Il barone di Münchhausen (film 1943)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il barone di Münchhausen
Il barone di Munchhausen 1943.png
Hans Albers in una scena del film
Titolo originale Münchhausen
Lingua originale tedesco
Paese di produzione Germania
Anno 1943
Durata 110 min
Colore colore Agfacolor
Audio sonoro
Rapporto 4:3
Genere fantastico, avventura, commedia
Regia Josef von Báky
Soggetto Rudolf Erich Raspe (libro)
Sceneggiatura Erich Kastner
Casa di produzione UFA
Distribuzione (Italia) ENIC (1943)
Fotografia Werner Krien, Konstantin Irmen-Tschet
Effetti speciali Konstantin Irmen-Tschet, Erns Kunstmann, Theo Nischwitz
Musiche Georg Haentzschel
Scenografia Emil Hasler, Otto Guelstorff
Costumi Manon Hahn
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il barone di Münchhausen (Münchhausen) è un film tedesco del 1943 diretto da Josef von Báky, dedicato alla figura del Barone di Münchhausen.

È una commedia fantastica avventurosa ispirata ai racconti che Rudolf Erich Raspe pubblicò su una rivista berlinese e che poi uscirono rielaborati e scritti in inglese con il titolo Baron Münchhausen's Narrative of His Marvellous Travels and Campaigns in Russia; le avventure vennero riviste ed estese da Gottfried August Bürger, il cui libro Wunderbare Reisen zu Wasser und zu Lande: Feldzüge und lustige Abenteuer des Freiherrn von Münchhausen rese popolarissimo il personaggio. Karl Friedrich Hieronymus, barone di Münchhausen (1720-1797) fu un personaggio realmente esistito che, negli ultimi anni della sua vita avventurosa, si ritirò in campagna dove intratteneva gli amici e i conoscenti con storie mirabolanti e incredibili di cui sarebbe stato protagonista.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il Barone di Munchhausen è un bizzarro personaggio governante di una piccola regione della Germania. Un giorno assieme alla moglie Catherine decide di assistere ad una recita che ripropone proprio le sue avventure.

La vicenda è ambientata nel 1700, e il barone assieme al suo servo Christian, grazie ad un magico siero della giovinezza, non invecchia mai a viene quasi sempre coinvolto in bizzarre e buffe situazioni; come quelle in cui egli distrugge il suo mantello, perché reso aggressivo e ribelle dal morso di un cane con la rabbia. Finalmente il barone di Munchhausen decide di dare una svolta alla sua vita e così parte per la guerra della Russia contro il regno turco. In trincea per sbaglio viene catapultato con un colpo di cannone nell'accampamento nemico: il bello è che l'uomo ha compiuto l'intero viaggio a cavallo della palla sparata. Dopo la sua avventura in guerra il barone incontrerà molte donne, tra le quali la moglie dello Zar e Christine, e deciderà di compiere un viaggio sulla luna per starsene in pace.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Fu il primo lungometraggio a soggetto girato con pellicola Agfacolor, pellicola prodotta e commercializzata in Germania, dall'Agfa nel 1936, sino ad allora usata solo per documentari e cortometraggi.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Uwe-Jens Schumann, Hans Albers. Seine Filme - sein Leben Wilhelm Heyne Verlag München 1980 ISBN 3-453-86018-7

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema