Slender Man

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Slenderman)

Lo Slender Man (in italiano: L'uomo esile) noto anche come Slenderman è un personaggio immaginario della paura tipica dei Creepypasta e nato come fenomeno di Internet. Creato da Victor Surge (vero nome: Eric Knudsen) nel 2009, sul sito web inglese Something Awful. Lo Slender Man viene descritto come un uomo alto e snello, con un volto vuoto e privo di occhi, naso, bocca e orecchie, dove si riconoscono solo i tratti somatici del viso e indossa un abito nero con una cravatta rossa. Il comportamento dello Slender Man è generalmente quello di inseguire, rapire, o traumatizzare la gente, in particolare i bambini.[1] Lo Slender Man non è legato ad alcuna storia particolare o leggenda, ma appare in molte opere di narrativa varie (come: storie horror, videogiochi di paura e ecc.), per lo più composte sulla rete.[2]

Aspetto fisico[modifica | modifica wikitesto]

Come è fatto lo Slenderman

Lo Slenderman appare come un uomo alto circa 2 o 3 metri e molto magro, vestito con uno smoking nero e una cravatta rossa (a volte anch'essa nera). Ha due lunghe braccia che arrivano quasi a toccare terra, grosse mani affilate e taglienti, dalla schiena escono delle protuberanze simili a dei tentacoli. Ma la sua principale caratteristica è quella di avere una carnagione bianca e non possedere un volto, ciononostante si sono verificati casi in cui la creatura ha mostrato una bocca piena di denti aguzzi con una lingua nera molto lunga che usa per strozzare le sue vittime.

In alcune rappresentazioni medievali, viene raffigurato uno scheletro alto con molte braccia che uccide un uomo e porta via un bambino dalla sua famiglia. Questa figura è chiamata Der Ritter e secondo alcuni rappresenta un'antica versione dello Slender Man.

Poteri[modifica | modifica wikitesto]

Lo Slenderman ha dimostrato di avere diversi poteri. Uno dei più conosciuti è la capacità di teletrasportarsi (o muoversi molto velocemente) da un luogo all'altro.

È inoltre in grado di causare danni ad apparecchiature elettroniche e provocare nelle persone sintomi come nausea, tosse di sangue e perdita di sensi. Questi sintomi vengono definiti parte della Slenderman Sickness (Malattia Slenderman).

Sembra che i suoi tentacoli abbiano un potere ipnotico che induca le vittime ad avvicinarsi a lui ed è anche in grado di controllare la mente delle persone, trasformandole in creature chiamate Proxy, che adempiranno ad ogni suo volere. Grazie ai suoi lunghissimi tentacoli può anche camminare come un ragno e prendere la forma di questo o anche di un albero per mimetizzarsi.

Lo Slenderman.

Slender Man non sembra possedere punti deboli. Risulta essere infatti invulnerabile a qualsiasi tipo di arma, anche da fuoco.

Nonostante non mostri una bocca, è in grado di comunicare telepaticamente con le persone, anche se si trova in luoghi molto distanti dalla persona con cui sta parlando

Non si sa che fine facciano le vittime della creatura, poiché i corpi non vengono mai ritrovati.

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Slender Man agisce in maniera misteriosa. La sua unica attività è quella di tormentare e inseguire la gente, soprattutto i bambini, ma non è raro che prenda di mira anche adolescenti o adulti. Si trova spesso nelle foreste notturne o in luoghi abbandonati, ma una volta che ha scelta la sua preda, può seguirla fino in città o in casa sua rendendosi visibile solo a lei. Solitamente, le apparizioni dell'entità sono graduali: inizialmente, la vittima lo vede in lontananza mimetizzato con gli alberi, ma man mano che passa il tempo il mostro si fa sempre più vicino e le apparizioni sono sempre più frequenti e portano la persona soggetta alla pazzia o, in caso sia affetta dalla Slenderman Sickness (solo gli adulti ne soffrono), anche al coma e successivamente alla morte. I bambini a volte non sembrano avere paura di lui, pare anzi che si avvicinino a lui senza timore, forse perché ipnotizzati. Una volta comparso ad una persona, quest'ultima non può far niente per liberarsi della creatura e non può sfuggirgli, questo porta spesso le persone al suicidio. I corpi delle vittime non vengono mai ritrovati e non si sa che fine facciano. Una delle tante teorie è che lo Slender Man le porti in un'altra dimensione. Ma soprattutto per attirare un bambino, prima si finge un suo amico, poi lo prende con sé, e del bambino nessuno sa più niente.

Creazione e diffusione del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

La creatura nacque nel 2009 dal sito Something Awful per un concorso fotografico, dove bisognava ritoccare foto aggiungendoci macabri dettagli o entità misteriose. Fu così che il personaggio ebbe origini. Nelle foto del concorso, il mostro appariva insieme a dei bambini in luoghi quali i parchi giochi, inoltre le immagini erano tutte in bianco e nero. Slenderman infine vinse questo concorso e divenne protagonista di varie Creepypasta (storie dell'orrore provenienti da internet).

Logo del famoso videogioco: "Slender the Eight Pages"

Ma la prima vera diffusione del personaggio avvenne su Youtube, dove un canale chiamato Marble Hornets iniziò a postare video nei quali dei ragazzi, con una telecamera, riprendevano gli eventi per un concorso scolastico. Ma durante le riprese l'essere fu avvistato più volte e i ragazzi ne furono vittime. In questi video, l'entità viene chiamata The Operator e agisce insieme a due Proxy, soprannominati Masky e Hoody per via del fatto che indossano rispettivamente una maschera e un cappuccio che tengono nascosta la loro identità. Tutti questi episodi (fin ora se ne contano più di 80) formano un'intera serie e vengono chiamati "Entry #[numero video]", la descrizione presenta solo il numero del video e i commenti sono disabilitati. In quasi ogni puntata avvengono fenomeni inspiegabili: la telecamera inizia ad avere interferenze, i ragazzi scappano, stanno male e/o svengono e appaiono più volte Slender Man e i due Proxy.

Il vero successo però arrivò nel 2012, quando uscì per PC il gioco indie Slender, nel quale bisognava raccogliere 8 pagine in un bosco di notte senza essere presi dalla suddetta creatura. Ogni volta che si prende una pagina, il mostro diventerà sempre più aggressivo e le sue apparizioni saranno molto più frequenti. Il gioco ottenne un enorme successo e Slenderman, oltre a ricevere molti altri giochi dedicati a lui, divenne famoso in tutto il Web. Il videogame divenne famoso anch'esso soprattutto grazie a video di gameplay su Youtube.

Oggi è probabilmente la Creepypasta più conosciuta insieme a Jeff The Killer.

Influenza[modifica | modifica wikitesto]

Nel famoso videogioco sandbox Minecraft, esiste un mostro chiamato Enderman chiaramente ispirato allo Slenderman, sia per il nome che per aspetto e abilità: esso è alto, completamente nero ed è in grado di teletrasportarsi.

Aleks Krotoski, un commentatore della BBC Radio 4, si è riferito allo Slenderman come "Il primo grande mito del web"

La creatura compare anche nell'episodio 5 di "A Tutto Reality: All-Stars" come Easter Egg. Quando il conduttore dello show Chris osserva i concorrenti nella foresta attraverso degli schermi, in uno di essi è presente proprio lo Slender Man.

Tye Van Horn, uno scrittore per The Elm, ha dichiarato che lo Slenderman è l'impersonificazione della paura verso l'ignoto.

Troy Wagner creò una webserie (tra le più note) chiamata Marble Hornets proprio incentrata sulla figura dello Slender Man, che ritiene spaventoso proprio grazie alla sua malleabilità: le persone possono modellare il mostro (in particolar modo il volto) in ciò che più li spaventa.

Nel gioco Piante Contro Zombie Garden Warfare nel livello contro Zomboss a destra della foresta si può notare una figura che è lo slenderman

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) What Happens Next? ISBN 9781598846348. URL consultato il 2 febbraio 2014.
  2. ^ (EN) The definitive guide to creepypasta-the Internet’s scariest urban legends. URL consultato il 2 febbraio 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi