Liceo ginnasio Andrea D'Oria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Liceo-Ginnasio "Andrea D'Oria".

Il liceo ginnasio Andrea D'Oria è una scuola secondaria di Genova fondata nel 1824. Conta quasi novecento allievi iscritti a otto corsi ordinari e quattro sperimentali, tant'è che negli ultimi anni si sono registrati alcuni problemi di sovraffollamento, con classi collocate persino in quello che era l'appartamento del custode.

Dal 1937 ha sede nella via intitolata ad Armando Diaz, a poca distanza da piazza della Vittoria, e nelle immediate adiacenze della scalinata delle Caravelle, il cui nome ufficiale è "scalinata Milite Ignoto".

La sua sede originaria - quando ancora aveva il nome di scuola di studi superiori - era in stradone Sant'Agostino, nella zona di Sarzano, dove oggi ha sede la facoltà di architettura; assunse poi nel 1849 il nome di ginnasio civico intitolato ad Andrea D'Oria.

In seguito alla riforma Casati l'istituto scolastico fu poi equiparato nel 1884 agli istituti governativi, sotto la guida del primo preside, Leopoldo Marenco. Fra i docenti illustri si ricordano il latinista Ferruccio Calonghi (dal 1895), Giuseppe Siri, futuro arcivescovo ed Edoardo Sanguineti, poeta.

Nell'istituto si sono diplomate numerose personalità genovesi. Fra gli altri, si ricordano: l'attore Paolo Villaggio, i cantanti Bruno Lauzi e Luigi Tenco[1] e Gian Luigi Rondi, il cui padre era un ufficiale costretto per carriera a frequenti trasferimenti, e che fu sui banchi del Regio liceo ginnasio dal 1932 al 1935, per poi trasferirsi - sempre a Genova - al liceo Cristoforo Colombo. Il futuro padre della critica cinematografica si sarebbe diplomato, però, anni dopo al Liceo ginnasio statale Giulio Cesare di Roma. Altri celebri allievi sono stati l'ex presidente del consiglio ed ex ministro degli esteri Massimo D'Alema, il politologo e senatore Domenico Fisichella, il critico cinematografico Enrico Ghezzi, autore televisivo e ideatore di Blob, l'ex presidente FIAT Paolo Fresco, Sergio Maifredi, regista ed organizzatore teatrale, il poeta dialettale Roberto Giannoni; i politici Paolo Emilio Taviani, Alfredo Biondi e Marco Doria.

È attiva anche un'associazione di ex-allievi, presieduta da Mario Sossi, il magistrato che fu vittima, negli anni settanta, di un sequestro di persona da parte delle Brigate Rosse.

Negli anni 1980-82 vi si pubblicava il giornalino satirico Il grillo sparlante. Attualmente, il giornalino scolastico, fondato nel 1996, si chiama Dragut, dal nome del gatto di Andrea Doria, ispiratosi a sua volta dal nome di un noto pirata di quell'epoca, suo avversario e alleato di Barbarossa. Nell'aprile 2006 il liceo è stato al centro della cronaca per il suicidio di uno degli studenti avvenuto proprio nella scuola. Il ragazzo, per motivi ancora poco chiari, si è gettato da una delle finestre dell'edificio ed è morto poco dopo in ospedale[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tenco frequentò la scuola per un solo anno, nel 1951, prima di passare al liceo scientifico
  2. ^ Suicidio di un ragazzo di 16 anni a Genova

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Bibliografia su Genova.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]