Nippon Cargo Airlines

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nippon Cargo Airlines
Codice IATA KZ
Codice ICAO NCA
Descrizione
Hub Aeroporto Internazionale Narita
Hub secondari Aeroporto Internazionale del Kansai
Aeroporto Internazionale di Anchorage
Flotta 10 (+14 ordini)
Destinazioni 20
Azienda
Sede Minato (Tōkyō)
Gruppo Nippon Yusen
Persone chiave Tetsufumi Otsuki (Presidente e CEO)
Sito web www.nca.aero
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

Nippon Cargo Airlines Company conosciuta soprattutto come NCA, è una compagnia aerea che opera nel settore cargo con sede a Minato (Tōkyō) e base operativa presso l'Aeroporto Internazionale Narita.[1] Le sue rotte toccano diversi aeroporti tra Asia, Europa e Nord America.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Un Boeing 747-400F di Nippon Cargo Airlines in atterraggio all'aeroporto di Milano Malpensa.

Nippon Cargo Airlines fu fondata il 21 settembre 1978 ma, nonostante la compagnia avesse già acquistato da tempo due B747-200F, il primo volo venne effettuato solamente l'8 maggio 1985.[2] La tratta Tokyo-San Francisco-New York veniva effettuata sei volte la settimana, ma spesso gli aerei viaggiarono semivuoti a causa della recessione in atto negli Stati Uniti.[3] Nei mesi successivi, grazie alla puntualità ed alla qualità del servizio, NCA cominciò a guadagnare sempre più clienti ed il 15 ottobre venne consegnato il terzo aereo che venne utilizzato soprattutto come charter.[4]

Nell'estate del 1986 vennero aperte le nuove rotte su Hong Kong e Singapore che diedero un notevole impulso agli affari della compagnia, mentre nell'ottobre dello stesso anno fu concessa l'autorizzazione per volare a New York facendo scalo ad Anchorage.[5]

Nel gennaio 1988 venne consegnato il quarto B747-200F e cominciarono i negoziati per aprire una base europea; nell'aprile seguente venne scelta Amsterdam sulla quale vennero programmati due voli settimanali; nel luglio dello stesso anno venne aperta la base di Bangkok. A partire dall'estate del 1990 NCA poté effettuare voli anche su Chicago e su Los Angeles, ampliando così la sua presenza nel mercato statunitense.[6]

I primi anni novanta videro una notevole espansione delle destinazioni, con l'aggiunta di Seul e di Milano; nel 1997 si aggiunse anche Shanghai, seguita da Francoforte, Londra e Manila, mentre la flotta arrivò ad essere composta da otto B747-200F[7]

Il 25 marzo 2001, con l'entrata in vigore dell'orario estivo, NCA effettuava 48 voli settimanali, grazie anche all'acquisto di altri due aerei. Nel 2002, dopo gli attentati dell'11 settembre, la domanda di voli cargo negli Stati Uniti subì una netta diminuzione, costringendo la compagnia a lasciare a terra l'undicesimo aereo appena consegnatole.[7]

A partire dal 2005 i B747-200F vennero gradualmente sostituiti con i più nuovi e capienti B747-400F, nello stesso anno venne effettuato un ordine per 14 B747-800F, diventandone il cliente di lancio insieme alla lussemburghese Cargolux.[8]

Composizione societaria[modifica | modifica sorgente]

Inizialmente NCA era una joint venture tra diverse compagnie di spedizioni internazionali (Kawasaki Kisen Kaisha, Nippon Express, Nippon Yusen, Mitsui O.S.K. Lines, Yamashita Shinnon Steamship) e la principale compagnia aerea del paese, la All Nippon Airways; attualmente la compagnia è detenuta interamente da Nippon Yusen.[1]

Flotta[modifica | modifica sorgente]

La flotta di NCA ha un'età media di 4,8 anni ed è una delle più moderne confrontata con quelle dei concorrenti. Al 20 gennaio 2012 la flotta è così composta:[8]

Flotta di Nippon Cargo Airlines
Velivolo In servizio Ordinati Note
B747-400F 7 -
B747-800F 5 9

Destinazioni[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Corporate profile in NCA.aero. URL consultato il 20/01/2012.
  2. ^ (EN) Before our founding in NCA history, p. 17. URL consultato il 20/01/2012.
  3. ^ (EN) A difficult start in NCA history, p. 22. URL consultato il 20/01/2012.
  4. ^ (EN) Seeking to establish a business base in NCA history, p. 24. URL consultato il 20/01/2012.
  5. ^ (EN) Entry into Southeast Asia and more USA routes in NCA history, p. 25. URL consultato il 20/01/2012.
  6. ^ (EN) Entry into four major US cities in NCA history, p. 29. URL consultato il 20/01/2012.
  7. ^ a b (EN) On the path to becoming a member of the incumbent carrier group in NCA history, pp. 46-47. URL consultato il 20/01/2012.
  8. ^ a b (EN) Nippon Cargo Airlines Fleet Details and History in Planespotters.net. URL consultato il 20/01/2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]