Angelo Ferrari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Angelo Ferrari (Roma, 14 agosto 1897Berlino, 1945) è stato un attore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Affermatosi molto giovane in varie discipline sportive, fu attore cinematografico dal 1916, quando esordì con il film La sepolta viva. Chiamato alle armi durante la prima guerra mondiale, fu costretto ad abbandonare l'attività lavorativa, che riprese nel 1919.

Nel 1923 fu il primo attore italiano ad emigrare in Germania dopo la crisi del cinema italiano del primo dopoguerra[1]. Nel cinema tedesco ottenne subito un ruolo importante nel suo primo film dal titolo Die grüne Manuela diretto da Ewald André Dupont. Negli anni seguenti ebbe comunque modo di collaborare con delle produzioni italiane, come nei film I volti dell'amore (1924) e Napoli è una canzone (1927).

Ebbe una carriera lunghissima, fu infatti interprete di quasi 200 film girati tra il 1916 e il 1944, in prevalenza tedeschi e austriaci, divenendo popolarissimo nei paesi di lingua tedesca. Inizialmente interpretò ruoli primari in commedie girate negli anni venti, ma dopo l'introduzione del sonoro, nella maggior parte dei film a cui prese parte gli vennero affidate parti secondarie o da «comparsa».

La sua ultima partecipazione alle riprese di un film risalrebbe al 1945, quando venne girata una pellicola dal titolo Verlobte Leute, rimasta incompleta. Ferrari sarebbe morto proprio in quell'anno in una Berlino insanguinata dalle ultime fasi della guerra in corso. Non si conoscono le cause della sua morte, qualche tardo necrologio italiano parlò di un ictus, ma in realtà, sembra che Ferrari sia stato fucilato per un tragico errore, non si sa però se dai nazisti o dai sovietici[2].

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Lettura, vol. 29, 1929, p.302-303
  2. ^ Bianco e nero, vol. 39, 1978, pag. 39

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV. - Bianco e nero, vol. 39 - Roma, Centro sperimentale di cinematografia, 1978.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]