Mausoleo di Santa Costanza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 41°55′21.4″N 12°31′02.57″E / 41.92261°N 12.51738°E41.92261; 12.51738

Mausoleo di Santa Costanza
L'esterno
L'esterno
Stato Italia Italia
Regione Lazio Lazio
Località Roma-Stemma.pngRoma
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Diocesi Diocesi di Roma
Inizio costruzione ca. 340
Completamento ca. 345
Sito web http://www.santagnese.org/mausoleo.htm
Il Mausoleo in una pubblicazione del 1820
Vista dell'interno
Mosaico della consegna della legge (traditio legis): vi si nota raffigurato un Cristo imberbe

Il mausoleo di Costantina, meglio conosciuto come mausoleo di santa Costanza, è un luogo di culto cattolico di Roma situato in via Nomentana, all'interno del complesso monumentale di Sant'Agnese fuori le mura.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fu fatto costruire tra il 340 e il 345, come proprio mausoleo, da Costantina, figlia di Costantino I, a ridosso della basilica costantiniana, presso la sepoltura di sant'Agnese, della quale Costantina era una devota. Vi furono sepolte sia Costantina sia la sorella Elena. L'edificio fu detto "di Santa Costanza" a seguito del fatto che Costantina erroneamente fu scambiata per una santa. Il mausoleo, come la basilica (oggi allo stato di rudere) al cui fianco sinistro era collegato, fu di proprietà imperiale, e non ecclesiastica, e dopo esser stato utilizzato come battistero della basilica di Sant'Agnese fuori le mura, divenne chiesa autonoma nel 1254 per volere di papa Alessandro IV.

Nel Rinascimento, a causa delle sue caratteristiche spaziali e del suo grado di conservazione, fu oggetto di un grande interesse da parte degli architetti,[1] anche se le scene di vendemmia presenti nei mosaici hanno fatto sì che per secoli l'edificio sia stato erroneamente identificato come un tempio di Bacco.

Architettura[modifica | modifica sorgente]

L'edificio introduce motivi dell'architettura paleocristiana, pur rappresentando la fase finale dell'architettura romana tardo antica. Il mausoleo ha una pianta centrale con un vano circolare coperto da una cupola ed illuminato da dodici finestre superiormente concluse ad arco che definiscono una fascia luminosa intorno al tamburo. La cupola poggia su 12 coppie di colonne, binate in senso radiale, disposte ad anello. Le colonne hanno capitelli compositi di reimpiego[2]. Esternamente le colonne delimitano un deambulatorio (corridoio anulare) coperto da volte.

Tale struttura crea spazi fortemente caratterizzati dal contrasto tra luce e penombra[3]. La pianta circolare di questo come di altri edifici paleocristiani viene riferita a modelli provenienti dall'architettura romana, utilizzati in mausolei funebri o ninfei come il cosiddetto tempio di Minerva Medica, dell'inizio del IV secolo, (ninfeo degli Horti Liciniani),[4] anche se la presenza del deambulatorio esterno rappresenta un elemento tipico dell'architettura paleocristiana che qui trova una delle sue prime applicazioni.[5] All'esterno dell'ambulacro correva un altro anello, oggi scomparso, in modo simile alla di poco posteriore, chiesa di Santo Stefano Rotondo. La spessa parete esterna presenta numerose nicchie verso l'ambulacro, una delle quali ospitava il sarcofago in porfido di Costantina, ora ai Musei Vaticani.

Quando il mausoleo fu trasformato in battistero, all'esterno fu realizzato un nartece, costituito da un piccolo atrio con absidi sui due lati, che precede la chiesa vera e propria.[6] All'interno si notano ancora i basamenti di un fonte battesimale.

Mosaici[modifica | modifica sorgente]

La cupola dell'edificio era, in origine, ricoperta di mosaici, distrutti intorno al 1620 in quanto in pessimo stato. Ne resta testimonianza in un disegno del portoghese Francisco de Hollanda: nel circolo più esterno era rappresentata una scena fluviale nella quale puttini pescavano in acque ove pullulavano pesci e crostacei; dal fiume emergevano alcune isolette dalle quali si staccavano dei candelabri-cariatidi che raggiungevano a raggiera il clipeo centrale della cupola, decorato con un velario a conchiglia. Da questi candelabri si distaccavano alcuni racemi, che incorniciavano medaglioni disposti su due ordini circolari nei quali erano raffigurate storie dell'Antico e del Nuovo Testamento. La simbologia era ovviamente legata alla salvezza attraverso l'adempimento delle Scritture.

