Manuale d'amore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Manuale d'amore
Una scena del film Manuale d'amore.JPG
Carlo Verdone e Sabrina Impacciatore in una scena del film
Titolo originale Manuale d'amore
Paese di produzione Italia
Anno 2005
Durata 112 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Giovanni Veronesi
Soggetto Vincenzo Cerami
Sceneggiatura Ugo Chiti, Giovanni Veronesi
Produttore Aurelio De Laurentiis
Produttore esecutivo Luigi De Laurentiis
Fotografia Giovanni Canevari
Montaggio Claudio Di Mauro
Musiche Paolo Buonvino
Scenografia Luca Gobbi
Interpreti e personaggi
« Quando ingrana l'amore, ingrana anche tutto il resto. »
(Tommaso/Silvio Muccino)

Manuale d'amore è un film uscito nelle sale italiane il 18 marzo 2005 e diretto da Giovanni Veronesi, diviso in quattro episodi.

Le riprese del film sono iniziate nell'agosto 2004. Il film ha anche due seguiti, Manuale d'amore 2 - Capitoli successivi (2007) e Manuale d'amore 3 (2011).

Il film ha incassato € 14.018.000.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Innamoramento[modifica | modifica sorgente]

Giulia e Tommaso si incontrano per caso, lui se ne innamora all'istante, e nonostante inizialmente Giulia non ne voglia sapere del giovane spasimante, tra i due dopo una romantica "cenetta" tra sorelle, camerieri impiccioni e borsette dimenticate, nasce l'amore, fatto di baci, fino ad arrivare alla proposta ed al matrimonio.

Crisi[modifica | modifica sorgente]

Barbara e Marco sono una coppia in crisi, vicini alla separazione. Lei è la classica moglie piena di iniziative non accolte dal marito, che infatti col passare del tempo diventa più noioso.

Tradimento[modifica | modifica sorgente]

Una vigilessa viene tradita dal marito. Sfogherà la sua rabbia sugli automobilisti, diventando la vigilessa più spietata di Roma: dopo un breve e fugace tradimento anche da parte di lei, i due coniugi si ricongiungeranno.

Abbandono[modifica | modifica sorgente]

Goffredo viene abbandonato dalla moglie Margherita. Dopo diversi, rocamboleschi tentativi di rivalsa e riconquista, Goffredo si rassegna (Io non sono abbastanza forte per sopportare questo distacco, non sono di quelli che decidono di smettere di fumare e buttano il pacchetto). Ma proprio quando la disperazione si fa più nera, incontrerà il volto amico di Livia. I due diventano confidenti e il film si chiude su una loro passeggiata sulla spiaggia, verso un appuntamento che promette molto bene per entrambi.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]


Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema