Strade di fuoco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Strade di fuoco
Titolo originale Streets of Fire
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1984
Durata 93 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere azione, musicale
Regia Walter Hill
Produttore Lawrence Gordon, Joel Silver
Casa di produzione Universal Pictures - RKO Pictures
Fotografia Andrew Laszlo
Montaggio Freeman A. Davies, Michael Ripps
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Strade di fuoco (Streets of Fire) è un film del 1984 scritto (in collaborazione con Larry Gross) e diretto da Walter Hill.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Tom Cody è una sorta di soldato di ventura, che torna a casa per salvare la sua ex-ragazza, rapita durante un suo concerto da Raven e dalla sua banda di motociclisti, i Bombers.

Realizzazione[modifica | modifica sorgente]

Dopo il successo de I guerrieri della notte, (a cui doveva essere riservato originariamente il titolo Streets of fire) al regista Hill venne assegnato un ampio budget (14,5 milioni di dollari) per realizzare il film che aveva sempre sognato fin dai tempi della sua adolescenza. Hill dichiarò che preferiva realizzare pellicole che facessero ricordare allo spettatore cose dimenticate, piuttosto che fargli scoprire cose nuove[1].

Il film fu girato in gran parte presso gli Universal Studios in California all'interno di due grandi e complessi set coperti con un telone delle dimensioni di 378 x 67 metri in modo da poter girare scene notturne in orari diurni. Nelle anteprime, nei trailer e nei manifesti fu descritto come "Una favola Rock & Roll". Si tratta in realtà di una originale contaminazione di generi che vanno dal musical, all'epico-fumettistico, dal film d'azione alla commedia con elementi anni cinquanta (le insegne al neon, le motociclette, i giubbotti di pelle) e anni ottanta (la storia d'amore sospesa tra violenza e romanticismo, le immagini patinate, il montaggio da videoclip).

Il film fu reclamizzato come un colosso estivo ma non fu ben accetto da critica e pubblico, incassando negli USA 8 milioni di dollari sui 14,5 milioni spesi.

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

Il commento musicale che fa da sottofondo alle scene fu realizzato da Ry Cooder; l'album della colonna sonora, pubblicato con etichetta MCA Records, contiene 10 brani musicali inediti, interpretati da diversi artisti:

Lato 1[modifica | modifica sorgente]

  1. Nowhere Fast (Jim Steinman) eseguita dai Fire Inc.
  2. Sorcerer (Stevie Nicks) eseguita da Marilyn Martin
  3. Deeper and Deeper (The Fixx) eseguita da The Fixx
  4. Countdown to love (Kenny Vance, Marty Kupersmith) eseguita da Greg Phillinganes
  5. One Bad Stud (Jerry Leiber, Mike Stoller), eseguita da The Blasters

Lato 2[modifica | modifica sorgente]

  1. Tonight Is What It Means to Be Young (Jim Steinman) eseguita dai Fire Inc.
  2. Never Be You (Tom Petty, Benmont Tench), eseguita da Maria McKee
  3. I Can Dream About You (Dan Hartman) eseguita da Dan Hartman
  4. Hold That Snake (Ry Cooder, Jim Dickinson) eseguita da Ry Cooder
  5. Blue Shadows (Dave Alvin) eseguita da The Blasters

L'album fu prodotto da Jimmy Iovine.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dichiarazione riportata sulla copertina del disco della colonna sonora MCA RECORDS 25 0825-1


cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema