Silent Hill: Homecoming

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Silent Hill: Homecoming
Sviluppo Double Helix
Pubblicazione Konami
Serie Silent Hill
Data di pubblicazione Sony PlayStation 3:
Stati Uniti 30 settembre 2008
Europa 27 febbraio 2009

Microsoft Xbox 360:
Stati Uniti 30 settembre 2008
Europa 26 febbraio 2009
Microsoft Windows:
Stati Uniti 6 novembre 2008
Europa 27 febbraio 2009

Genere Avventura dinamica
Tema Survival horror
Modalità di gioco Giocatore singolo
Piattaforma PlayStation 3, Xbox 360, Microsoft Windows
Distribuzione digitale Steam
Supporto Blu-ray Disc, DVD-ROM
Periferiche di input Sixaxis o DualShock 3, Controller Wireless e Gamepad
Preceduto da Silent Hill: Origins
Seguito da Silent Hill: Shattered Memories
« Josh, Josh non lasciarmi cadere. »
(Alex al fratello Joshua)

Silent Hill: Homecoming è il quinto capitolo della serie di videogiochi survival horror Silent Hill, complessivamente il sesto della serie. Il gioco è stato annunciato l'11 luglio 2007 da Konami alla sua conferenza stampa dell'E3, ed era originariamente intitolato Silent Hill V. Questo capitolo segue il viaggio di Alex Shepherd, un soldato di ritorno dalla guerra, nella sua città natale Shepherd's Glen, dove trova la città nel caos, e suo fratello minore scomparso. Mentre continua nella ricerca di suo fratello, scoprirà di più sull'Ordine del culto di Silent Hill, così come la storia della città, e il proprio passato.

Il gioco è stato rilasciato il 30 settembre 2008 in Nord America per Xbox 360 e PlayStation 3, e la versione Microsoft Windows è stata rilasciata per il Nord, Centro e Sud America il 6 novembre 2008 in esclusiva attraverso Valve. Tutte le versioni sono state rilasciate contemporaneamente in Europa, tra cui una versione retail di Windows, il 27 febbraio 2009. Il gioco ha ricevuto generalmente buone recensioni da parte della critica, con reazione positiva alla grafica, audio e ambienti, e reazione inferiore al gameplay e allo scenario, e alcuni elementi horror.

Modalità di gioco[modifica | modifica sorgente]

Homecoming presenta un sistema di combattimento del tutto nuovo che sfrutta le capacità militari del protagonista Alex Shepherd grazie a un sistema di combo e schivate. Anche l'uso delle armi da fuoco è radicalmente cambiato e dalla mira automatica dei precedenti episodi adesso il protagonista dispone di mira manuale che ricorda vagamente Resident Evil 4. Tuttavia, la struttura del gioco è stata sviluppata affinché il giocatore tenda a non usare armi da fuoco né all'obbligo di combattere a tutti i costi preferendo così la fuga.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Alex è il protagonista del gioco. All'inizio è Legato ad una barella mentre un improbabile inserviente, con il camice imbrattato di sangue, lo trasporta lungo il buio corridoio di un ospedale chiamato Alchemilla, il quale compare anche negli altri episodi della saga. Alex sembra non capire cosa gli stia succedendo; rivolge domande all'inserviente, ma questi lo ignora. Accompagnato da immagini di tortura, Alex viene portato in una sala operatoria dove l'inserviente lo lascia, e va via. Il soldato allora ne approfitta per liberarsi dalle cinghie che lo legano alla barella. Inizia a vagare per le varie aree dell'ospedale finché non si accorge della presenza di Joshua, il suo fratellino. Questi, dopo aver ricevuto in consegna un coniglietto di pezza (Robbie the Rabbit, la mascotte del Lakeside Amusement Park), sparisce. Alex gli corre dietro, ed entra in un ascensore: non riuscirà a finire la sua corsa, poiché dalle porte dell'ascensore fuoriesce una gigantesca lama (probabilmente di Pyramid Head) che lo trafigge.

Alex si sveglia di soprassalto, allarmando il camionista che gli sta dando un passaggio fino al suo villaggio natale (Shepherds Glen) tra l'altro il camionista è Travis Grady, il protagonista di Silent hill: Origins . Sheperd's Glen è una cittadina vicina a Silent Hill, dove l'Ordine possiede diverse ramificazioni. Fu fondata da quattro famiglie: i Bartlett, gli Holloway, i Fitch e gli Sheperd, ognuna invischiata nelle misteriose vicende della città.

