Pilo (famiglia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I Pilo sono una famiglia nobile dimorante anticamente a Genova, trasferita a Palermo nel 1560 con un Bartolomeo.

Molti autori concordano sia una famiglia di origini spagnole, discendente dal conte Raimondo Berengario[1][2][3][4][5] della casata di Barcellona.

In Sicilia possedette il principato di Roccapalumba, i marchesati di Marineo e Torretta, la contea di Capaci, i feudi di Bruca, Crisciuna, Melia, Miraglia.

Un Girolamo marchese di Marineo e conte di Capaci fu capitano di giustizia e pretore di Palermo, e vicario generale del Regno. Un Rosolino figlio di Girolamo e di Antonia Gioeni figlia di Giovanni duca d'Angiò fu un cospiratore audace sognatore di una Sicilia libera. Una strada nel centro di Palermo porta il suo nome. La famiglia si diramò anche in Sardegna da un Guantino, capitano di Alfonso V d'Aragona.

In Sardegna furono Signori di Romangia con Juna Pilo. Da un ramo dei Pilo di Sassari discendono i Pilo Boyl o Boyl, di cui il più famoso fu Vittorio Pilo Boyl Marchese di Putifigari, Luogotenente Generale, Cav. SS Annunziata. [senza fonte]

Arma: D’azzurro, a due leoni coronati d’oro, affrontati e contrarampanti ad un albero di pero sradicato al naturale, fruttifero d’oro, sormontato da tre stelle dello stesso[6]. Cimiero: un drago d’oro, tenente colle zampe due mazze dello stesso in decusse[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Annuario della nobiltà italiana anno XXVIII volume II pagina 80, Direzione del giornale araldico e dell'annuario della nobiltà italiana.
    «Antichissima famiglia di origine spagnola diramatasi in Sardegna ed in Sicilia, discendente da Raimondo Berengario conte di Barcellona, secondo quanto affermano autorevoli storici e araldisti quali il Munoz, il Cossu, il Villabianca, il Casalis ed altri e come rilevasi da documenti di archivio e dagli atti dei notari Lanfranco (1355) ed Assareto (1592 - 1625), f. 1 atto 150 - archivio storico di Genova».
  2. ^ Francesco Maria Emanuele e Gaetani, Della Sicilia nobile volume II pagina 307, 1754.
    «Risplendette la nobiltà della famiglia Pilo tanto ne secoli caduti quanto ne presenti, poiché ne primi deriva essa da Raimondo Berengario Pilo III Conte di Barcellona».
  3. ^ Vittorio Angius, Dizionario geografico, storico, statistico, commerciale degli stati di S.M. il re di Sardegna, Volume 15, G. Maspero, 1847.
  4. ^ Vittorio Spreti, Enciclopedia storico-nobiliare italiana: famiglie nobili e titolate viventi riconosciute dal R. Governo d'Italia volume V P - R, Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana, 1935.
  5. ^ Nobiliario di Sicilia.
  6. ^ Nobiliario di Sicilia.
  7. ^ Nobiliario di Sicilia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • G.B. di Crollalanza, Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti, editore Arnaldo Forni, Pisa 1890
  • Antonio Mango di Casalgerardo, Nobiliario di Sicilia, editore Forni, 1970