Pedrafita do Cebreiro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pedrafita do Cebreiro
comune
Pedrafita do Cebreiro – Stemma
Localizzazione
Stato Spagna Spagna
Comunità autonoma Flag of Galicia.svg Galizia
Provincia Flag of Lugo province.svg Lugo
Territorio
Coordinate 42°44′N 7°01′W / 42.733333°N 7.016667°W42.733333; -7.016667 (Pedrafita do Cebreiro)Coordinate: 42°44′N 7°01′W / 42.733333°N 7.016667°W42.733333; -7.016667 (Pedrafita do Cebreiro)
Altitudine 1.099 m s.l.m.
Superficie 105,10 km²
Abitanti 1 298 (2009)
Densità 12,35 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 27670
Prefisso (+34) 982
Fuso orario UTC+1
Targa LU
Nome abitanti Cebreirego
Comarca Los Ancares Lucenses
Cartografia
Mappa di localizzazione: Spagna
Pedrafita do Cebreiro
Pedrafita do Cebreiro – Mappa
Sito istituzionale

Pedrafita do Cebreiro è un comune spagnolo di 1.199 abitanti situato nella comunità autonoma della Galizia.

O Cebreiro[modifica | modifica wikitesto]

La località è nota perché all'interno del suo municipio è situato il villaggio Cebreiro o O Cebreiro (1293 m s.l.m.).

O Cebreiro, che si raggiunge subito dopo aver oltrepassato l'Alto do Cebreiro è la porta d'accesso alla Galizia per chi percorre il Cammino di Santiago. Cebreiro venne fondata prima dell'arrivo dei Romani, come testimoniano le "pallozas", abitazioni di pietra dalla forma ellittica con tetti di paglia, di probabile origine celtica.

Santa Maria la Real e il Miracolo Eucaristico[modifica | modifica wikitesto]

Nel villaggio di O Cebreiro si trova un sito di interesse e valore storico: la chiesa preromanica di Santa Maria la Real, fondata nell'XI secolo dai monaci benedettini. Al suo interno è possibile ammirare la cappella di San Benito, dedicata ai monaci fondatori, e la cappella del Milagro, al cui interno si conservano le reliquie del miracolo eucaristico che sarebbe avvenuto nel 1300 e la statua di Santa Maria la Real che, secondo la tradizione, avrebbe spalancato gli occhi dallo stupore di fronte al miracolo.

In un giorno d'inverno un contadino del vicino paese di Barxamaior, di nome Juan Santìn, incurante del freddo intenso, si recò come di consueto ad ascoltare la messa. Il monaco celebrante, che non credeva alla reale presenza di Gesù nell'ostia consacrata, quando vide arrivare Juan Santìn, avrebbe mormorato con disprezzo "cosa non si fa per assicurarsi un pezzo di pane e un sorso di vino...". Durante l'eucaristia il pane e il vino si sarebbero trasformati in carne e sangue davanti agli occhi increduli del poco compassionevole monaco.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Spagna Portale Spagna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Spagna