Rookie Blue

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rookie Blue
Rookie Blue.png
Immagine dalla sigla della serie televisiva
Titolo originale Rookie Blue
Paese Canada
Anno 2010 – in produzione
Formato serie TV
Genere azione, poliziesco
Stagioni 5
Episodi 74
Durata 45 min (episodio)
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 16:9
Colore colore
Audio stereo
Crediti
Ideatore Morwyn Brebner, Tassie Cameron, Ellen Vanstone
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Prima visione
Prima TV Canada
Dal 24 giugno 2010
Al in corso
Rete Global TV
Prima TV in italiano (gratuita)
Dal 28 maggio 2012
Al in corso
Rete Italia 1
Prima TV in italiano (pay TV)
Dal 18 settembre 2010
Al in corso
Rete Steel

Rookie Blue è una serie televisiva canadese di genere poliziesco, ideata da Morwyn Brebner, Tassie Cameron e Ellen Vanstone.[1] Tra gli interpreti principali figurano Missy Peregrym e Gregory Smith. La serie è stata descritta come un Grey's Anatomy nel mondo dei novelli poliziotti.[2]

Rookie Blue, inizialmente conosciuta come Copper,[3] ha debuttato il 24 giugno 2010,[4] trasmessa simultaneamente su Global Television Network in Canada e su ABC negli Stati Uniti.[3] Prima del debutto era già stata presentata al MIPTV di Cannes del 2010.[5] In Italia il debutto televisivo, con i primi due episodi, è avvenuto il 18 settembre 2010 su Steel, canale pay della piattaforma Mediaset Premium, mentre in chiaro è trasmessa da Italia 1 dal 28 maggio 2012.[6]

Trama[modifica | modifica sorgente]

La serie segue le vite di cinque freschi poliziotti che si sono appena laureati presso l'accademia. L'addestramento è finito, ora comincia la vita. Devono imparare non solo ad avere a che fare con i loro doveri di agenti di polizia, ma anche ad affrontare i problemi e le aspettative delle loro famiglie e amici. Sono i primi soccorritori e stanno per imparare che non è la quantità di formazione che prepara alla vita. «Per servire, proteggere e...», questa è la frase usata nella sala riunioni prima che il turno inizi con il poliziotto che conduce l'incontro. C'è sempre un significato importante nella trama dell'episodio o nel contesto. La frase usata più spesso, tuttavia, è «servire, proteggere e non fare casini».

Episodi[modifica | modifica sorgente]

Stagione Episodi Prima TV Canada Prima TV Italia
Prima stagione 13 2010 2010
Seconda stagione 13 2011 2011-2012
Terza stagione 13 2012 2012
Quarta stagione 13 2013 inedita
Quinta stagione 22 2014 inedita

Personaggi e interpreti[modifica | modifica sorgente]

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

« C'è qualcosa di veramente primario riguardo all'idea di essere una recluta, colpisce quel senso orribile, eterno di sentirsi come un imbroglione, come un bambino che indossa abiti adulti, cercando di far finta di sapere cosa si sta facendo. E ho pensato, cosa succederebbe se si sentissero proprio così, ma con una pistola? »
(Tassie Cameron, produttore esecutivo)

La serie nasce da una joint venture tra Canwest Broadcasting e ABC, ed è prodotta da E1 Entertainment. La sceneggiatura dell'episodio pilota è stata scritta da Ilana Frank.[2] Nel febbraio del 2009, Canwest ha ordinato una stagione televisiva di 13 episodi, con il titolo di lavorazione Copper.[2]

Il primo ruolo assegnato è stato quello del personaggio Andy McNally, interpretato da Missy Peregrym,[7] seguito da Gregory Smith, nel ruolo di Dov Epstein.[8] Ulteriori membri del cast sono stati annunciati all'inizio di luglio,[9] e la produzione della serie è iniziata a Toronto, nell'Ontario, il 14 luglio 2009, per poi terminare nel novembre dello stesso anno.Tassie Cameron è il principale sceneggiatore e lo showrunner della serie.[2]

Le riprese della seconda stagione hanno avuto luogo tra il 1 ° settembre 2010 e 25 gennaio 2011.[2] Le riprese della terza stagione hanno avuto luogo tra il 25 agosto 2011 e il 23 gennaio 2012.[2] La quarta stagione ha iniziato le riprese il 20 agosto 2012.[10]

Ambientazione[modifica | modifica sorgente]

La serie è ambientata a Toronto,[11] sebbene come in Flashpoint non ne vengano fatti espliciti riferimenti,[12] e vengono utilizzati i nomi delle strade locali: King Street e Jameson Avenue nel Parkdale è una delle location dell'episodio pilota.[13]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Canwest and ABC join forces with E1 Entertainment on original series, Copper in thefutoncritic.com, 22 aprile 2009. URL consultato il 24 giugno 2010.
  2. ^ a b c d e f (EN) Etan Vlessing, ABC picks up Canadian drama 'Copper' in hollywoodreporter.com, 22 aprile 2009. URL consultato l'8 aprile 2010.
  3. ^ a b (EN) Etan Vlessing, ABC sets 'Rookie Blue' premiere in hollywoodreporter.com, 7 aprile 2010. URL consultato il 7 aprile 2010.
  4. ^ (EN) ABC Announces 2010 Summer Schedule in abcmedianet.com, 7 marzo 2010. URL consultato il 28 maggio 2012.
  5. ^ Universal ha presentato le strategie di espansione dei canali e 'Rookie Blue' in digital-sat.it, 14 aprile 2010. URL consultato il 25 giugno 2010.
  6. ^ Grey's anatomy 7 e Rookie Blue, su Italia 1 una nuova serata dedicata ai telefilm in tvblog.it, 28 maggio 2012. URL consultato il 28 maggio 2012.
  7. ^ (EN) Development Update: Monday, June 29 in thefutoncritic.com, 29 giugno 009. URL consultato l'8 aprile 2010.
  8. ^ (EN) Development Update: Friday, July 10 in hefutoncritic.com, 10 luglio 2009. URL consultato l'8 aprile 2010.
  9. ^ (EN) Etan Vlessing, More cast for ABC's 'Copper' in hollywoodreporter.com, 20 luglio 2009. URL consultato l'8 aprile 2010.
  10. ^ (EN) Michael Stevens, ABC takes a shine to 'Copper' in torontofilm.net, 20 luglio 2009. URL consultato l'8 aprile 2010.
  11. ^ (EN) Robert Salem, Young series veterans sing Rookie Blues in thestar.com, 20 giugno 2010. URL consultato il 25 giugno 2010.
  12. ^ (EN) Andrew Ryan, Rookie Blue: Our latest export to the U.S. in theglobeandmail.com, 24 giugno 2010. URL consultato il 25 giugno 2010.
  13. ^ (EN) John Doyle, Some home truths about Canadian TV in theglobeandmail.com, 6 giugno 2010. URL consultato il 25 giugno 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione