Peeta Mellark

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Peeta Mellark
Peeta, nella trasposizione cinematografica del primo film, interpretato dall'attore Josh Hutcherson.
Peeta, nella trasposizione cinematografica del primo film, interpretato dall'attore Josh Hutcherson.
Universo Hunger Games
Soprannome
  • Il ragazzo del pane
  • Il Ragazzo Innamorato (da Cato e dai Tributi favoriti)
Autore Suzanne Collins
1ª app. in Hunger Games
Ultima app. in Il canto della rivolta
Interpretato da Josh Hutcherson
Voce italiana Manuel Meli
Sesso Maschio
Professione Fornaio e pittore
Parenti
  • Katniss Everdeen (moglie)
  • Mrs. Mellark (madre, deceduta)
  • Mr.Mellark (padre, deceduto)
  • 2 fratelli (deceduti)
  • Primrose Everdeen (cognata, deceduta)

Peeta Mellark è uno dei personaggi principali del romanzo Hunger Games scritto da Suzanne Collins. Prende parte ai 74esimi Hunger Games ed in seguito alla Terza Edizione della Memoria. Nel film Hunger Games e nel suo sequel, Peeta è interpretato dall'attore Josh Hutcherson; la scelta dell'attore ha fatto sì che il Peeta cinematografico avesse gli occhi scuri invece che azzurri come riportato nei libri. Josh Hutcherson è stato confermato nel ruolo di Peeta anche nella trasposizione su grande schermo del secondo capitolo del romanzo.

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Peeta è il figlio del fornaio del Distretto 12 ed ha due fratelli più grandi di cui non si conosce il nome. Fin da piccolo lavora nella panetteria di famiglia, e grazie a questo ha l'occasione di aiutare Katniss Everdeen: all'età di undici anni, infatti, Peeta lancia del pane a Katniss, la cui famiglia rischiava di morire di fame. Per questo motivo, Katniss si sentirà a lungo imbarazzata ed in debito con lui.

Aspetto e Personalità[modifica | modifica wikitesto]

Peeta è un ragazzo non troppo alto, biondo e con gli occhi azzurri. Diversamente dalla maggior parte della gente del Distretto 12, la sua pelle è molto chiara. Probabilmente perché né lui né la sua famiglia lavora al Giacimento. Gli anni di lavoro al forno gli hanno dato una grande forza nelle braccia e spalle larghe. La sua forza è tale da permettergli di lanciare sacchi di farina da 45 kg senza fatica. Ha un innato talento artistico, cosa che gli permette di mimetizzarsi in modo impressionante, oltre a poter dipingere bei quadri e decorare con grande maestria le torte al forno. Durante i Giochi e anche dopo, si scopre un ottimo oratore, con la spiccata dote di saper coinvolgere le persone nei suoi discorsi e convincerle.
Peeta è un ragazzo timido, affascinante, buono e generoso. Ciò nonostante è anche molto coraggioso, infatti non esita a rischiare la sua vita per salvare quella di Katniss e di scegliere di morire per permetterle di restare in vita. Si innamorò di Katniss a 5 anni, quando la sentì cantare una canzone in classe. Da quel momento in poi Peeta si prende una cotta per Katniss e, nonostante negli anni a venire si interessi anche ad altre ragazze, l'unica che gli rimane sempre in testa è lei. Ad 11 anni salva la vita a Katniss lanciandole il pane sotto la pioggia, anche se questo gli costa l'ira della madre che lo picchia per questo. Peeta non ha un bel rapporto con la sua famiglia, a parte il padre. Infatti nel Villaggio dei Vincitori ci vive da solo, pur continuando a preoccuparsi della sua famiglia. Odia essere preso in giro e che le cose non gli vengano spiegate anche quando è coinvolto. Dopo la vittoria nei primi Hunger Games, nonostante i loro problemi, la sola cosa che importa a Peeta è proteggere Katniss. Infatti la definisce la sua "unica ragione di vita".

