunger Games, scena non citata nel film. Qui Katniss vede che Peeta si è alleato con i Favoriti per proteggerla e che durante l'attacco degli Aghi Inseguitori, dopo averla incitata a scappare, ha lottato con Cato per darle il tempo di fuggire. È durante questa lotta che Cato ferisce gravemente Peeta. Peeta dimostra quindi di aver rischiato più volte la sua vita per salvare Katniss. Inoltre durante tutta l'intervista Katniss resta in braccio a Peeta e lo stringe, mentre nel film stanno seduti su due poltrone divise e si tengono appena per mano. Inoltre è stata omessa la scena in cui Peeta e Katniss si rivedono proprio al programma di Caesar, visto che dal momento in cui sono stati recuperati con l'hovercraft non hanno permesso loro di incontrarsi. Nel libro quando si rivedono si baciano di continuo per dieci minuti prima di essere interrotti da Caesar. Tutto questo evidenziava gli sforzi di Katniss nel fingersi innamorata di Peeta.
  • Nell'ultimo capitolo del libro, durante il viaggio di ritorno verso il Distretto 12, Peeta scopre che per tutta la durata dei giochi Katniss ha solo finto (almeno in parte) di provare qualcosa per lui e ciò provoca la rottura tra i due personaggi. Nel film la scena è stata omessa.
  • Alla fine del film, avendo omesso la parte in cui Katniss ammette di aver finto, anche se non del tutto, con lui nell'Arena, quando i due si tengono per mano ed esultano, entrambi sorridono anche se più freddamente. Non si capisce la ragione nel film. Infatti nel libro Peeta è deluso per la recita di Katniss, ma finge bene, mentre Katniss non riesce a farlo con altrettanta convinzione perché ha paura di perdere Peeta quando le telecamere non li seguiranno più.
  • Il personaggio di Seneca Crane nella storia viene citato solo dal secondo libro in avanti (seppur in seguito alla sua morte), mentre nel film svolge uno dei ruoli principali.
  • Nel film gli Ibridi sono bestie nero pece simili a grossi mastini, prima ne inviano 1 poi altri 3 che inseguono Katniss e Peeta. Nel libro invece sono più numerosi, inseguono prima Cato e sono diversi gli uni dagli altri perché sono stati creati dal DNA ricombinato dei tributi morti nei giorni precedenti. Katniss sa riconoscerli perché ancora conservano gli occhi che avevano da umani.
  • Nel libro, sull'hovercraft che riporterà i vincitori a Capitol City, vengono narrati i momenti in cui Katniss assiste disperatamente alla scena in cui i dottori tentano di medicare la gamba di Peeta, macellata dagli Ibridi. In seguito, Katniss verrà a conoscenza da Caesar Flickerman che la gamba di Peeta è stata sostituita da una protesi di metallo. Queste scene e informazioni vengono omesse nel film.
  • Nel libro durante l'incoronazione di Katniss e Peeta, la corona è una sola, essendo previsto un solo vincitore, così viene spezzata in due parti e divisa per i due. Nel film la corona viene data solo a Katniss. (Si vede comunque sullo sfondo che le corone sono 2).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Kate Egan, La guida ufficiale illustrata del film, Castelvecchi Ultra 2012
  • Emily Seife, I tributi, Castelvecchi Ultra 2012

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Apre Panem October, il Pottermore di The Hunger Games | Il blog di ScreenWeek.it
  2. ^ The Hunger Games, ecco il primo full trailer! | Il blog di ScreenWeek.it
  3. ^ Hunger Games - Colonna Sonora - Notizie sul Cinema - VOTO 10
  4. ^ Hunger games in italia dal 1º maggio e le altre date Warner
  5. ^ The Hunger Games, mostruoso esordio da 152,5 milioni negli USA! [UPDATE] | Il blog di ScreenWeek.it
  6. ^ Box Office mojo
  7. ^ Adam B. Vary, 'The Hunger Games: Catching Fire' begins shooting in Georgia, before moving to Hawaii. URL consultato il 10 settembre 2012.
  8. ^ Cameron McAllister, 'The Hunger Games: Catching Fire' officially begins production in Georgia. URL consultato il 10 settembre 2012.
  9. ^ Keith Staskiewicz, Francis Lawrence confirmed as 'Catching Fire' director in Entertainment Weekly, 3 maggio 2012. URL consultato il 3 maggio 2012.
  10. ^ Hunger Games – Inizia il Tour della Vittoria con Katniss e Peeta! (poster), ScreenWeek Blog.
  11. ^ Hunger Games – La Ragazza di Fuoco: Effie nel primo character poster!, ScreenWeek Blog.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]