Opus sectile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Particolare dell'opus sectile dell'insula di Giasone a Cirene

L'Opus sectile è un'antica tecnica artistica che utilizza marmi (o, in alcuni casi, anche paste vitree) tagliati per realizzare pavimentazioni e decorazioni murarie a intarsio.

Tecnica[modifica | modifica sorgente]

Opus sectile in marmo[modifica | modifica sorgente]

L'opus sectile è considerato una delle tecniche di ornamentazione marmorea più raffinate e prestigiose, sia per i materiali utilizzati (marmi tra i più rari e quindi costosi) che per la difficoltà di realizzazione, dovendosi sezionare il marmo in fogli assai sottili ("crustae"), sagomarlo con grande precisione, e utilizzare le più diverse qualità di marmo allo scopo di ottenere gli effetti cromatici desiderati.

Plinio il Vecchio descrive questa tecnica nel libro XXXVI, VI-IX della sua Naturalis historia, indicandone l'invenzione in Caria e la prima applicazione nel Mausoleo di Alicarnasso (IV secolo a.C.). L'introduzione a Roma della decorazione parietale in opus sectile è assai più tarda e si deve, secondo Plinio, al cavaliere formiano Mamurra, che era stato capo degli ingegneri di Cesare in Gallia - risale dunque al I secolo a.C. [1].

Rapidamente, e nonostante le deplorazioni moralistiche di Plinio[2] e di altri nostalgici dell'austerità repubblicana, le decorazioni in opus sectile di pavimenti e pareti dilagarono, oltre che negli edifici pubblici, anche negli ambienti privati più sontuosi, a magnificare la ricchezza e la raffinatezza dei proprietari. Inizialmente le scaglie componevano rivestimenti a motivi geometrici (come saranno più tardi le opere dei Cosmati), ma nel tempo si svilupparono moduli iconografici naturalistici sempre più raffinati e variati nelle dimensioni, che andavano dalle grandi scene di caccia ai pannelli ornamentali a motivi floreali, al rivestimento di interi ambienti, sviluppando una vera e propria "pittura in pietra".

Le caratteristiche che misuravano la qualità dell'opus sectile erano la continuità del tessuto marmoreo (le cui commessure dovevano essere invisibili) e la ricchezza dei colori, per variare i quali si utilizzavano marmi diversi, ma anche trattamenti modificatori, come la bruciatura del giallo antico per crearvi sfumature con effetti volumetrici. Infine, tratto molto importante di questa tecnica è la resa bidimensionale delle figure.

La tecnica verrà utilizzata in occidente per tutta la durata dell'impero romano e continuerà a trovare applicazione, in Oriente, nelle basiliche bizantine.

L'opus sectile della domus di Porta Marina a Ostia[modifica | modifica sorgente]

Un esempio straordinario di un intero ambiente decorato in opus sectile e ricostruito in esposizione museale è l'aula della domus di Porta Marina di Ostia, attualmente (2009) esposto presso il Museo dell'Alto Medioevo di Roma.

L'ambiente, ritrovato nel 1949 e il cui primo restauro fu realizzato fra il 1959 e il 1966, proviene da una domus di Ostia, ed è databile agli ultimi anni del IV secolo. La sua relativa integrità (che ne ha consentito l'eccezionale restauro) è dovuta al fatto che le pareti crollarono mentre erano ancora in corso i lavori di costruzione, come dimostra l'esistenza di aree non ancora pavimentate ma i cui materiali erano stati già predisposti in loco, e la presenza di due fosse per spegnere la calce nell'area di lavoro.

Opus sectile in pasta vitrea[modifica | modifica sorgente]

Opus sectile in vetro (sec. IV), nel Tesoro di S. Ambrogio a Milano.

Una variante di questa tecnica è l'opus sectile in pasta vitrea, comunemente definito come "vetro architettonico".

Il materiale è costituito in questo caso non da sfoglie di marmi, ma da lastre di pasta vitrea, che nel caso dell'uso da rivestimento venivano colorate ad imitazione dei marmi.

Un esempio rilevante di questi sectilia è rappresentato dalle circa 30.000 lastre provenienti dalla villa di Lucio Vero sulla via Cassia e appartenenti alla Collezione Gorga[3].

