Scanners

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Scanners
Scanners-Ironside.png
Lo scanner Darryl Revok (Michael Ironside) in una scena del film
Titolo originale Scanners
Paese di produzione Canada
Anno 1981
Durata 102 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere orrore, fantascienza
Regia David Cronenberg
Soggetto David Cronenberg
Sceneggiatura David Cronenberg
Produttore Claude Heroux
Fotografia Mark Irwin
Montaggio Ronald Sanders
Effetti speciali Gary Zeller, Henry Pierry
Musiche Howard Shore
Scenografia Angelo Stea
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Scanners è un film del 1981, scritto e diretto da David Cronenberg. Ha avuto quattro sequel: Scanners 2 (1991), Scanners 3 (1992), Scanner Cop (1994) e Scanner Cop II (1995), non diretti da Cronenberg.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un uomo trasandato, Cameron Vale, entra in un fast food. Mentre fruga nel cestino della spazzatura, viene osservato da due donne, appartenenti alla middle class. Una delle due manifesta all'amica il disprezzo che prova per l'uomo dicendo: "Ma come fa un uomo a ridursi in quelle condizioni? Non mi fa pena, mi fa solo schifo". A questo punto l'uomo comincia a fissare intensamente la donna, che ha un improvviso e violentissimo attacco epilettico. L'uomo cerca di scappare, ma viene inseguito da due uomini che lo colpiscono con un dardo alla mano e, privo di sensi, lo afferrano e lo trascinano via.

L'uomo, disteso su un letto, viene svegliato dal dottor Paul Ruth, che gli dice che è uno scanner, un individuo dotato di enormi poteri telepatici. In seguito gli propone un esperimento. Diverse persone entrano nella stanza e la sua mente si riempie di tantissime voci, che gli causano un fastidio insopportabile. Il dottor Ruth, visto l'esito dell'esperimento, gli inietta una dose di calmante.

In una sala da conferenze, un oratore promette un esperimento eccezionale di telepatia e chiede un volontario che possa collaborare con lui. Si alza quindi uno sconosciuto che si siede al banco dell'oratore. Iniziato l'esperimento, l'oratore inizia a dare segni di sconforto e poi pare colto da forti spasmi ma gli spettatori presenti, benché visibilmente preoccupati, credono che questo possa essere un effetto collaterale della telepatia e non intervengono. All'improvviso, tuttavia, la testa dell'oratore esplode; l'altro telepata, uno scanner, cerca di allontanarsi nel panico e nel terrore generali ma viene inseguito da alcuni addetti alla sicurezza, che lo immobilizzano e lo portano via. Un medico tenta di fargli una puntura che dovrebbe annullarne temporaneamente i poteri ma, per intervento telepatico dello stesso scanner, finisce per iniettarla a se stesso. Lo scanner, ancora completamente libero di utilizzare i propri poteri, mentre viene portato via in auto dagli ignari addetti ne manovra le menti e provoca la morte di due di loro in un incidente stradale, poi ne costringe un altro ad un omicidio/suicidio. Lo scanner, Darryl Revok, è di nuovo libero.

Intanto, nella multinazionale ConSec, alcuni dirigenti che avevano dato il via agli esperimenti sugli scanner cercano di fare il punto della situazione. Il responsabile della sicurezza, Braedon Keller, suggerisce di interrompere le relazioni con gli scanner, ma il dottor Ruth avverte che esiste una potente organizzazione rivale di scanner, capitanata da Darryl Revok, che va fermata. Per distruggerla propone quindi di infiltrare un nuovo scanner, Cameron Vale, che provvederà ad addestrare. La ConSec acconsente e il dottor Ruth permette anche a Keller di osservare, mediante alcune telecamere, il loro incontro. Ruth illustra a Cameron un farmaco, l'"Ephemerol", capace di prevenire il flusso della telepatia. In seguito gli mostra alcuni vecchi filmati di Revok, nei quali lo scanner presenta un buco in fronte, procurato "per fare uscire le voci". Dopo aver sperimentato le proprie forze telepatiche con un maestro di yoga, Cameron si sente finalmente sicuro dei suoi poteri e accetta di collaborare con Ruth. Intanto Keller passa tutte le informazioni riguardanti i piani di Ruth a Revok.

Il dottor Ruth mostra a Cameron alcune foto di Benjamin Pierce, un artista moderno, l'unico scanner conosciuto che non ha accettato di passare nell'organizzazione di Revok, e manda lo scanner a cercarlo per parlare con lui. Ad una mostra d'arte, Cameron scopre l'indirizzo dell'artista leggendo nel pensiero dell'organizzatore e vi si reca. Tuttavia, mentre sta parlando con Pierce, sopraggiungono uomini armati che uccidono Pierce. Cameron riesce ad ucciderli utilizzando i poteri telepatici.

Cameron, in seguito, entra in contatto con un gruppo di scanner dopo aver conosciuto una di loro, Kim Obrist, alla mostra. Lo scanner propone alla donna di allearsi con lui per contrastare i piani di Revok. Lei, sebbene sia incerta, lo segue. I due trovano il laboratorio chimico, posto nella Biocarbon Amalgamate, dove Revok produce l'Ephemerol e scoprono che l'intero programma fa capo alla ConSec. Keller, scoperto, rinchiude Kim in una stanza e la interroga su cosa abbia scoperto. Intanto Cameron riferisce le proprie scoperte a Ruth. Vale riesce a leggere nel computer l'intero piano di Revok, d'accordo con Keller e la ConSec: iniettare Ephemerol alle donne incinte per produrre una nuova generazione di scanner. Ruth viene ucciso da Keller, che muore a sua volta in seguito allo scoppio del computer provocato da Cameron.

Revok, nel suo ufficio, rivela a Cameron la verità: sono entrambi figli del dottor Ruth, quindi fratelli. Revok invita il fratello ad unirsi a lui nel progetto di conquista del mondo: essi potranno infatti godere di un potere pressoché illimitato, con schiere di scanner ai loro ordini. Tuttavia Cameron si oppone, e ingaggia con Revok un furioso duello telepatico. Cameron sembra soccombere allo sconfinato potere di Revok; entrambi i corpi si scaldano, si gonfiano, bruciano.

Alla fine, entra Kim. In un angolo sta un solo uomo, con il corpo di Revok e gli occhi di Vale, che annuncia: "Sono io, Kim, Cameron. Abbiamo vinto, abbiamo vinto..."

Citazioni in altre opere[modifica | modifica wikitesto]

I numeri 104 e 105 del fumetto italiano Mister No raccontano una storia del tutto simile al film, avente a protagonista lo scanner brasiliano Francisco Cabral, braccato dai servizi segreti degli Stati Uniti. Anche nei numeri 135 e 170 del fumetto italiano Dylan Dog il protagonista ha a che fare con degli scanners, proprio come quelli del film. Nei numeri 37, 38 e 39 della serie a fumetti Martin Mystère (pubblicati nel 1985) si accenna al film di Cronenberg e lo stesso protagonista è al centro di una vicenda in cui un diabolico criminale utilizza un gruppo di persone dai poteri paranormali (gli scanner) per provocare – a scopo di ricatto – disastri di vario tipo. Nell'episodio 1x09 "La polarizzazione di Cooper e Hofstadter" di The Big Bang Theory Leonard cita il film accennando al fatto che Sheldon cerca di fargli esplodere la testa utilizzando poteri telepatici

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]