Morte cardiaca improvvisa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Morte cardiaca improvvisa
Codici di classificazione
ICD-10 (EN) I46.1

La morte cardiaca improvvisa è definita come una morte inattesa per cause cardiache che si verifica immediatamente dopo la comparsa dei sintomi (entro un'ora) o anche senza l'insorgenza di sintomi. Negli adulti è una complicanza e spesso la prima manifestazione clinica di una cardiopatia ischemica. Colpisce circa 350.000 individui ogni anno negli Stati Uniti[1][2].

Eziologia[modifica | modifica sorgente]

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

Una stenosi critica (>75%) da marcata aterosclerosi coronarica di almeno uno dei tre principali vasi cardiaci è presente nell'80-90% dei soggetti colpiti da morte cardiaca improvvisa, spessissimo è presente una rottura di placca aterosclerotica; la piccola percentuale di casi rimanente non ha cause aterosclerotiche. Un infarto miocardico cicatrizzato è presente nel 40% dei casi ma, nei pazienti rianimati con successo, il riscontro di un nuovo caso di infarto del miocardio si ha solo nel 25% dei casi. Una vacuolizzazione dei miociti subendocardici indicativa di una grave ischemia cronica è comune. Le aritmie che avvengono in assenza di una cardiomiopatia strutturale possono portare a morte improvvisa, la causa più importante è la sindrome del QT lungo, caratterizzata da un incremento dell'eccitabilità cardiaca e da aritmie ventricolari episodiche. Le mutazioni che causano questa malattia sono presenti in almeno cinque diversi geni che codificano per alcuni elementi strutturali dei canali ionici cardiaci, compresi quelli per il potassio e per il sodio.

La defibrillazione in tempi rapidi è il principale rimedio contro questa complicazione. Circa il 25% dei casi potrebbe essere rianimato se venisse defibrillato entro 4/5 minuti, mentre per ogni ulteriore minuto la possibilità di sopravvivenza diminuisce del 10%. Il tempo infatti è un fattore fondamentale per la sopravvivenza senza danni cerebrali irreversibili, che arrivano a provocare anche lo stato vegetativo permanente.

Alti livelli di aldosterone (>200 pg/ml di sangue) uniti ad alti livelli di cortisolo (>21,1 mg/dL) sono stati fortemente correlati all'evento di morte improvvisa, a pazienti considerati a rischio per tale evento ( e a tutti tipi di mortalità per diabetici di tipo 2 emodializzati)[3].

La morte cardiaca improvvisa può essere conseguenza dell'abuso di steroidi anabolizzanti che aumentano la dimensione dei muscoli, e fra questi anche delle cellule cardiache, ma senza una parallela crescita della forza di contrazione. Anzi spesso tali cellule muoiono e non sono sostituite da altre cellule, ma da tessuto fibroso che resta tale anche quando viene sospesa l'assunzione di steroidi, con danno permanente del cuore. Ad un numero insufficiente di cellule possono seguire episodi di pressione cardiaca e afflusso di sangue inadeguati, e infarto.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Liberthson RR. Sudden death from cardiac issues in children and young adults. N Engl J Med 334:1039, 1996
  2. ^ Cleland JG, Chattopadhyay S, Khand A, Houghton T, Kaye GC. Prevalence and incidence of arrhythmias and sudden death in heart failure. Heart Fail Rev. 2002 Jul; 7(3):229-42
  3. ^ Studio 4D (German Diabetes and Dialysis Study), Eur Heart J (2013) 34 (8): 578-587, per 4 anni su 1.255 diabetici sottoposti a emodialisi di età fra i 66+- 8 anni

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Robbin e Cotran, Le basi Patologiche delle Malattie, Elsevier e Masson
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina