Janez Drnovšek

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Janez Drnovšek
Janez Drnovsek.jpg

Presidente della Slovenia
Durata mandato 22 dicembre 2002 –
23 dicembre 2007
Predecessore Milan Kučan
Successore Danilo Türk

Primo Ministro della Slovenia
Durata mandato 14 maggio 1992 –
7 giugno 2000
Predecessore Lojze Peterle
Successore Andrej Bajuk

Durata mandato 30 novembre 2000 –
19 dicembre 2002
Predecessore Andrej Bajuk
Successore Anton Rop

Segretario generale del Movimento dei paesi non allineati
Durata mandato 7 settembre 1989 –
1990
Predecessore Robert Mugabe
Successore Stjepan Mesić

Dati generali
Partito politico Democrazia Liberale di Slovenia

Janez Drnovšek (Celje, 17 maggio 1950Zaplana, 23 febbraio 2008) è stato un politico sloveno. È stato Presidente della Repubblica di Slovenia dal 2002 al 2007. Drnovšek è succeduto a Milan Kučan, primo presidente della Slovenia indipendente.

Laureato in economia all'Università di Lubiana nel 1973, lavorò come consulente economico all'ambasciata della Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia al Cairo. Dopo una discreta carriera nel settore bancario, Drnovšek fu democraticamente eletto come rappresentante sloveno alla presidenza collegiale jugoslava il 10 aprile del 1989. Dal maggio 1989 al maggio del 1990 fu presidente della presidenza collegiale jugoslava, guidando in questa veste il summit dei Paesi non allineati, svoltosi a settembre a Belgrado.

Fu uno dei protagonisti politici del processo d'indipendenza (sostanzialmente pacifico) del suo paese. Leader del partito di centrosinistra della Democrazia Liberale di Slovenia (LDS, Liberalna Demokracija Slovenije), Drnovšek fu il secondo primo ministro della Slovenia, succedendo al democristiano Lojze Peterle, reggendo il governo sloveno dal 1992 al 2002 (con una breve interruzione, con il governo di Andrej Bajuk, nel 2000). Drnovšek è stato eletto presidente della Slovenia nel 2002, sconfiggendo Barbara Brezigar, procuratore generale della Repubblica, candidato indipendente (ma sostenuta dal centrodestra).

Dopo aver presieduto per 10 anni la Democrazia Liberale di Slovenia (19922002), il 30 gennaio 2005 Drnovšek ha lasciato ufficialmente il partito, decidendo di fondare il Movimento per la giustizia e lo sviluppo, attivo in particolare sul web ed estraneo ai meccanismi tradizionali della partitocrazia. Drnovšek ha sostenuto in un'intervista al quotidiano la Repubblica che era necessario «fare qualcosa di diverso, ripartire da zero, perché i vecchi strumenti della politica, che io conosco bene, non sono più adeguati alle sfide per il futuro. C'è troppo egoismo, carrierismo, autoreferenzialità».[1]

Durante gli anni di presidenza, Drnovšek si è smarcato dalla sua immagine di uomo politico pragmatico e rigidamente legato alle istituzioni. Ha deciso di trasferirsi in un villaggio montano e di adottare una dieta strettamente vegetariana,[2] assumendo una netta posizione in favore dei diritti animali.[3] Ha lottato contro un tumore al rene, parlandone liberamente con l'opinione pubblica e abbandonando, dopo cinque anni di malattia, le indicazioni della medicina tradizionale.

Drnovšek si è speso a livello internazionale in favore del rispetto dei diritti umani e per la solidarietà nei confronti del Terzo Mondo. Si è impegnato a favore di una soluzione per la crisi in Darfur, proponendo un piano di pace e mobilitando il segretario generale dell'ONU Kofi Annan e le cancellerie internazionali affinché si impegnino per fermare rapidamente la guerra.

Durante il suo mandato, propose inoltre al Presidente italiano Giorgio Napolitano un incontro di riconciliazione per riconoscere e ricordare le sofferenze e le atrocità del XX secolo nella zona di confine, commesse da ambo le parti, per chiudere definitivamente i conti con il passato e guardare con fiducia al processo di integrazione europea.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Membro di I Classe dell'Ordine della Doppia Croce Bianca (Slovacchia) - nastrino per uniforme ordinaria Membro di I Classe dell'Ordine della Doppia Croce Bianca (Slovacchia)
— 2003
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Carlo (Monaco) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Carlo (Monaco)
— 31 maggio 2006[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ora dialogo tra Italia e Slovenia: chiudiamo l'eredità della guerra, intervista di Alessandra Longo, la Repubblica.it, 18 maggio 2006. URL consultato il 6 luglio 2014.
  2. ^ È morto Drnovsek, il presidente-guru, la Repubblica.it, 24 febbraio 2008. URL consultato il 6 luglio 2014.
  3. ^ Janez Drnovšek, Messaggio di supporto per gli EVU Talks 2007, tradotto da Sara Mostaccio, Unione vegetariana europea. URL consultato il 6 luglio 2014.
    «È ormai chiaro che gli animali hanno sentimenti […]. Ma gli uomini che li torturano e li uccidono non hanno sentimenti e coscienza. E chi mangia animali uccisi ne condivide la responsabilità. Posso prevedere in un futuro non troppo lontano che gli uomini mangeranno solo cibo vegetariano. Mangiare animali sarà inimmaginabile tanto quanto il cannibalismo oggi».
  4. ^ (FR) Ordonnance Souveraine n° 531 du 31 mai 2006 portant élévation à la dignité de Grand-Croix dans l'Ordre de Saint-Charles, Journal de Monaco, 2 giugno 2006. URL consultato il 6 luglio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Primo Ministro della Slovenia Successore
Lojze Peterle 14 maggio 1992 - 7 giugno 2000 Andrej Bajuk I
Andrej Bajuk 30 novembre 2000 - 19 dicembre 2002 Anton Rop II
Predecessore Presidente della Slovenia Successore
Milan Kučan 22 dicembre 2002 - 23 dicembre 2007 Danilo Türk 

Controllo di autorità VIAF: 56722427 LCCN: n88299286