Ptilopsis leucotis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Assiolo faccia bianca di Temminck
Northern white-faced owl arp.jpg
Ptilopsis leucotis
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Strigiformes
Famiglia Strigidae
Sottofamiglia Striginae
Tribù Asionini
Genere Ptilopsis
Specie P. leucotis
Nomenclatura binomiale
Ptilopsis leucotis
(Temminck, 1820)
Sinonimi

Otus leucotis

L'assiolo faccia bianca di Temminck (Ptilopsis leucotis (Temminck, 1820)) è un rapace appartenente alla famiglia degli Strigidi.[2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Raggiunge i 19-24 cm di altezza, un peso di circa 220 g[senza fonte] ed è caratterizzato da pennacchi auricolari insolitamente grandi; il suo piumaggio è grigio per favorire il mimetismo con la corteccia degli alberi, soprattutto acacie su cui ama posarsi.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Il suo areale è rappresentato da una fascia posta fra il Sahara e l'Equatore, caratterizzata dalla savana.[senza fonte]

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Al contrario di gufi e civette ha abitudini diurne e non è un gran volatore: preferisce infatti razzolare sul terreno in cerca di piccole prede, soprattutto piccoli mammiferi come i roditori.

Preferisce nidificare a terra[senza fonte], anche utilizzando i nidi dismessi di altre specie, sia di altri rapaci che di turaco o passeriformi.

Caratteristiche sono le sue tecniche di difesa: se disturbato, gonfia il piumaggio e allarga le ali in modo da apparire più grande; se il predatore ha dimensioni considerevoli, invece, si rimpicciolisce così da apparire denutrito e poco appetibile.

Si dimostra molto socievole nei confronti dell'uomo tanto da poter essere allevato in casa.[senza fonte]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Un assiolo facciabianca è la mascotte del plotone 1211 al centro della serie anime "Sora no woto" dove è riprodotto come simbolo dell'esercito su tutte le divise delle protagoniste.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) BirdLife International 2012, Otus leucotis in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Strigidae in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 13 maggio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli