Silent Hill (serie)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
SH1Logo.jpg

Silent Hill (サイレントヒル, Sairento Hiru?, in italiano "Collina Silenziosa") è una serie di videogiochi di genere survival horror prodotti e sviluppati da Konami. Nella serie, il giocatore prende il controllo di una "persona qualunque" protagonista, che deve muoversi nella decadenza e negli incubi che infestano la città di Silent Hill. Dalla serie è stato generato un multimedia franchise composto da film, fumetti, libri e novelle.

I primi quattro giochi della serie sono stati creati da Team Silent, uno staff di sviluppo affiliato a Konami, che poi si è sciolto. I titoli successivi sono stati creati da altri sviluppatori: Silent Hill: Origins e il remake Silent Hill: Shattered Memories da Climax Group, Silent Hill: Homecoming da Double Helix Games, e Silent Hill: Downpour uscito il 25 ottobre 2011, sviluppato da Vatra Games in Repubblica Ceca. Un adattamento cinematografico diretto da Christophe Gans e liberamente tratto dal gioco originale è stato rilasciato nel 2006. Un secondo film, Silent Hill: Revelation 3D liberamente ispirato a Silent Hill 3 da parte del regista Michael J. Bassett è uscito nei cinema italiani il 31 ottobre 2012.

La trama horror-psicologica ha rappresentato una novità nel campo dei videogiochi appartenenti al filone survival horror, contrapponendo Silent Hill al celebre Resident Evil.

Il videogioco[modifica | modifica sorgente]

Il gameplay di Silent Hill è molto simile a quello dei primi Resident Evil, un survival horror incentrato meno sull'azione, e più sulla risoluzione di enigmi, cercando nel frattempo di non farsi uccidere dai nemici. Il menù dove sono presenti le armi e dove è indicata la salute è quasi (se non completamente) identico a quello dei Resident Evil di vecchia generazione.

La città di Silent Hill[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Silent Hill (città).

Silent Hill è una ridente località di villeggiatura americana che sorge in riva al lago Toluca. È divisa in diverse aree, tra cui la parte antica della città e quella residenziale. La città ospita una stazione di polizia, un orfanotrofio, più di un ospedale e tutti i comfort per i turisti (negozi, alberghi, centri commerciali, parchi, bowling, ecc).

In pochi però sanno che nel 1500 una zona del Massachusetts fu colonizzata da una tribù indiana, che la riteneva sacra, e per questo la chiamarono "Collina Degli Spiriti Silenziosi". La tribù inoltre praticava dei rituali con i quali parlavano con i loro defunti. Nel 1800, la città divenne una colonia penale, e cominciò la costruzione del primo ospedale, il Brookhaven, per ospitare le vittime di una grave epidemia. Nello stesso secolo, fu eretta la prigione del lago Toluca, ricavata nel sottosuolo. Nel 1900 diversi eventi apparentemente privi di spiegazione cominciano a manifestarsi: la barca "Little Baroness" scompare per cause ignote nel lago Toluca. Di tutti i turisti presenti a bordo, nessun sopravvissuto e nessun corpo fu ritrovato. Diverse persone scompaiono, altre muoiono nella costruzione di alcuni edifici cittadini.

L'incubo[modifica | modifica sorgente]

Silent Hill è una cittadina abbastanza difficile da raggiungere e da trovare, poiché oltre ad essere una città di periferia, è costantemente immersa in una nebbia fittissima ed è sempre presente il mal tempo. A Silent Hill è sempre presente la pioggia e la neve anche fuori stagione. Silent Hill, inoltre, non è una normale e tranquilla città di periferia, come invece dovrebbe essere, infatti sembra completamente deserta (priva di abitanti), in città si svolgono fenomeni paranormali, come l'apparizione di divinità e soprattutto di mostri demoniaci e strane creature oscure. Chiunque vi si trova intrappolato avrà due scelte: affrontare i propri demoni o morire.

Al suono della sirena antibombardamento, la città si trasforma nell'Otherworld: un inquietante riflesso distorto di sé stessa, una sorta di dimensione parallela; gli edifici, le strade, le case mutano, prendendo l'aspetto che avrebbero dopo un grave incendio. Ovunque cenere, ruggine, sangue e sinistri corpi appesi ai muri o sparsi per le strade. Silent Hill sembra plasmata per riflettere ciò che è nascosto dentro il visitatore, una sorta di purgatorio da attraversare per redimere i propri peccati.

L'atmosfera[modifica | modifica sorgente]

Il giocatore si trova subito completamente solo a vagare attraverso le vie della città. La nebbia avvolgente non fa che moltiplicare l'effetto di totale isolamento e la musica, che varia da lamenti di violini e pianoforte a brani rock, in qualche modo fa cadere in uno stato di assoluta malinconia.

Questo tipo di strategia psicologica di incutere terrore attraverso canoni non convenzionali (non attraverso spaventi o un alto tasso di violenza grafica) ha fatto sì che schiere di fan aprissero innumerevoli forum di discussione in internet per parlare della propria esperienza principalmente da un punto di vista psicologico, e non per scambiarsi soltanto idee su come procedere nel gioco.

In tutti i capitoli è presente un'ambientazione nebbiosa che rende uno stato continuo di ansia nel giocatore.

Le divinità[modifica | modifica sorgente]

Il gioco si caratterizza anche per i riferimenti a determinate divinità subordinate al dio di Silent Hill, spesso detto "Samael". Tuttavia è bene notare che solo quattro di queste, cioè Lobsel Vith, Xuchilbara, Valtiel e Pyramid Head appaiono direttamente o indirettamente nei vari capitoli della serie.

Divinità principale[modifica | modifica sorgente]

Angeli[modifica | modifica sorgente]

Santi[modifica | modifica sorgente]

I titoli della serie[modifica | modifica sorgente]

Silent Hill: Downpour Silent Hill: Shattered Memories Silent Hill Homecoming Silent Hill: Origins Silent Hill 4: The Room Silent Hill 3 Silent Hill 2 Silent Hill (joc video)

Serie principale[modifica | modifica sorgente]

Spin Off[modifica | modifica sorgente]

Remake[modifica | modifica sorgente]

I Film[modifica | modifica sorgente]

L'adattamento cinematografico del primo videogioco è stato diretto da Christophe Gans, già regista di film tratti da fumetti come Crying Freeman. In Italia il film è uscito nelle sale il 7 luglio 2006. Nonostante la pellicola si discosti in alcuni punti dalla trama originale, ribaltando incisivamente alcuni concetti chiave del videogioco (come ad esempio l'indole del personaggio di Dalia), è ritenuto uno degli adattamenti cinematografici da videogiochi più fedeli, almeno per quanto riguarda la riproduzione dell'atmosfera.

Il sequel del film del 2006 è Silent Hill: Revelation 3D, diretto dal regista Michael J. Bassett; il cast contiene alcuni attori reduci dal primo film mentre altri sono nuovi alla serie. Il film uscì nelle sale italiane tre giorni dopo quelle statunitensi, il 31 ottobre 2012.

I fumetti[modifica | modifica sorgente]

Una serie di fumetti è stata dedicata all'universo Silent Hill, scritta da Scott Ciencin con i disegni di Ben Templesmith, Aadi Salman e Shaun Thomas, pubblicati dalla IDW Publishing.

  • Silent Hill: Dying Inside (2004)

Realizzata come un corpus di cinque storie, le prime due incentrate sulla relazione tra un dottore e il proprio paziente, mentre le ultime tre narrano le vicende di alcuni ragazzini.

  • Silent Hill: Among the Damned (2004)

La storia di un soldato depresso per essere uno dei pochi ad essere sopravvissuto alla guerra.

  • Silent Hill: Paint it Black (2005)

Un artista in cerca di ispirazione per il suo ultimo lavoro viene risucchiato nella realtà di Silent Hill.

Ispirazione e riferimenti[modifica | modifica sorgente]

Fumetti
  • Daijiro Morohosho: Un mangaka con all'attivo diverse storie horror in cui si riscontra lo stesso senso di "realtà alternativa" disturbante caratteristico di Silent Hill. Alcuni suoi lavori sono stati adattati per il grande schermo.
  • Junji Ito: Altro autore importante nel campo dei fumetti horror giapponesi.
Film
Arte
Musica

Alcuni generi musicali ed alcuni gruppi sono stati basilari per lo sviluppo dell'atmosfera dei giochi. Di seguito i generi ed i gruppi citati direttamente da Akira Yamaoka (il compositore delle colonne sonore di tutti gli episodi principali) ed indicati come fondamentali o che hanno influenzato o ispirato l'impianto sonoro dei giochi.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi