Alenka Bratušek

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alenka Bratušek
Alenka Bratušek 2013.jpg

Primo Ministro della Slovenia
Durata mandato 20 marzo 2013 –
18 settembre 2014
Predecessore Janez Janša
Successore Miro Cerar

Dati generali
Partito politico Slovenia Positiva

Alenka Bratušek (Celje, 31 marzo 1970) è una politica slovena, esponente di Slovenia Positiva. È stata primo ministro del paese dal 20 marzo 2013 al 18 settembre 2014.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Bratušek è divenuta Primo ministro il 20 marzo 2013, dopo il voto di sfiducia parlamentare al governo di Janez Janša[1]. È stata la prima donna a svolgere l'incarico di Primo ministro in Slovenia.

Dal gennaio 2013 all'aprile 2014 è stata anche presidente pro tempore di Slovenia Positiva. Dopo la sconfitta al congresso ha rassegnato le dimissioni da Primo Ministro. Il 18 settembre 2014 è stata sostituita nell'incarico da Miro Cerar.

Nel frattempo è stata candidata ad essere il nuovo commissario europeo della Slovenia nella commissione Juncker in cui, secondo la presentazione ufficiale, avvenuta il 10 settembre, dovrebbe ricoprire il ruolo di vice-presidente incaricato dell'Unione energetica[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lubiana, votata la fiducia al governo Bratušek, Il Piccolo, 20 marzo 2013. URL consultato il 23 marzo 2013.
  2. ^ La Commissione Juncker: una squadra solida ed esperta orientata al cambiamento

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Primo Ministro della Slovenia Successore
Janez Janša 20 marzo 2013 - 18 settembre 2014 Miro Cerar