Paul Davies

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Davies.
Paul Davies, 2008

Paul Charles William Davies (Londra, 22 aprile 1946) è un fisico, saggista e divulgatore scientifico inglese, famoso anche per i suoi studi di cosmologia e di esobiologia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si è laureato in fisica presso l'University College di Londra nel 1967 e ha conseguito il dottorato di ricerca nel 1970 lavorando all'osservatorio astronomico della stessa università diretto da Fred Hoyle. È titolare della cattedra di Natural Philosophy presso l'Australian Centre for Astrobiology della Macquarie University a Sydney.

È stato titolare di cattedre presso l'Università di Cambridge, di Londra, di Newcastle-upon-Tyne e di Adelaide. I suoi interessi di ricerca vanno dalla cosmologia, alla teoria quantistica dei campi, all'esobiologia.

Dal 2005 è direttore del programma SETI "Post-Detection Science and Technology Taskgroup" dell'Accademia Internazionale di Astrofisica.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il talento di Davies come divulgatore scientifico è stato premiato in Australia da un Advance Australia Award e da due Australian Museum Eureka Prizes, mentre nel Regno Unito dalla Medaglia Kelvin del 2001 e dal Premio dell'Istituto di Fisica, e nel 2002 dal Michael Faraday Prize della Royal Society. Davies ha ricevuto il Premio Templeton nel 1995 per lavori riguardanti tematiche religiose e spirituali.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

È l'autore numerose pubblicazioni, queste sono quelle disponibili in lingua italiana.

  • L'universo che fugge. La storia dell'universo dal big bang alla morte termica, Milano, Mondadori, 1979
  • Universi possibili. Spazio superspazio universo quantistico , Milano, Mondadori, 1981 - (Other Worlds, 1980)
  • Spazio e tempo nell'universo moderno, Bari, Laterza, 1983. ISBN 88-420-2263-2
  • Alla ricerca delle onde gravitazionali, Milano, Rusconi, 1984
  • Dio e la nuova fisica, Milano, Mondadori, 1984
  • Sull'orlo dell'infinito. Singolarità nude e distribuzione dello spazio-tempo, Milano, Mondadori, 1985
  • Superforza. Verso una teoria unificata dell'universo, Milano, Mondadori, 1986 - (Superforce, 1984)
  • Il cosmo intelligente. Le nuove scoperte sulla natura e l'ordine dell'universo, Milano, Mondadori, 1989. ISBN 88-04-31019-7 - (The Cosmic Blueprint, 1988)
  • Le forze della natura. Il nuovo orizzonte della fisica, Torino, Bollati Boringhieri, 1990. ISBN 88-339-0564-0
  • La nuova fisica, Torino, Bollati Boringhieri, 1992. ISBN 88-339-0716-3
  • La mente di Dio. Il senso della nostra vita nell'universo, Milano, Mondadori Editore, 1993. ISBN 88-04-36033-X
  • Gli ultimi tre minuti, Firenze, Sansoni, 1995. ISBN 88-383-1624-4
  • I misteri del tempo. L'universo dopo Einstein, Milano, Mondadori, 1996. ISBN 88-04-37443-8 - (The Accidental Universe, 1982)
  • Un solo universo o infiniti universi?, Roma, Di Renzo, 1998. ISBN 88-86044-81-X
  • Da dove viene la vita. Il mistero dell'origine sulla Terra e in altri mondi, Milano, Mondadori, 2000. ISBN 88-04-47621-4
  • Come costruire una macchina del tempo, Milano, Mondadori, 2003. ISBN 88-04-51263-6 - (How to Build a Time Machine)
  • Una fortuna cosmica. La vita nell'universo: coincidenza o progetto divino, Milano, Mondadori, 2007. ISBN 978-88-04-57167-4
  • Uno strano silenzio. Siamo soli nell'universo?, Torino, Codice Edizioni, 2012. ISBN 978-88-7578-266-5

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 108156019 LCCN: n83217845