Le pareti del tamburo erano invece decorate ad opus sectile, con tarsie di marmi preziosi. Di tali opere rimangono alcune testimonianze in disegni del XVI secolo.

Esistono ancora, invece, i mosaici originari del IV secolo, nella volta anulare che copre il deambulatorio. I settori individuati dalle coppie di colonne delimitano spazi di forma trapezoidale, che accolgono decorazioni con motivi che si ripetono uguali alle estremità opposte, ad eccezione del riquadro situato in corrispondenza dell'ingresso, a cui corrisponde sul lato opposto l'apertura della torretta dell'ambulacro. Vi sono rappresentati motivi geometrici e naturalistici (pavoni, colombe, rami con frutti) e scene di vendemmia, oltre a emblemata con protomi femminili, in una delle quali secondo alcuni studiosi sarebbe riconoscibile la stessa Costantina. Per quanto lo schema ricordi i mosaici pavimentali (molti dei motivi usati sono confrontabili con mosaici pavimentali africani), non è certo che vi avessero lavorato équipe musive di solito addette alla decorazione pavimentale.

In questo soffitto si può individuare uno dei primi casi di adattamento di temi pagani alla nuova iconografia cristiana ed è stata sottolineata la difficoltà dei nuovi committenti alle prese, a metà del IV secolo, con la realizzazione di immagini in grado di comunicare contenuti non più legati alla Salvezza, ma a quelli della Chiesa trionfante.[7]

Nelle due nicchie sono presenti mosaici che rappresentano una Traditio legis e una Traditio clavium a san Pietro che, seppure pesantemente restaurata nel XIX secolo (san Pietro appare senza barba), rappresenta uno dei primi esempi di tale raffigurazione che simboleggia il primato del papato.[8] Del tutto particolare tuttavia è che il Cristo appaia sul globo terracqueo, secondo un'iconografia che si ricorda prima di allora solo nelle catacombe di Commodilla: un ulteriore segno della volontà di ribadire il primato della chiesa romana attraverso il Cristo-dominatore del mondo.

Quanto alla Traditio legis, si tratta più esattamente di una Traditio pacem, per lo meno stando al cartiglio porto a san Pietro dal Cristo imberbe, poggiante su una collinetta da cui sgorgano i quattro fiumi paradisiaci, sul quale campeggia la scritta Dominus pacem dat (allusione alla pace costantiniana). Perduta l'abside costantiniana dell'antica basilica di San Pietro in Vaticano, che pare riportasse una Traditio legis, è questa una delle prime rappresentazioni di questo tema in sede monumentale. I mosaici di Santa Costanza sono i più antichi mosaici monumentali cristiani sopravvissuti a Roma (360).

Collegamenti[modifica | modifica sorgente]

Metropolitana di Roma B1.svg
 È raggiungibile dalla stazione Sant'Agnese - Annibaliano.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Jürgen J. Rasch e Achim Arbeiter: Das Mausoleum der Constantina in Rom, Spätantike Zentralbauten in Rom und Latium, vol. 4, Magonza 2007

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ A. D'Onofrio, Il Rinascimento riscopre l'antico. Il Mausoleo di Costantina attraverso i disegni del Rinascimento in "Roma Salaria",(a cura di A.Thiery),Roma, 2001
  2. ^ D.E. Strong, "Some early examples of the composite capital", in Journal of Roman Studies, 50, 1960, pp.119-128.
  3. ^ Giulio Carlo Argan, L'architettura protocristiana, preromanica e romanica, Edizioni Dedalo, 1993(1978).
  4. ^ Giulio Carlo Argan, Op. cit., Edizioni Dedalo, 1993(1978).
  5. ^ Sergio Bettini, Lo spazio architettonico da Roma a Bisanzio, 1995.
  6. ^ Il nartece potrebbe essere invece l'elemento di raccordo con la navata laterale della scomparsa basilica costantiniana di Santa Agnese: A. D'Onofrio, Op. cit. Roma, 2001
  7. ^ Guglielmo Matthiae, Pittura romana del Medioevo. Secc. IV-X, Roma, 1966
  8. ^ Gerhart B. Ladner, Il simbolismo paleocristiano. Dio, cosmo, uomo, Editoriale Jaca Book, 2008, ISBN 8816408227.

Altre immagini[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]