Rubem Fonseca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

José Rubem Fonseca (Juiz de Fora, 11 maggio 1925) è uno scrittore e sceneggiatore brasiliano, vincitore del Premio Camões nel 2003.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Si è laureato in Giurisprudenza all'Università Federale di Rio de Janeiro, all'epoca capitale del Brasile.

Dopo essere stato uno dei più brillanti allievi dell'accademia di polizia di Rio, il 31 dicembre 1952 divenne commissario del sedicesimo distretto, intestato a San Cristoforo. Fu esonerato il 6 febbraio 1958. Gli anni nelle favelas hanno permesso a Fonseca di essere lo scrittore brasiliano che di più ha avuto contatti con quel mondo, che ha profondamente influenzato tutta la sua opera e il suo pensiero.

Tra il 1953 e il 1954 era stato più volte presso l'Università di New York, dove si era appassionato di Letteratura, attività alla quale si dedicò completamente dopo aver lasciato la polizia.

In quegli anni conobbe il connazionale scrittore Dalton Trevisan, agli inizi della sua carriera di letterato, del quale divenne amico. Si appassionò inoltre di Cinema, diventando successivamente sceneggiatore.

Ha lavorato per l'emittente televisiva statunitense Home Box Office, grazie alla quale è divenuto prima un apprezzato sceneggiatore, ottenendo visibilità anche per i suoi romanzi.

Opera[modifica | modifica sorgente]

Le opere di Rubem Fonseca sono scritte con uno stile secco e diretto, tipicamente Neorealistico, e nei suoi romanzi appare spesso solo il lato peggiore degli uomini, descritti come animali violenti che vivono al margine di un mondo fatto di assassini, prostitute e poveri. Per molti critici brasiliani è l'autore contemporaneo che ha meglio reso l'idea della povertà della gente in Brasile per la narrazione distaccata e lo stile crudo.

Il suo interesse per il Neorealismo cinematografico lo ha spinto a diventare anche sceneggiatore di successo a livello nazionale. Il suo doppio contributo al cinema e alla Letteratura gli hanno permesso di ricevere il prestigioso Premio Camões nel 2003 a Rio, diventando il sesto scrittore brasiliano a vincerlo

Elenco delle opere (titoli in Portoghese)[modifica | modifica sorgente]

  • Os prisioneiros (1963)
  • A coleira do cão (1965)
  • Lúcia McCartney (1967)
  • O homem de fevereiro ou março (1973)
  • O caso Morel (1973)
  • Feliz Ano Novo (1975)
  • O cobrador (1979)
  • A Grande Arte (1983)
  • Bufo & Spallanzani (1986)
  • Vastas emoções e pensamentos imperfeitos (1988)
  • Agosto (1990)
  • Romance negro e outras histórias (1992)
  • O selvagem da ópera (1994)
  • O buraco na parede (1995)
  • Histórias de amor (1997)
  • E do meio do mundo prostituto só amores guardei ao meu charuto (1997)
  • A confraria dos espadas (1998)
  • O doente Molière (2000)
  • Secreções, excreções e desatinos (2001)
  • Pequenas criaturas (2002)
  • Diário de um fescenino (2003)
  • 64 Contos de Rubem Fonseca (2004)
  • Mandrake, a bíblia e a bengala (2005)
  • Ela e outras mulheres (2006)
  • O romance morreu (2007)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 22141756 LCCN: n82271140 SBN: IT\ICCU\CFIV\084675