I Cosmati[modifica | modifica sorgente]

Una notevole ripresa della tecnica avverrà per opera dei maestri Cosmati, tra il XII e il XIII secolo, soprattutto nell'Italia centrale ed in Sicilia. L’episodio realizzativo più interessante ed esteso dell’opus sectile a motivi geometrici di tipo cosmatesco, in area siciliana, è la decorazione della basilica normanna di Monreale [immagini in www.oddogiuseppe.it]. Ad imitazione della Cappella Palatina di Palermo, la decorazione interna della basilica di Monreale si basa sulla divisione dello spazio in due metà sovrapposte, trattate, ciascuna, con propri repertori iconografici e secondo distinte tecniche di realizzazione: opus tessellatum nella parte alta dei piani murari e sugli intradossi di fornici e volte, con figurazioni di episodi e personaggi del Vecchio e Nuovo Testamento; opus sectile nella parte bassa, ossia sull’alto zoccolo marmoreo della parete, a pavimento del Grande Presbiterio [la parte di Basilica tra il limite orientale delle navate e l’abside del Pantocràtore] e sugli arredi marmorei, con figurazioni a motivi rigorosamente geometrici. Per il numero d’unità realizzate e per la varietà delle soluzioni figurative proposte, le 493 fasce verticali in mosaico, intercalate alla lastratura marmorea delle pareti, costituiscono la più interessante applicazione della tarsia a motivi geometrici del duomo di Monreale, con un’estensione di mq 300,65 ca di superficie musiva realizzata [studi del prof. Giuseppe Oddo], in un arco temporale compreso tra il XII e il XX secolo. Altra notevole applicazione della tarsia a motivi geometrici del duomo di Monreale riguarda l’esecuzione dei pavimenti dell’area grande-presbiteriale, con un’estensione complessiva di mq 975,39 [studi del prof. Giuseppe Oddo]. Le modalità di realizzazione delle fasce a parete si basano sull’impiego di unità figurative modulari, ripetute in numero sufficiente a comporre l’inserto musivo nella sua interezza. Le soluzioni che ricorrono più frequentemente sono elaborazioni di schemi mono- bi- e multiquadratici o multitriangolari [vedi G. Oddo, Decorazione a motivi geometrici, vol. 1].

Il "commesso" o "mosaico fiorentino"[modifica | modifica sorgente]

Altare a "Commesso fiorentino" nella Chiesa di Santa Corona di Vicenza, opera di Domenico Corbarelli

La tecnica del "commesso in pietre dure", conosciuta anche come "mosaico fiorentino", fu incentivata nel XVI secolo dai Medici e fu perfezionata nel corso dei secoli grazie all'istituzione, nel 1588, dell'Opificio delle Pietre Dure da parte del granduca Ferdinando I de' Medici. I disegni, fiori, paesaggi e figure, possono essere eseguiti con questa tecnica utilizzando parti di pietra colorata, assemblate una vicino all'altra, sino a ottenere cromatismi di particolare effetto, simile a una pittura, come la definì il Vasari nel 1550. Il termine "commesso" deriva dal latino committere (congiungere) tasselli di pietra tagliati da un filo metallico secondo un disegno iniziale, partendo dal quale veniva realizzato un cartone a sezioni che fungevano da composizione. I vari pezzi venivano fissati con colla su un supporto rigido e quindi lucidati.

Sul modello fiorentino nacquero, in tempi successivi, le più note manifatture di Praga, per volere di Rodolfo II d'Asburgo e dei Gobelins da Luigi XIV di Francia, nel 1668.

Alla fine del Seicento i Corbarelli, importante famiglia fiorentina di intarsiatori di pietre dure che operarono a Brescia, Padova, Vicenza, Modena e nel mantovano, introdussero l'arte del “commesso alla fiorentina” con intarsio a carattere naturalistico nell'architettura sacra (decorazione di altari). Ricevettero la commissione di eseguire le decorazioni dell'altare per la chiesa di San Domenico a Brescia, andato perduto. In questa tecnica furono maestri altri scultori bresciani, in particolare gli appartenenti alla famiglia dei Gamba[4].

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Primum Romae parietes crusta marmoris operuisse totos domus suae in Caelio monte Cornelius Nepos tradit Mamurram, Formiis natum equitem Romanum, praefectum fabrum C. Caesaris in Gallia, ne quid indignati desit, tali auctore inventa re. (Naturalis historia, XXXVI, VII, 48)
  2. ^ Sed quisquis primus invenit secare luxuriaque dividere, importuni ingenii fuit. (ibidem, 51)
  3. ^ Per la ricerca relativa si veda il progetto Sectilia in vetro di età romana
  4. ^ Rita Venturini, I colori del sacro-Tarsie di marmi e pietre dure negli altari dell'alto mantovano 1680-1750, Fotografie di Massimo Telò, Mantova, 1997.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Maria Turchiano, I pannelli in opus sectile di Faragola (Ascoli Satriano, Foggia)
  • Maria Saguì, Storie al caleidoscopio. I vetri della collezione Gorga: un patrimonio ritrovato, Edigiglio 1998
  • Maria Stella Arena, Ostia: l'opus sectile di Porta Marina, in Archeologia viva n. 128-2008
  • Rita Venturini, I colori del sacro-Tarsie di marmi e pietre dure negli altari dell'alto mantovano 1680-1750, Fotografie di Massimo Telò, Mantova, 1997. ISBN non esistente
  • Giuseppe Oddo, "Decorazione a motivi geometrici-vol. I", Blurb 2014

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Antica Roma Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma