N 1 (sommergibile)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
N 1
Descrizione generale
Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg
Tipo sommergibile di piccola crociera
Classe N
Proprietario/a Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg Regia Marina
Cantiere Ansaldo, Sestri Ponente
Impostata 1º marzo 1916
Varata 6 settembre 1917
Entrata in servizio 20 luglio 1918
Radiata 1º ottobre 1930
Destino finale demolito
Caratteristiche generali
Dislocamento in emersione 277
in immersione 363
Lunghezza 45,9 m
Larghezza 4,28 m
Pescaggio 3,17 m
Profondità operativa 40 m
Propulsione 2 motori diesel Sulzer da 650 CV
2 motori elettrici Ansaldo da 400 cv complessivi
2 eliche
Velocità in emersione 12,5
in immersione 7,7 nodi
Autonomia in emersione 1300 miglia nautiche a 8 nodi
in immersione 45 mn a 2 nodi
Equipaggio 2 ufficiali, 21 sottufficiali e marinai
Armamento
Armamento [1]
Note
dati tratti da www.betasom.it

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

L’N 1 è stato un sommergibile della Regia Marina.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver effettuato le prove di collaudo a La Spezia, fu inviato nella base di Brindisi[2].

Mentre era di base a Brindisi, al comando del tenente di vascello Francesco Cugia, svolse due missioni offensive al largo di Durazzo[2].

Prese poi base a Valona, da dove compì undici missioni – tutte svolte di notte – di agguato difensivo al largo di San Giovanni di Medua e di Valona[2].

A fine guerra fu dislocato a Taranto[2]. Il 23-24 gennaio 1921 fornì, insieme al gemello N 5, l'energia elettrica necessaria ad azionare le elettropompe che contribuirono al raddrizzamento del relitto della corazzata Leonardo Da Vinci, saltata in aria nel 1916 e da poco recuperata[3].

Sempre nel 1921 fu spostato a La Spezia; da lì fu impiegato nell’addestramento, prendendo parte alle esercitazioni del 1925 e del 1926[2].

Nel 1927 fu assegnato – al comando del tenente di vascello Leone Ricardi di Ceva – all’Accademia Navale di Livorno, per la quale operò nell’addestramento degli allievi[2].

Messo successivamente in disarmo, fu radiato nel 1930[2] e demolito.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Da Navypedia.
  2. ^ a b c d e f g Sommergibili N1 - N2- N3 - N4
  3. ^ Il Recupero Della Corazzata Da Vinci - Betasom - XI Gruppo Sommergibili Atlantici
Marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marina