Alenka Bratušek

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alenka Bratušek
Alenka Bratušek 2013.jpg

Primo Ministro della Slovenia
Durata mandato 20 marzo 2013 –
18 settembre 2014
Predecessore Janez Janša
Successore Miro Cerar

Dati generali
Partito politico Slovenia Positiva

Alenka Bratušek (Celje, 31 marzo 1970) è una politica slovena, esponente di Slovenia Positiva. È stata primo ministro del paese dal 20 marzo 2013 al 18 settembre 2014.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Bratušek è divenuta Primo ministro il 20 marzo 2013, dopo il voto di sfiducia parlamentare al governo di Janez Janša[1]. È stata la prima donna a svolgere l'incarico di Primo ministro in Slovenia.

Dal gennaio 2013 all'aprile 2014 è stata anche presidente pro tempore di Slovenia Positiva. Dopo la sconfitta al congresso ha rassegnato le dimissioni da Primo Ministro. Il 18 settembre 2014 è stata sostituita nell'incarico da Miro Cerar.

Nel frattempo è stata candidata ad essere il nuovo commissario europeo della Slovenia nella commissione Juncker in cui, secondo la presentazione ufficiale, avvenuta il 10 settembre, dovrebbe ricoprire il ruolo di vicepresidente incaricato dell'Unione energetica[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lubiana, votata la fiducia al governo Bratušek, Il Piccolo, 20 marzo 2013. URL consultato il 23 marzo 2013.
  2. ^ La Commissione Juncker: una squadra solida ed esperta orientata al cambiamento

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Primo Ministro della Slovenia Successore
Janez Janša 20 marzo 2013 - 18 settembre 2014 Miro Cerar