Hunger Games[modifica | modifica wikitesto]

Il nome di Peeta (che all'epoca aveva 16 anni) viene estratto alla Mietitura dei 74esimi Hunger Games, insieme a quello di Prim, sorella di Katniss, per salvare la quale quest'ultima si offre volontaria come Tributo. Durante l'allenamento e l'incontro privato con gli Strateghi, Peeta si dimostra particolarmente abile con tecniche di mimetizzazione, il sollevamento pesi e la lotta corpo a corpo, ricevendo un punteggio pari a 8 su 12. Durante l'intervista che precede l'inizio dei Giochi, Peeta rivela di essere innamorato di Katniss: questo determinerà la principale strategia sfruttata dai due durante l'evento. Tuttavia, Peeta è davvero innamorato di Katniss ed è intenzionato a proteggerla anche durante lo svolgimento dei Giochi, unendosi ai Tributi Favoriti per cercare di intralciare le loro ricerche della ragazza. Katniss, invece, è convinta che Peeta abbia mentito; messa alle strette dai favoriti, non si fa problemi a cercare di ucciderli tutti, Peeta compreso. In questa occasione, però, il ragazzo le salva la vita mettendo in pericolo la sua. I due si incontrano di nuovo qualche giorno dopo, quando Katniss ritrova Peeta in fin di vita, nascosto grazie alle sue tecniche di mimetizzazione dopo aver combattuto contro Cato per proteggere la fuga di Katniss. Le ferite di Peeta gli hanno procurato però l'avvelenamento del sangue; ingannandolo, la ragazza gli fa bere un sonnifero arrivato dagli sponsor per poter recuperare una medicina ad un Banchetto organizzato dagli strateghi. Ristabilitosi, Peeta viene convinto da Katniss che anche lei è innamorata di lui; le scene di "idillio romantico" determinano il loro grande successo agli occhi del pubblico di Capitol City. Rimasti i soli due Innamorati Sventurati, la regola che stabilisce che due Tributi dello stesso distretto possono vincere insieme viene revocata: e dato che katniss non sarebbe mai in grado di uccidere Peeta ; i due inscenano un doppio suicidio ed i due vengono proclamati entrambi Vincitori. In seguito alla ferita alla gamba riportata nell'Arena durante lo scontro finale con gli ibridi (la ferita alla gamba procuratogli da Cato infatti, non gli costa l'amputazione in quanto viene curata grazie al festino della Cornucopia), sarà costretto a utilizzare una protesi ad una gamba. Poco prima di tornare nel Distretto 12, però, Katniss gli rivela di aver soltanto finto di essere innamorata, e lui si congeda molto freddamente e convinto che lei sia innamorata di gale.

La ragazza di fuoco[modifica | modifica wikitesto]

Sono passati circa sei mesi dalla fine degli Hunger Games: Peeta e Katniss devono intraprendere il Tour dei Vincitori in tutti i distretti di Panem, mostrandosi ancora una volta innamorati; il rapporto fra i due è però ancora molto freddo. È il ragazzo a scusarsi per primo per la propria reazione. Durante il Tour Peeta, senza volerlo, contribuisce a scatenare un piccolo sollevamento popolare nel Distretto 11, rendendosi conto della gravità della situazione del paese: il doppio suicidio inscenato da lui e Katniss, infatti, ha spinto i distretti a credere di poter ribellarsi al potere assoluto di Capitol City. Come tentativo di farlo sembrare unicamente un atto di amore disperato più che di ribellione , Katniss propone a Peeta di sposarlo in diretta TV. Ciò non è tuttavia abbastanza; al posto degli annuali Hunger Games, infatti, viene organizzata un'Edizione della Memoria con regole particolari: i Tributi verranno estratti fra i precedenti Vincitori ancora in vita. Katniss e Peeta vengono così costretti a tornare nell'Arena (sebbene il maschio che viene estratto sia Haymitch, Peeta si offre volontario per proteggere Katniss). Peeta e Katniss si riavvicinano due giorni prima dell'inizio dei Giochi, dormono nello stesso letto diverse notti (durante le quali, per la prima volta dalla fine dei loro primi Hunger Games, non si svegliano in preda agli incubi) e, nella giornata precedente all'inizio dei Giochi che intervalla questi due momenti, trascorrono l'intera giornata da soli sul tetto dell'edificio in cui alloggiano i Tributi, riposando, mangiando, giocando e coccolandosi. Durante i Giochi, si rende palese l'obiettivo dei due: ognuno intende salvare l'altro sacrificando la propria vita. Sulla spiaggia vicina al centro dell'arena, Peeta cerca di convincere Katniss a lottare per vincere, spiegandole che Gale, Prim e sua madre hanno bisogno di lei, mentre lui, se lei morisse, non avrebbe più motivo di vivere. Katniss capisce di amare Peeta e, dopo avergli detto che è lei ad aver bisogno di lui, lo bacia più e più volte e soltanto l'arrivo di Finnick li interrompe. Katniss ha fatto promettere a Haymitch, ancora loro mentore, di salvare il ragazzo; tuttavia è lei ad essere salvata da un hovercraft proveniente dal Distretto 13, mentre Peeta rimane a terra, nella confusione generale.

