Michael Barry

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Michael Barry
Michael Barry tdr.jpg
Michael Barry al Tour de Romandie 2011
Dati biografici
Nazionalità Canada Canada
Altezza 188[1] cm
Peso 69[1] kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada
Ritirato 2012
Carriera
Squadre di club
1999-2001 Saturn
2002-2004 US Postal Service US Postal Service
2005-2006 Discovery Channel Discovery Channel
2007 T-Mobile T-Mobile
2008 Team High Road Team High Road
2008-2009 Team Columbia Team Columbia
2010-2012 Team Sky Sky
Nazionale
1996-2012 Canada Canada
Statistiche aggiornate al dicembre 2012

Michael Barry (Toronto, 18 dicembre 1975) è un ex ciclista su strada canadese, professionista dal 1999 al 2012.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Michael Barry senior, ciclista professionista negli anni cinquanta e proprietario di un negozio di biciclette, è sposato con Deirdre Demet Barry, ciclista statunitense, medaglia d'argento ai Giochi olimpici del 2004.

Barry si è anche cimentato come scrittore: nel 2004 ha dato alle stampe il libro Inside the Postal Bus, nel quale racconta la sua esperienza alla US Postal. Oltre ad esso ha scritto vari diari sulle sue stagioni da professionista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Barry passò professionista nel 1999 con la Saturn, ottenendo nello stesso anno piazzamenti in corse minori, mentre nel 2001 sfiorò la vittoria nel campionato canadese su strada giungendo secondo. Nel 2002 si trasferì alla US Postal Service di Lance Armstrong, con la quale fece la sua prima apparizione nei grandi giri, prendendo parte alla Vuelta a España che non portò a termine. Riuscì tuttavia a ben figurare in alcune occasioni, piazzandosi quarto al Tour de Georgia nel 2003 e centrando un settimo posto nel campionato del mondo su strada del 2003 corso nel suo paese.

Nel 2004 Barry si piazzò settimo al Meisterschaft von Zürich e trentaduesimo nella prova in linea dei Giochi olimpici del 2004 dopo aver tentato un attacco negli ultimi chilometri. Solo nel 2005, quando la sua squadra cambiò sponsor divenendo Discovery Channel, ottenne la sua prima vittoria da professionista, vincendo una tappa del Giro d'Austria[2] che concluse sesto. Nel 2006 ottenne un ultimo piazzamento, un terzo posto al Sachsen-Tour International, prima di lasciare la Discovery Channel.

Per la stagione 2007 passò alla squadra tedesca T-Mobile Team, che nel 2008 a causa dell'abbandono dello sponsor T-Mobile prese licenza statunitense e divenne Team High Road. Durante il 2008 si piazzò quinto al Tour of Ireland, vinse una tappa del Tour of Missouri[3] che chiuse decimo nella generale e ottenne un nono posto ai Giochi olimpici del 2008[4].

Nel 2010 si trasferì alla neonata squadra britannica Team Sky[5], con la quale partecipò per la prima volta al Tour de France dopo tredici stagioni da professionista.

Nell'autunno del 2012 conferma il ritiro dall'attività[6].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

5ª tappa Giro d'Austria
4ª tappa Tour of Missouri

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

1ª tappa Vuelta a Catalunya (cronosquadre)
1ª tappa Vuelta a España (cronosquadre)
3ª tappa Tour de Romandie (cronosquadre)
1ª tappa Giro d'Italia (cronosquadre)

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

2005: 101º
2007: ritirato
2009: 127º
2010: 44º
2011: 54º
2002: ritirato
2003: 78º
2004: ritirato
2005: 56º
2006: 77º

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

2006: 34º
2010: 54º

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Team Sky | Pro Cycling | Team | Michael Barry, www.teamsky.com. URL consultato il 7 luglio 2011.
  2. ^ Austria, la neve blocca ancora la corsa: vince Barry in Tuttobiciweb.it, 8 luglio 2005. URL consultato l'11 marzo 2011.
  3. ^ Missouri: Barry firma l'ennesima vittoria della Columbia in Tuttobiciweb.it, 12 settembre 2008. URL consultato l'11 marzo 2011.
  4. ^ Olimpiadi: oro a Sanchez, ARGENTO Rebellin in Tuttobiciweb.it, 9 agosto 2008. URL consultato l'11 marzo 2011.
  5. ^ Presentato oggi il Team Sky in Tuttobiciweb.it, 4 gennaio 2010. URL consultato l'11 marzo 2011.
  6. ^ (EN) Gallery: Freire, Moncoutie and Barry also retiring in 2012 in www.cyclingnews.com, 19 novembre 2012. URL consultato il 18 dicembre 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 4335726 LCCN: n2005011707