Malaxis paludosa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Malaxis paludosa
Hammarbya paludosa Belgien 05.jpg
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Orchidales
Famiglia Orchidaceae
Sottofamiglia Epidendroideae
Tribù Malaxideae
Genere Malaxis
Specie M. paludosa
Classificazione APG
Ordine Asparagales
Famiglia Orchidaceae
Nomenclatura binomiale
Malaxis paludosa
(L.) Sw., 1800
Sinonimi

Bas.:Ophrys paludosa
L., 1753
Hammarbya paludosa
(L.) Kuntze, 1891

Malaxis paludosa (L.) Sw., 1800 è una pianta appartenente alla famiglia delle Orchidaceae, diffusa nelle aree paludose dell'emisfero settentrionale.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Tavola botanica di M. paludosa (a sinistra)

È una pianta erbacea con fusto gracile alto da 5 a 20 cm.
L'apparato radicale è costituito da un rizoma verticale sovrastato da 2 pseudobulbi, l'inferiore immerso nel substrato e ricoperto da squame membranacee, il superiore che fuoriesce dal substrato e ricoperto da guaine fogliari.
Le foglie, da 2 a 3, lanceolate, formano una rosetta basale e recano sull'apice un piccolo bulbillo.
I fiori, giallo-verdognoli, da 10 a 30, di piccole dimensioni, sono riuniti in infiorescenze cilindriche. I sepali, ovali-lanceolati, sono lunghi circa 3 mm; i petali, più piccoli, hanno un apice acuto. Il labello, privo di sperone, lungo circa la metà dei sepali, è rivolto verso l'alto (resupinazione di 360°). Il ginostemio è conico, molto breve; le masse polliniche sono giallastre, prive di caudicola e ricoperte di una sostanza vischiosa che ne favorisce l'adesione al corpo degli insetti pronubi.

Fiorisce in luglio-agosto.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Malaxis paludosa si riproduce abitualmente per via sessuale, grazia alla impollinazione operata dagli insetti pronubi.
Talora è possibile anche la riproduzione per via asessuata, con formazione di strutture, denominate bulbilli che, staccandosi dalle foglie della pianta madre, garantiscono la propagazione [1].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Ha un ampio areale che copre gran parte dell'emisfero settentrionale. In Europa è presente dalla Scandinavia alle Alpi, estendendosi a est sino ai Balcani e alla Romania. In Asia è presente dalla Siberia meridionale sino a Sakhalin e al Giappone. In America la si trova dall'Alaska all'Ontario, a sud sino al Minnesota.
In Italia è presente in una sola stazione alla Torbiera di Rasun (Anterselva, Bolzano), a 1080 m di altitudine [2].

Il suo habitat tipico è rappresentato dalle torbiere, su substrati composti da muschi e sfagni; tale caratteristica consente di considerarla una pianta epifita.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Descritta da Linneo come Ophrys paludosa, è stata successivamente attribuita da Olof Swartz al genere Malaxia. Nel 1891 Otto Kuntze ne propose la attribuzione al genere monospecifico Hammarbya, in omaggio al villaggio svedese di Hammarby, residenza estiva di Linneo [3], ma tale attribuzione non è unanimemente accettata e la maggior parte degli autori continuano a considerare valido il binomio Malaxis paludosa.

Il numero cromosomico di M. paludosa è 2n=28.

Varietà[modifica | modifica wikitesto]

Ne è nota una varietà con foglie più grandi ed infiorescenza più ricca denominata M. paludosa var. robusta.

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Per la particolarità del suo habitat M. paludosa è una specie in pericolo di estinzione.
Il "Libro rosso delle piante d'Italia" la classifica come specie in pericolo critico (CR) [4]. L'unica stazione italiana esistente è protetta all'interno del Biotopo Torbiera di Rasun.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Taylor R.L, The foliar embryos of Malaxias paludosa in Canad. J. Bot. 1967; 45: 1553–1556.
  2. ^ GIROS 2009, p.269
  3. ^ Harrap, Anne & Simon Harrap, Orchids of Britain & Ireland: A Field and Site Guide, 2nd ed., London, A & C Black, 2009, ISBN 978-1-4081-0571-9.
  4. ^ Conti F., Manzi A. & Pedrotti F., Libro rosso delle piante d'Italia, Roma, Ministero dell'Ambiente, WWF Italia, Società Botanica Italiana, 1992.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Botanica