Terza guerra anglo-afghana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Terza guerra anglo-afghana
Data 6 maggio - 8 agosto 1919
Luogo Confine tra Afghanistan e India
Esito Vittoria e indipendenza afghana
Riaffermazione della Linea Durand
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
50.000 - 80.000 uomini Otto divisioni, cinque brigate indipendenti e cinque brigate di cavalleria più moderni tipi di aerei, carri armati e cannoni
Perdite
Circa 1.000 morti[1] 851 morti in combattimento
334 morti per incidenti
556 morti per colera[2]
Voci di guerre presenti su Wikipedia

Nel 1919 si svolse la terza guerra anglo-afghana nella quale, a differenza delle precedenti due, è l'Afghanistan ad attaccare le truppe britanniche in India.

Al termine di questo breve conflitto l'Inghilterra rinuncia ai suoi interessi in Afghanistan, il quale diviene uno stato indipendente.

Premesse[modifica | modifica wikitesto]

L'esercito indiano era stato pesantemente impegnato nella prima guerra mondiale e variie sue unità erano ancora oltremare. Delle unità presenti in India, comunque complessivamente superiori all'esercito afghano, molte erano formate da coscritti, mentre le unità britanniche erano del Territorial Army che aveva rimpiazzato altre unità inglesi anch'esse trasferite sui fronti di guerra. Oltre ad unità motorizzate e piccole unità blindate erano presenti anche due squadron della Royal Air Force, che fornirono un supporto potente soprattutto sul piano psicologico con attacchi, oltre che in bombardamenti tattici e osservazioni per l'artiglieria.

L'esercito afghano era certo inferiore come numero, equipaggiamento ed addestramento, ma contava sul rinforzo delle tribù di frontiera, ben equipaggiate e motivate da profondi sentimenti anti-inglesi.

La campagna[modifica | modifica wikitesto]

L'inizio delle operazioni da parte afghana fu determinato dall'assedio del forte di Landi Kotal, preceduto dalla conquista della città di Bagh dalla quale si potevano controllare gli approvvigionamenti di acqua al forte. La guarnigione, inizialmente costituita da due compagnie di indiani, venne aumentata fino a raggiungere la consistenza di una brigata con l'arrivo della quasi totalità della 1ª brigata di fanteria, anche se costituita da coscritti male addestrati e poco motivati, e l'assedio divenne uno dei fulcri dell'intera campagna.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Terza guerra anglo-afghana 1919, OnWar.com
  2. ^ Molesworth 1962, p. vii

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]