Tornato a casa, Alex trova la madre che, in stato confusionale, farfuglia frasi insensate che hanno a che fare con la scomparsa di Joshua e Adam, rispettivamente suo fratello e suo padre. Non sapendo cosa fare, Alex si mette immediatamente alla loro ricerca. Ma si accorge ben presto che nella sua cittadina qualcosa non va. In seguito a uno svenimento, si ritrova misteriosamente nella città di Silent Hill, recintata da fili spinati e definitivamente abbandonata.

I Personaggi[modifica | modifica sorgente]

  • Alex Shepherd - Il protagonista. Un giovane soldato reduce della Guerra del Golfo, che ritornato al suo villaggio natale, prende atto della scomparsa del padre e del fratello, e si mette sulle loro tracce. Ha un fratello minore di nome Joshua, scomparso in seguito alla venuta degli adepti dell'Ordine.
  • Adam J. Shepherd - Il padre di Alex e lo sceriffo di Shepherd's Glen. Un uomo dal carattere molto duro, si vedrà nel gioco poche volte, e per la maggior parte in flashback di Alex. La moglie Lilian crolla in stato catatonico dopo la scomparsa del figlio minore, Joshua.
  • Elle Holloway - L'amica d'infanzia di Alex e la figlia del giudice di corte del tribunale di Shepherd's Glen. Lo aiuterà nella ricerca dei bambini scomparsi. Ha una sorella, Nora Holloway, morta in circostanze misteriose.
  • Il signor Bartlett - Il sindaco di Shepherd's Glen. Suo figlio, Joey Bartlett, è morto in circostanze misteriose. È affetto dall'ossessione di scavare tombe e alcolismo.
  • Dr. Fitch - Uno dei pochi dottori presenti nella piccola comunità di Shepher's Glen, affetto da tendenze autolesioniste e suicide. Ha perso la figlia Scarlet Fitch, cui era molto affezionato.
  • Curtis Ackers - L'aggiustatutto di Sheperd's Glen, e collaboratore dell'Ordine.
  • Vice-sceriffo Wheeler - Il vice-sceriffo di Shepherd's Glen. Aiuterà Alex per una buona parte del gioco, grazie al suo potente fucile.
  • Travis Grady - Il protagonista di Silent Hill: Origins. Compare in un cameo nel filmato del prologo, dove dà un passaggio ad Alex fino a Shephed's Glen.

Le Creature[modifica | modifica sorgente]

  • Infermiere - Ritornano le infermiere del secondo episodio della serie. I movimenti (convulsi), le fattezze (volto sfigurato e inumano, senza capelli), le forme (decisamente prosperose) e le caratteristiche ricordano quelle del film. Sono armate di bisturi, e di un coltello sottile più in seguito, quando diverrano più aggressive. Sono attratte dalla luce della torcia di Alex e sino a quando non la vedono rimangono immobili. È il primo incontro di Alex nell'ospedale Alchemilla.
  • Feral - Simili nelle fattezze ai Groaner di Silent Hill. Più agili che mai, questi mostri dalle sembianze di un cane senza pelle daranno parecchio filo da torcere al soldato Alex.
  • Swarm - Insetti molto fastidiosi, ma facilmente eliminabili. Si attaccano al corpo di Alex succhiandogli salute.
  • Lurker - Creature dalle forme umanoidi, senza faccia ma con una bocca dentata che va dall'alto verso il basso, le lunghe gambe unite che vengono trascinate e dai lunghi artigli. Particolarmente rapidi ma deboli, preferiscono attaccare Alex da sott'acqua o compiendo agguati.
  • Smog - Questa creatura è una evoluzione del Lying Creature di Silent Hill 2 e di Silent Hill: Origins, sono però più alti e forti rispetto ai predecessori e presentano protuberanze incandescenti sul corpo. Cercherà di soffocare Alex grazie al fumo tossico contenuto nei polmoni.
  • Needler - Mostri simili a dei grandi ragni dalle dimensioni e l'aspetto umanoidi. Camminano su quattro zampe tenendo la schiena verso il basso e le lunghe gambe affilate come rasoi davanti, pronte ad attaccare. La testa si trova, rivolta al contrario, in mezzo a queste, per simboleggiare il parto.
  • Schism - Queste creature hanno fattezze umane con una testa simile a quelle di un pesce martello, puntata verso il basso che lo Schism usa come se fosse una mannaia. La lunga bocca suddivide la testa in due sezioni a simboleggiare una personalità divisa, questo simbolo viene rafforzato dal fatto che le sue mani puntano una davanti e l'altra (piegata in modo innaturale) dietro. Alex vi avrà a che fare per la prima volta nel commissariato di Sheperd's Glen.
  • Siam - Questa creatura sembra essere la fusione dei corpi di un uomo e una donna, attaccati per la schiena. È molto simile ad un mostro di Silent Hill 2, chiamato Mandarin.
  • Adepti dell'Ordine. Si suppone siano abitanti di Sheperd's Glen devoti all'ordine vestiti da minatori, possono essere armati con un tubo di ferro o con fucili.

