Partenariato per la pace

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mappa dei membri di Partenariato per la pace.

Il Partenariato per la pace (in inglese Partnership for Peace - PfP, in francese Partenariat pour la paix - PpP) è un programma della NATO il cui fine è creare fiducia tra l'Alleanza Atlantica stessa, gli stati europei non NATO e la ex Unione Sovietica; al momento le nazioni membro sono 23[1]. Fu proposta su iniziativa degli Stati Uniti durante l'incontro dei ministri della difesa svoltosi a Travemünde (Germania) il 20 e 21 ottobre 1993, e formalmente costituita il 10-11 gennaio 1994 (vertice NATO di Bruxelles[2]). Dieci stati che erano membri PfP (Bulgaria, Repubblica Ceca, Estonia, Ungheria, Lettonia, Lituania, Polonia, Romania, Slovacchia e Slovenia) hanno in seguito aderito alla NATO.

Il 26 aprile 1995 Malta diviene membro PpP[3], ma ne esce il 27 ottobre 1996 al fine di meglio preservare la sua sicurezza[4]. Il 20 marzo 2008 Malta decide di riattivare la sua affiliazione al gruppo PfP[5] (ciò viene accettato dall'Alleanza Atlantica durante il vertice di Bucarest del 3 aprile 2008)[6].

Durante la riunione della NATO tenutasi a Riga il 20 novembre 2006, la Bosnia ed Erzegovina, il Montenegro e la Serbia sono invitati ad aderire al PpP[7]: si uniscono in effetti il 14 dicembre 2006[8][9].

Firmatari del documento quadro del Partenariato per la pace[modifica | modifica wikitesto]

Membri attuali[modifica | modifica wikitesto]

Paesi che erano membri PpP, diventati membri NATO il 12 marzo 1999[modifica | modifica wikitesto]

Paesi che erano membri PpP, diventati membri NATO il 29 marzo 2004[modifica | modifica wikitesto]

Paesi che erano membri PpP, divenuti membri della NATO il 4 aprile 2009[modifica | modifica wikitesto]

Paesi membri PpP che hanno chiesto l'adesione alla NATO il 2 aprile 2008[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ North Atlantic Treaty Organisation, Bosnia and Herzegovina, Montenegro and Serbia join NATO Partnership for Peace. URL consultato il 17/12/2006.
  2. ^ John Borawski, Partnership for Peace and beyond in International Affairs, vol. 71, nº 2, Royal Institute of International Affairs 1944-, aprile 1995, pp. 233–246. URL consultato il 21/04/2008.
  3. ^ a b North Atlantic Treaty Organisation, Secretary General's Council Welcoming Remarks, Visit by Maltese Deputy Prime Minister and Minister of Foreign Affairs, Professor Guido de Marco, Wednesday, 26th April 1995, 26/04/1995. URL consultato il 30/11/2006.
  4. ^ a b Celestine Bohlen, New Malta Chief Focuses on Neutrality, New York Times, 12/11/1996. URL consultato il 05/05/2008.
    «Within hours of taking office, Mr. Sant withdrew Malta's membership in Partnership for Peace, a NATO military cooperation program that is so loosely defined that its sign-up list now spans the spectrum from Russia to Switzerland. [...] Mr. Sant says none of those moves should be interpreted as anti-European or anti-American, but simply as the best way of insuring Malta's security.».
  5. ^ a b Gambin, Karl, Malta reactivates Partnership for Peace membership, DI-VE, 03/03/2008. URL consultato il 03/04/2008.
    «The cabinet has agreed to reactivate its membership in the Partnership for Peace which was withdrawn in 1996, the government said on Thursday.».
  6. ^ a b North Atlantic Treaty Organization, Malta re-engages in the Partnership for Peace Programme, 03/04/2008. URL consultato il 03/04/2008.
    «At the Bucharest Summit, NATO Heads of State and Government welcomed Malta’s return to the Partnership for Peace Programme. At Malta's request, the Allies have re-activated Malta's participation in the Partnership for Peace Programme (PfP).».
  7. ^ North Atlantic Treaty Organization, Alliance offers partnership to Bosnia and Herzegovina, Montenegro and Serbia, 29/11/2006. URL consultato il 30/11/2006.
  8. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag North Atlantic Treaty Organization, Signatures of Partnership for Peace Framework Document, 5/10/2006. URL consultato il 30/11/2006.
  9. ^ Associated Press, Serbia inducted into NATO, 14/12/2006. URL consultato il 14/12/2006.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Riferimenti normativi[modifica | modifica wikitesto]

Riferimenti descrittivi[modifica | modifica wikitesto]

NATO Portale NATO: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di NATO