Hobart Bosworth

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hobart Bosworth (Photoplay Magazine 1916)

Hobart Bosworth, all'anagrafe Hobart Van Zandt Bosworth, (Marietta, 11 agosto 1867Glendale, 30 dicembre 1943), è stato un regista, attore, sceneggiatore, produttore cinematografico statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato Hobart Van Zandt Bosworth, era - da parte di padre - un diretto discendente di Miles Standish (1584-1656) e di John e Priscilla Alden, pellegrini del Mayflower. I Van Zandt, la famiglia di sua madre, furono tra i primi coloni olandesi in America. I Bosworth furono sempre molto orgogliosi delle loro origini.

Morta sua madre, il padre si risposò. Il giovane Hobart si trovò male con la matrigna tanto da andar via di casa. Nel 1914, in un'intervista che aveva rilasciato, racconta che era scappato a New York, per esser stato "trattato crudelmente". Imbarcatosi su un clipper, per qualche anno fece il marinaio. Tra i diversi mestieri che provò in quel periodo, ci fu anche quello del baleniere, del pugile semi professionista, del lottatore e del cow boy in un ranch della California del Sud.

Carriera teatrale[modifica | modifica wikitesto]

Volendosi cimentare con la pittura, dietro consiglio di un amico, ottenne un incarico come direttore di scena di un teatro a San Francisco. Impiegò i soldi guadagnati nello studio della pittura. Nel contempo, fece anche l'attore, recitando in piccoli ruoli. Così, a diciotto anni, iniziò una carriera che l'avrebbe portato alla notorietà. Attore di giro in compagnie shakespeariane, venne assunto da Louis Morrison. Si diede anche alla scrittura: una sua versione di Faust entrò nel repertorio di Morrison che l'avrebbe utilizzata nei seguenti vent'anni nelle sue messinscene teatrali.

Dopo una parentesi in cui lavorò come minatore ai pozzi di Park City, nello Utah, si trovò a fare l'assistente prestigiatore del mago Hermann the Great in un tour messicano. All'epoca, il ventunenne Hobart incontrò - dopo undici anni - per la prima volta suo padre. Ma l'incontro si rivelò infelice e i due non si rividero mai più.

Arrivato a New York nel dicembre del 1888, venne assunto da Augustine Daly che gli affidò il ruolo di Charles in Come vi piace. Bosworth restò in compagnia con Daly nei seguenti dieci anni. Recitò non solo negli Stati Uniti, ma anche in Europa, a Berlino, Colonia, Londra, Parigi... Lasciato Daly, che gli affidava solo piccoli ruoli, firmò con Julia Marlowe, ottenendo in questo modo, ruoli da protagonista.

Nel momento in cui cominciava a diventare una star, Bosworth venne colpito dalla tubercolosi, una malattia che, all'epoca, era spesso mortale. Per curarsi, fu costretto a lasciare le scene. Recuperò la salute, ma il suo rientro troppo frettoloso sul palcoscenico lo portò ad avere una ricaduta. Non riuscì mai a debellare completamente la malattia e, per tutta la vita, dovette bilanciare con accortezza periodi di lavoro con periodi di riposo, in modo da mantenere sotto controllo la tubercolosi.

Ritornato sui palcoscenici di New York, apparve - nel ruolo di Eilert Lovborg - in Hedda Gabler, una ripresa del 1903[1] del dramma di Ibsen. Per curarsi, andò a stare in Arizona, dove poteva trarre beneficio dal clima secco del luogo. Ma la malattia influì comunque sulla sua voce. Per un attore di teatro, la cosa era un disastro. Bosworth trovò allora la soluzione nel rivolgersi al cinema che, all'epoca, era muto.

Carriera cinematografica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1908, andò a vivere a San Diego dove venne assunto dalla Selig Polyscope, una casa di produzione nata a Chicago e considerata una pioniera del cinema delle origini. Messo sotto contratto, convinse la compagnia a trasferirsi a Los Angeles. Per la Selig, Bosworth girò in esterni alcuni film il primo dei quali fu The Count of Monte Cristo. Pioniere del cinema muto, Bosworth viene spesso indicato come il "decano di Hollywood" ("Dean of Hollywood"). Scrisse, diresse e interpretò centinaia di pellicole. Attratto dai romanzi di Jack London che gli ricordavano le sue passate avventure da ragazzo, produsse una serie di film tratti dai suoi libri quando, nel 1913, fondò una propria casa di produzione.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

1908[modifica | modifica wikitesto]

1909[modifica | modifica wikitesto]

1910[modifica | modifica wikitesto]

1911[modifica | modifica wikitesto]

1912[modifica | modifica wikitesto]

1913[modifica | modifica wikitesto]

1914[modifica | modifica wikitesto]

1915[modifica | modifica wikitesto]

1916[modifica | modifica wikitesto]

1917[modifica | modifica wikitesto]

1918[modifica | modifica wikitesto]

1919[modifica | modifica wikitesto]

1920[modifica | modifica wikitesto]

1921[modifica | modifica wikitesto]

1922[modifica | modifica wikitesto]

1923[modifica | modifica wikitesto]

1924[modifica | modifica wikitesto]

1925[modifica | modifica wikitesto]

1928[modifica | modifica wikitesto]

1929[modifica | modifica wikitesto]

1933[modifica | modifica wikitesto]

1936[modifica | modifica wikitesto]

1937[modifica | modifica wikitesto]

1938[modifica | modifica wikitesto]

1941[modifica | modifica wikitesto]

1942[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Produttore (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Spettacoli teatrali[modifica | modifica wikitesto]

  • Hedda Gabler (Broadway, 5 ottobre 1903)
  • Marta of the Lowlands (Broadway, 13 ottobre 1903)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Hedda Gabler su IBDB
  2. ^ secondoIMDb il regista non è confermato
  3. ^ Secondo Silent Era, mentre IMDb non riporta il nome del regista

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 22402908 LCCN: n85151891