Boss[modifica | modifica sorgente]

  • Sepulcher - Il primo boss che Alex dovrà sconfiggere, una enorme creatura dalla pelle molto pallida e priva della parte del corpo dal torso in giù. Attacca principalmente con le braccia, cercando di colpire Alex con potenti pugni. È Joey, il figlio del sindaco Bartlett.
  • Scarlet - Il secondo boss del gioco è nientedimeno che la defunta figlia del Dr. Fitch, tramutatasi in un mostro dalle fattezze di un manichino coperto di sangue e dalla testa mezza fracassata. È dotata di una agilità inconsueta per i mostri di Silent Hill.
  • Asphyxia - Il terzo boss di questo Silent Hill. Rispetto a Scarlet è molto più goffo, anche se ha più attacchi. Sembrerebbe un insieme di corpi nudi maschili e femminili che si soffocano a vicenda. Si tratta di Nora, la figlia del giudice Holloway.
  • Amnion - L'ultimo e più temibile di tutti i boss. Questa creatura è un misto tra un essere umano ed un ragno robotico: si presenta con il corpo di un essere umano, con una pancia spropositata, sorretta da 8 zampe robotiche, mentre il viso è "tagliato" in diverse sezioni. È la reincarnazione di Joshua.
  • Uomo Nero - In realtà si tratta di Pyramid Head di Silent Hill 2. Non lo si affronterà mai, ma più volte incrocia il cammino di Alex nel corso della sua missione. È lui ad uccidere Alex nell'incubo iniziale, così come sarà lui a tagliare in due il padre di Alex.

Finali[modifica | modifica sorgente]

I cinque finali di Silent Hill: Homecoming si ottengono in seguito a determinate scelte, effettuate durante la partita.

  • Good - Alex ed Elle si ritrovano in superficie, e decidono di ricostruire il loro rapporto di amicizia. Un lieto fine che però lascia parecchie cose della storia in sospeso. Per ottenerlo, è necessario uccidere la madre di Alex, e perdonare il padre nel confessionale.
  • In the water - Alex si risveglia dall'incubo nella vasca di casa proprialegato nella vasca da bagno. Poco dopo entra il padre, afferra Alex per il collo e lo spinge sott'acqua annegandolo. Adempie così il proprio obbligo verso Sheperd's Glen. Per ottenerlo, è necessario uccidere la madre di Alex, ma non perdonare il padre nel confessionale.
  • Bogeyman - Alex si risveglia, costretto ad una sedia da una fune. Due Uomini Neri intrappolano la sua testa in una grossa piramide metallica, facendo di Alex uno di loro. Per ottenerlo, è necessario non uccidere la madre di Alex, non perdonare il padre nel confessionale, e non salvare Wheeler.
  • Hospital - Alex si risveglia su di un lettino ospedaliero simile a quello visto nel filmato iniziale del gioco, ed è circondato da due dottori che cercano di "curarlo" con l'elettroshock. Lascia forse intendere che Alex soffre di disturbi psichici e la sua avventura è stata solo il frutto di un sogno. Per ottenerlo, è necessario non uccidere la madre di Alex, e perdonare il padre nel confessionale.
  • UFO - Alex ed Elle si ritrovano in superficie, ma all'improvviso un disco volante li solleverà da terra, portandoli via nello spazio. Wheeler, che vede tutto, non può far altro che imprecare. Per ottenerlo, è necessario non uccidere la madre di Alex, non perdonare il padre nel confessionale e salvare Wheeler.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Al pari dei suoi predecessori, anche in questo capitolo della serie è possibile sbloccare diversi costumi per personalizzare Alex durante la sua avventura. I costumi vengono assegnati sulla base dei finali ottenuti. Avremo infatti: Alex in maglietta e jeans neri; Alex vestito come Travis di Origins; Vice-Sceriffo Alex; Alex in divisa da chirurgo; Alex Membro dell'Ordine; Alex con il copricapo dell'Uomo Nero.
  • Terminando una partita a modalità Difficile, oppure in modalità Normale raccogliendo tutte le foto e i disegni, alla fine del filmato finale ci sarà una piccola scena extra, che mostra Joshua seduto sul suo letto, con in mano la sua macchina fotografica, che sorride e scatta una foto.
  • Alex e Mary, la moglie di James Sunderland (Silent Hill 2), possiedono lo stesso cognome. Tuttavia non ci sono prove di un possibile legame di parentela tra loro, il che fa pensare più a un caso di omonimia.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]