Liburni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Liburni, V secolo a.C.

I Liburni sono un antico popolo marittimo che nel I millennio a.C. abitava le coste settentrionali dell'Adriatico. Per i romani la loro terra si chiamava Liburnia: una regione costiera a nordest dell'Adriatico tra il fiume Arsa (in croato oggi Raša) in Istria e il fiume Titius (oggi Krka) in Dalmazia. Diedero vita insieme agli Istri (o Histri), agli Iapodi, ai Carni e ad altri gruppi etnici minori alla cultura dei castellieri.

La loro origine fu molto antica e forse sono da connettere con i Libu uno dei popoli del mare che invasero l'Egitto alla fine del XIII secolo a.C. Il loro linguaggio era più affine a quello dei veneti che a quello delle vicine tribù illiriche. Forse Liburni e Veneti vennero insieme via mare dall'oriente alla fine del II millennio a.C., infatti secondo gli storici antichi, i veneti provenivano dalla Paflagonia in Asia Minore.

Secondo studi moderni[1] i liburni sarebbero il residuo di popolazioni italiche che nell'età del bronzo erano stanziate nei territori delle attuali Croazia, Slovenia e Dalmazia; con successive migrazioni via terra dei latino-falisci alla fine dell'età del bronzo, e degli umbri più tardi all'inizio dell'età del ferro, mentre via mare tra il XII e il X secolo a.C. provenienti dalla Dalmazia migrarono verso le coste italiane i veneti e i messapi, i liburni erano dunque strettamente affini a questi ultimi con costumi marittimi e un grado di civiltà leggermente più avanzato rispetto agli altri italici.

Alla fine del I millennio a.C. erano dediti alla pirateria e ai commerci marittimi che dall'Adriatico si spingevano fino nel Tirreno. Fondarono anche alcune colonie in Italia: Truentum alla foce del Tronto, e Lyburnus (oggi Livorno), ebbero anche uno scalo a Cuma.

Insegnarono ai romani l'arte della navigazione, e da loro deriva il nome della nave veloce liburna. Furono assoggettati dai romani alla metà del II secolo a.C.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Giacomo Devoto: Dizionario etimologico, Avviamento all'etimologia italiana

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]