Il canto della rivolta[modifica | modifica wikitesto]

Peeta è ancora nelle mani di Capitol City, che lo usa per distrarre Katniss, ora il volto della rivolta di tutti i distretti capitanati dal 13. Qui viene torturato insieme ad altri ex-Vincitori, come Johanna Mason, Annie Cresta ed Enobaria. In particolare, viene "depistato": tramite un processo che include l'uso di potente veleno allucinogeno, vengono modificati quasi tutti i suoi ricordi riguardanti Katniss, in modo da farla apparire come un mostro con l'unico intento di ucciderlo. Salvato da una squadra del Distretto 13, Peeta cerca di soffocare Katniss; la ragazza rimane distrutta dal fatto, e cerca di evitarlo finché non è costretta ad unirsi alla sua stessa squadriglia militare per attaccare Capitol. Qui Peeta comincia a fare affidamento sul gioco "Vero o falso?", secondo cui lui deve porre domande su cosa non ricorda perfettamente e gli altri devono rispondere. La maggior parte delle domande riguardano Katniss, e i due ragazzi sono così costretti a riavvicinarsi un po'. Mentre la squadra riposa, Peeta parla con Gale di Katniss, entrambi pensano che quest'ultima sia innamorata dell'altro: Peeta lo pensa ricordando quando lei lo stava curando dopo essere stato fustigato, Gale risponde che Katniss non lo ha mai baciato come ha baciato lui nell'ultima edizione degli Hunger Games. Alla fine Gale afferma che Katniss sceglierà colui che le permetterà di sopravvivere e Peeta annuisce, entrambi sono ignari però che Katniss abbia sentito tutto. Durante un'azione militare, Peeta ha una ricaduta e uccide per sbaglio un soldato; tornato in sé, è deciso a sacrificarsi per il bene del gruppo. Nonostante ciò, Katniss lo costringe a continuare la missione, ritenendo di non poterlo perdere, e lo bacia per molto tempo, per poi allontanarsi da lui per continuare il piano. Terminato l'attacco a Capitol City e catturato il presidente Snow, Peeta impedisce a Katniss di suicidarsi dopo che la ragazza uccide la presidente del distretto 13. Tornati entrambi nel Distretto 12 dopo la rivolta, i due si fanno forza a vicenda: entrambi sono rimasti senza famiglia, poiché i Mellark sono morti durante un bombardamento e la madre di Katniss si è trasferita nel Distretto 4 dopo la morte della sorella Prim. Katniss attraversa una fase di depressione profonda, dalla quale sarà proprio Peeta a farla uscire, standole vicino. È in quel momento che Katniss capisce di amare profondamente Peeta che, ogni volta che lei è stata triste e in crisi le protende le sue braccia, e in seguito le sue labbra. Insieme, Peeta e Katniss creano un libro in cui raccoglieranno tutti i ricordi relativi agli amici e ai parenti perduti. In futuro, si sposeranno e avranno due figli, una femmina e un maschio.