Incidente di Maury Island

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L' incidente di Maury Island è un caso controverso di osservazione di UFO avvenuto in USA tre giorni prima del famoso avvistamento da parte di Kenneth Arnold. L'opinione sul caso è divisa tra chi lo ritiene una bufala e chi un caso di insabbiamento.

Cronologia[modifica | modifica sorgente]

Il 21 giugno 1947, nel primo pomeriggio, il marinaio Harold Dahl si trovava in navigazione nei pressi di Maury Island. A bordo del battello erano presenti un altro marinaio, il figlio di Dahl e un cane. Ad un certo punto 6 UFO circolari dal diametro di una trentina di metri, di forma simile ad una ciambella con un foro al centro, sorvolarono il battello senza rumore. Uno di questi sembrava in difficoltà e si abbassò di quota finché, secondo la testimonianza di Dahl, la formazione si trovò a circa 200 metri di altezza. L'UFO in difficoltà avrebbe allora perso pezzi di metallo incandescente che cadendo uccisero un gabbiano, il cane di Dahl e ferirono suo figlio ad un braccio. Successivamente, gli UFO avrebbero accelerato la velocità e sarebbero spariti all'orizzonte, verso ovest. Dahl scattò alcune foto degli UFO.

Il giorno successivo Dahl ricevette la visita di un personaggio misterioso, che lo invitò a colazione in un locale vicino. Il misterioso visitatore era un uomo alto e robusto, indossava un completo nero e guidava una Buick del 1947. Dahl pensò che si trattasse di un agente del governo o dell'esercito. Mentre mangiavano, egli raccontò a Dahl alcuni dettagli dell'avvistamento e lo invitò a tacere, affermando che se avesse parlato la sua famiglia sarebbe stata messa in pericolo. Dahl raccontò l'accaduto al suo socio Fred Crisman, che lo invitò ad ignorare la minaccia.

Crisman raccontò i fatti ad un suo conoscente, Ray Palmer, editore di una rivista di fantascienza, che contattò Kenneth Arnold invitandolo ad indagare. Arnold incontrò Crisman e Dahl; quest'ultimo, presentandosi come ufficiale della Guardia Costiera, gli raccontò l'accaduto e gli consegnò i detriti metallici che aveva raccolto ma non le fotografie, che a suo dire erano velate e inutilizzabili e successivamente erano state smarrite da Crisman. Arnold contattò un ufficiale dell'Army Air Force, il tenente Brown, che insieme al capitano Davidson si recò ad incontrarlo, ascoltando a sua volta il racconto e prendendo in consegna il materiale caduto dall'UFO. Sulla via del ritorno, l'aereo che trasportava Brown e Davidson precipitò e i due ufficiali rimasero uccisi. Per alcuni ufologi, il governo americano aveva manovrato per fare tacere Dahl ed eliminare le prove.

Investigazione[modifica | modifica sorgente]

Sul caso venne condotta un'indagine da parte dell'USAF e dell'FBI. In base ai risultati delle indagini, il capitano Edward J. Ruppelt rivelò nuovi elementi che consentirono di fare luce sul caso. Anzitutto venne fuori che Dahl non era un ufficiale della Guardia Costiera come aveva detto ad Arnold, ma il semplice proprietario di un barcone per il trasporto del legname; inoltre i detriti metallici che aveva consegnato erano semplice lamiera aeronautica, che Brown e Davidson avevano riconosciuto, senza tuttavia dire niente ad Arnold per non metterlo in imbarazzo.

Venne poi accertato che l'aereo che trasportava i due ufficiali non era caduto per sabotaggio ma per cause accidentali. Alla fine Dahl ammise che la storia era un'invenzione e che non c'era stato alcun avvistamento né alcuna visita di personaggi misteriosi vestiti di nero. Nonostante ciò, alcuni ufologi continuano a ritenere che l'avvistamento è stato veritiero e che Dahl ha ritrattato per paura.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Edward J. Ruppelt, The Report on Unidentified Flying Objects, Doubleday, Garden City (NY), 1956
  • Kenn Thomas, Maury Island UFO: The Crisman Conspiracy, IllumiNet, Lilburn (GA), 1999

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]