Santi Licheri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Santi Licheri

Santi Licheri (Ghilarza, 13 aprile 1918Roma, 4 aprile 2010) è stato un magistrato e personaggio televisivo italiano. Presidente aggiunto onorario della Corte di Cassazione, è stato la figura simbolo dello storico programma televisivo Forum, al quale ha collaborato dal suo inizio nel 1985 fino al giugno 2009.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nasce a Ghilarza, in provincia di Oristano il 13 aprile 1918. Suo padre era un magistrato locale con dieci figli. Trascorre gran parte della sua giovinezza a Sassari dove forma la sua cultura grazie alla biblioteca di uno zio di cui egli stesso si prende cura. Si diploma con il massimo dei voti e si iscrive alla facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Sassari, dove si laurea nel 1940, summa cum laude, con una tesi di diritto romano[1]. Dopo aver partecipato alla seconda guerra mondiale e dopo un periodo di clandestinità con il falso nome di Franco Rossi per evitare di essere catturato dai nazifascisti[1], inizia la carriera nella magistratura, prima come Pretore, poi procuratore della Repubblica e quindi presidente di Corte d'appello, prendendo parte, fra l'altro, al primo Consiglio superiore della magistratura. Esce dalla magistratura con il titolo di presidente aggiunto onorario della Corte di cassazione.

Svolge quindi la professione di avvocato finché, ormai in pensione, nel 1985 il figlio Giovanni (all'epoca scenografo per Fininvest) lo convince a far parte di un nuovo programma televisivo, Forum, in cui si trova a dirimere controversie legali di vario genere tramite la formula dell'arbitrato, prevista dal codice di procedura civile: le sentenze emesse in trasmissione hanno quindi valore vincolante per le parti.

All'interno della trasmissione si è occupato anche di rispondere ai quesiti legali proposti dai telespettatori e ne è stato la figura simbolo per 25 anni, ha partecipato a tutte le edizioni, anche quelle speciali come Forum di sera, finché, nel giugno 2009, ha deciso di abbandonare il cast del programma, a 91 anni.[2] Negli ultimi anni è stato affiancato dagli avvocati Maretta Scoca, Beatrice Dalia, Stefano Marzano, Francesco Riccio e dal giudice Raffaello Ciardi; dal 1998 per dieci anni è stato invece affiancato da Tina Lagostena Bassi, per 2 anni anche dall'avvocato Luigi Di Majo e per 8 anni dal giudice Ferdinando Imposimato.

Si è spento, alla soglia dei 92 anni, il giorno di Pasqua del 2010 a Roma con la commozione di tutto il pubblico che per 25 anni lo ha seguito a Forum[3]. Il 6 aprile 2010 gli viene dedicata una puntata de Sessione pomeridiana Il Tribunale di Forum, con la replica di una sua causa.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— Roma, 15 luglio 1981[4]
Medaglia di benemerenza per i Volontari della Guerra 1940–43 - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di benemerenza per i Volontari della Guerra 1940–43
Distintivo di Volontario della Libertà - nastrino per uniforme ordinaria Distintivo di Volontario della Libertà
Medaglia commemorativa della guerra 1940 – 43 - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa della guerra 1940 – 43

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Forum - Santi Licheri
  2. ^ Intervista a Rita Dalla Chiesa pubblicata su "TV Sorrisi e canzoni" n. 37 del 2009
  3. ^ La Repubblica .it, 4 aprile 2010. morto Santi Licheri il giudice del piccolo schermo http://www.repubblica.it/persone/2010/04/04/news/e_morto_santi_licheri_il_giudice_della_tv-3130336/=E' morto Santi Licheri il giudice del piccolo schermo . URL consultato il 4-aprile-2010.
  4. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]