Spedizione britannica all'Everest del 1922

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Parete nord dell'everest e via britannica del 1922 (in verde) con indicati i campi V e VI (triangoli) e il record di altezza raggiunto (a) da Finch facendo uso di ossigeno.

La spedizione britannica all'Everest del 1922 è stata la seconda di una serie avente come scopo l'esplorazione geografica dell'Everest, la prima con il dichiarato obiettivo della scalata dell'Everest. È stata anche la prima ad aver tentato la scalata facendo uso di ossigeno.

La spedizione seguì la via nord dal Tibet. Dopo due tentativi senza successo alla vetta, nel secondo dei quali si stabilì il record di 8326 m facendo uso di ossigeno, il terzo tentativo fu funestato da una tragedia: sette portatori sherpa morirono travolti da una valanga mentre scalavano il Colle Nord.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]